laRegione
conti-2019-di-locarno-piovono-le-critiche
La politica finanziaria della Città al banco degli accusati (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
8 ore

Scuole medie di Lodrino: ampliamento e un sogno (la piscina)

Dal Municipio di Riviera due messaggi per la variante di Piano regolatore e per la permuta dei terreni privati necessari al Cantone
Mendrisiotto
9 ore

Casa anziani Soave di Chiasso, nove residenti positivi

Lo comunica il Dipartimento della sanità e socialità, precisando che per i nove ospiti è stato disposto l'isolamento in camera
Luganese
9 ore

Mortale di Sigirino, la difesa ricorre in Appello

Contro la condanna a 10 anni di carcere per omicidio intenzionale l'avvocato Yasar Ravi impugnerà la sentenza pronunciata dalle Assise criminali
Mendrisiotto
9 ore

Delitto di via Valdani, a processo 5 anni dopo

Rinviati a giudizio padre e figlio, accusati dell'assassinio di un 73enne in un parcheggio sotterraneo di Chiasso
Ticino
10 ore

In Ticino rimandate cresime e prime comunioni

Lo comunica il vescovo di Lugano in una lettera ai ticinesi dopo che Berna ha fissato a 50 il tetto massimo di fedeli ammissibili negli edifici di culto
Locarnese
11 ore

Minusio, preventivo 2021 con disavanzo di quasi due milioni

A pesare sul bilancio sono la pandemia e i suoi strascichi. Moltiplicatore invariato al 78%, una scelta 'politica': ‘È una situazione straordinaria’
Luganese
11 ore

Il colpo di Monteggio, chieste massicce riduzioni di pena

Gli avvocati Galliani e Bordignon avanzano in via principale l'assoluzione per il 40enne e il 63enne. Domani la sentenza.
Gallery
Locarnese
11 ore

Lionza, per Palazzo Tondü già una trentina d'interessati

Numerosi coloro che hanno risposto all'invito della Fondazione. Prolungata, nel frattempo, la durata del concorso che scadrà il 31 gennaio
Mendrisiotto
12 ore

Delitto di via Valdani a Chiasso, in aula per assassinio

La Procuratrice pubblica Marisa Alfier ha rinviato a giudizio padre e figlio. I fatti risalgono al 27 novembre 2015
Locarnese
12 ore

Rusca e Saleggi a Locarno, contro l'antenna oltre 900 firme

Significativo successo per la petizione che accompagna un'opposizione al progetto. ‘Vicino c'è la Scuola dell'infanzia: mamme preoccupatissime’
Locarnese
12 ore

Si è spento Ugo Romerio, docente umano e preparato

Lutto nel mondo della scuola ticinese. Insegnante di italiano al Liceo di Locarno, appassionato di teatro è stato anche alla guida della Società storica
Bellinzonese
13 ore

Si ferisce cadendo con la e-bike in Leventina

Vittima un 65enne turgoviese che stava pedalava da solo sulla strada: ha picchiato la testa e si è fratturato un polso
Luganese
13 ore

Covid-19, cinque positivi alle Medie di Canobbio

Quattro classi di IV in quarantena. Il Comitato genitori chiede mascherine dagli 11 anni e più bus. Bertoli: 'Terremo conto delle preoccupazioni'
Locarnese
13 ore

Locarnese, cancellate le celebrazioni dei morti nei cimiteri

Alcune parrocchie della regione – Locarno, Gordola e Montedato, Intragna, Losone, Ascona e Brissago – hanno deciso annullare le manifestazioni per Ognissanti
Mendrisiotto
13 ore

Castel San Pietro, 50 mascherine per ogni famiglia

Il Comune le metterà a disposizione gratuitamente: misura voluta per 'incentivarne l'utilizzo e contribuire alla riduzione dei contagi'
Grigioni
13 ore

Grono verso maggior sicurezza per il fiume Calancasca

Previsti interventi per 1,5 milioni di franchi. Dopo il preavviso favorevole del Consiglio comunale, ora si esprimerà la popolazione
Locarnese
13 ore

Centovalli, riapre la cantonale a Camedo

Fra oggi e domani riapre la strada (a traffico alternato), chiuse due settimane fa a causa di una frana in zona deposito rifiuti
Locarnese
18.09.2020 - 15:290
Aggiornamento : 15:51

Conti 2019 di Locarno, piovono le critiche

La Commissione della gestione mette sulla graticola i consuntivi della Città, che chiudono in rosso

I conti consuntivi della Città di Locarno per il 2019, che chiudono con un disavanzo di 860mila franchi (mentre il preventivo ipotizzava un avanzo di 33mila) sono finiti nel mirino della Commissione della gestione, che si è spaccata in due.

Il rapporto di maggioranza (relatore è Gianbeato Vetterli del Plr), oltre a definire “spiacevole” il disavanzo, pone l'accento sulle maggiori spese (714mila franchi) e i minori incassi (178mila). “Questa situazione denota chiaramente una tendenza, da noi segnalata già in fase di Preventivo, di una probabile sovrastima delle entrate e di una sottostima delle uscite, che ha provocato infine un notevole sorpasso”. Uno “scostamento di bilancio” che negli anni scorsi è stato riassorbito dalle sopravvenienze d'imposte, ormai esaurite.

Le sopravvenienze? ‘Un'insana consuetudine’

Questa strategia “ha portato all’insana consuetudine d'inserire nei conti preventivi, per abbellirli, anche una previsione di sopravvenienze, cosa evidentemente sempre un po’ azzardata”. Il rapporto elenca quindi i minor introiti che più spiccano: parcheggi (meno 88mila franchi) e multe di polizia (meno 380mila franchi). Senza dimenticare le perdite per i mancati incassi di affitti di proprietà comunali e tasse d'uso del suolo pubblico. “Stiamo chiedendo da tempo la riorganizzazione del sistema di fatturazione e incasso che continua purtroppo a dimostrare parecchie falle”, indica la commissione.

Al capitolo uscite, viene annotato il sorpasso di 905mila franchi per le spese per il personale, in netto contrasto con quanto ci si era prefissati con la riorganizzazione interna degli anni 2018 e 2019. Anche per manutenzione stabili, mobilio, veicoli e costi combustibili ed energia elettrica, il preventivo non è stato rispettato.

La forbice si allarga

La Commissione fa pure notare come dal 2015 al 2019 l'aumento delle spese sia stato di 3,36 milioni (per un totale di uscite di 87,5 milioni), a fronte di un’inflazione praticamente nulla. Nello stesso periodo, le entrate sono invece diminuite di un milione di franchi, “aprendo sempre di più la forbice tra entrate e uscite”. Il rapporto di maggioranza puntualizza: “Al contrario di quanto più volte asserito dal Municipio queste cifre, dovute ai sorpassi di cui sopra, fanno purtroppo pensare all’assunzione di sempre nuovi compiti (magari anche senza l’assenso del Consiglio comunale) e/o a una ridotta attenzione a un severo controllo dei costi, come si imporrebbe in una situazione finanziaria come la nostra e come verrebbe attuato nell’economia privata per evitare un sicuro fallimento. Nel pubblico invece lo si risolve con l’aumento del debito”. E ancora: “L’uso smodato del debito pubblico permette di continuamente rimandare le misure strutturali (revisione dei compiti) atte a riequilibrare la situazione e, peggio ancora, aggrava le future generazioni di oneri insostenibili”. In conclusione la maggioranza fa notare la debolezza degli indicatori finanziari (tra i quali debito pubblico elevato e un capitale proprio esiguo); ma, in sostanza, chiede ai colleghi di Consiglio comunale di approvare il consuntivo, perché “tanto non cambierebbe più nulla”.

Ma il Palacinema 'no'

Un capitolo a sè è dedicato al credito del Palacinema: ”È molto deludente, a oramai quasi tre anni dalla sua inaugurazione, non poter ancora disporre dei dati di liquidazione finale e nemmeno dei conti dell’anno 2019 della Palacinema Sa. Sollecitiamo il Municipio a sottoporci al più presto la chiusura di questi conti”. La proposta: escludere esplicitamente l’approvazione tacita degli eventuali sorpassi di contributi e dei conti 2019 della Palacinema Sa.

‘I nodi sono giunti al pettine’

Pure nel rapporto di minoranza della Commissione (Pier Mellini, relatore, e Fabrizio Sirica del Ps) non vengono risparmiate critiche all'Esecutivo: “I nodi, come previsto, sono giunti al pettine: il risultato d’esercizio è impietoso”. Anche loro fanno riferimento agli indicatori finanziari, che fanno capire quanto sia seria la situazione della Città. “I motivi che rendono necessario un voto negativo ai conti consuntivi 2019 sono inerenti alla legalità (vedi i nostri ricorsi in merito all’ammortamento e al passaggio di spese della manutenzione ordinaria al conto investimenti) e al reale stato delle finanze che, a fare astrazione del Covid, non garantisce il pareggio a medio termine”. Le finanze di Locarno, fatte passare come sane, in realtà non lo sono. “Nonostante i continui appelli alla prudenza, il Municipio non ha voluto rinunciare all’orgoglio nel presentare conti a pareggio in modo continuato. Se si trattasse di veri pareggi, saremmo i primi a esserne fieri, anche perché non sarebbe necessario appellarsi alla prudenza, ma così non è. Dalla seconda metà degli anni Duemila lo scioglimento delle sopravvenienze d’imposta (molte delle quali appartenenti agli esercizi precedenti), a dipendenza delle necessità dei singoli esercizi ha permesso fino al 2018 di mantenere un costante pareggio alla gestione corrente, registrando pure degli avanzi. Diminuite le sopravvenienze, il pareggio è stato possibile attraverso lo spostamento di beni da amministrativi a patrimoniali, con il conseguente abbassamento dell’ammortamento amministrativo obbligatorio e attraverso il trasferimento di importi dalla gestione corrente al conto investimenti. Tutto questo a scapito degli importanti investimenti necessari e previsti e incidendo sul debito ‘reale’ espresso dai prestiti, notevolmente aumentati, il che ha anche portato il nostro partito a inoltrare ben quattro ricorsi al Consiglio di Stato, rimasti inspiegabilmente inevasi”.

Il Consiglio comunale affronterà il tema nella seduta del prossimo 28 settembre, che si svolgerà al Fevi, per ottemperare alle misure sanitarie imposte dal coronavirus.

© Regiopress, All rights reserved