laRegione
Nuovo abbonamento
museo-epper-ascona-tante-domande-nessuna-risposta
La proprietà in via Albarelle
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

Carnevali 2021, l'obiettivo era 'fare chiarezza'

Luca Filippini (gruppo di lavoro ‘Grandi manifestazioni’): 'Così si evitano spese inutili'. I Carnevali principali sono soddisfatti della decisione
Luganese
6 ore

Debiti di Campione, Gobbi: 'Dichiarazioni incoraggianti'

Il presidente del Consiglio di Stato saluta con favore l'immediata disposizione del neosindaco dell'enclave Canesi di saldare gli scoperti con la Svizzera
Bellinzonese
6 ore

Pausa pranzo e scuola dell'infanzia: interpellanza Mps

Le due consigliere comunali di Bellinzona chiedono che il Municipio garantisca 30 minuti sul mezzogiorno a tutti i docenti
Mendrisiotto
6 ore

Atti sessuali con due ragazzine, uomo in manette

Il cittadino svizzero residente nel Mendrisiotto è accusato di aver approfittato di due giovani. È in carcere da febbraio
Ticino
7 ore

Permessi, Gobbi in Gran Consiglio: ‘Ripeto, niente di illegale’

Rispondendo alle interpellanze di Pronzini, Quadranti e Sirica il presidente del governo spiega come semmai la discussione è sull'apprezzamento della legge
Bellinzonese
7 ore

Spettacolo teatrale ad Olivone

Domenica 27 settembre alle 17 'Nonna Cannella e la Luca', di e con Moira Dellatorre
Bellinzonese
8 ore

La pioggia ferma Bellinzona afterwork

I due concerti saranno recuperati domani sera nel weekend conclusivo della manifestazione che ha segnato l'estate delle piazze del centro
Bellinzonese
8 ore

'Il Plr abbia il coraggio di convincere Paglia a dimettersi'

Dura presa di posizione dell'Udc di Bellinzona in merito ai sorpassi di spesa. La sezione chiede inoltre lumi sullo stipendio percepito dal municipale sospeso
Luganese
8 ore

Polizia Malcantone ovest, è polemica

Magliaso replica all'informazione diffusa da Caslano sui 'controlli fantasma': 'Confermiamo tutto sulla base di oggettivi riscontri'.
Mendrisiotto
8 ore

Intercity nel Mendrisiotto, ‘ll Ticino non finisce a Lugano’

Lunedì prossimo a Mendrisio ci sarà una tavola rotonda con deputati momò al Gran Consiglio, vertici delle Ffs, sindaci e Crtm
campione d'italia
8 ore

Perseguita l'ex fidanzata con botte e minacce via social

Per il 40enne, campionese, disposto dall'autorità giudiziaria su indicazione dei Carabinieri il divieto di avvicinamento e contatto alla donna e al nuovo compagno.
Luganese
8 ore

Comano, a passeggio fra le opere di Nag Arnoldi

Domenica 4 ottobre verrà presentata la statua donata al Comune dalla famiglia dell'artista e distribuita la guida con il percorso verso San Bernardo
Ticino
8 ore

Pelli al posto di Pontiggia alla direzione del 'Cdt'

Dal 1° gennaio 2021 l'attuale direttore operativo sostituirà l'uscente Pontiggia, che passerà al beneficio del pre-prensionamento
Locarnese
9 ore

Quando le recinzioni diventano trappole mortali

Il caso della cerva infilzatasi su una ringhiera a Solduno è sul tavolo del Veterinario cantonale, che ricorda le regole adottate a livello federale
Luganese
9 ore

Cademario, tassa sul sacco da ottobre

L'obbligo di utilizzo dei sacchi ufficiali rossi entrerà in vigore il prossimo mese. Sabato serata pubblica sullo stato dell'azienda acqua potabile
Locarnese
15.08.2020 - 08:000

Museo Epper Ascona, tante domande... Nessuna risposta

Contro il trasloco delle opere dei due artisti, a breve partirà una segnalazione alla Commissione amministrativa della Vigilanza sulle fondazioni

Vendita del museo Epper all'albergo Eden Roc di Ascona, la contestazione non si placa. Nei giorni scorsi il Consiglio federale ha risposto all'istanza di Michele Cerciello, ex municipale del Borgo, e di Mario Matasci, gallerista locarnese: i due, già promotori della raccolta di firme contro il trasloco delle opere di Ignaz e Misha Epper in una nuova sede, si erano rivolti al governo nazionale chiedendo una verifica sull'operato della Vigilanza sulle Fondazioni e Lpp della Svizzera orientale. Vigilanza che a dicembre aveva approvato il cambiamento di statuto della Fondazione, dando così la possibilità di spostare la collezione dei due artisti, e aprendo la via alla vendita della proprietà all'albergo 5 stelle per oltre 3,5 milioni di franchi. Tutto ciò, nonostante il testamento di Mischa Epper avesse vincolato l'esposizione e l'attività artistica all'edificio in via Albarelle, senza quindi concedere alla Fondazione Epper - voluta nello stesso testamento - possibilità di vendere o di spostare quadri e sculture.
Il Consiglio federale nella sua risposta invita i due a rivolgersi alla Commissione amministrativa della Vigilianza sulle fondazioni e Lpp della Svizzera orientale.
Va detto che negli scorsi mesi in diverse occasione la coppia Cerciello-Matasci e i discendenti di Misha Epper si sono rivolti alla Vigilanza, ma finora non è giunta nessuna risposta. Alla medesima Vigilanza un anno fa erano pure state consegnate le oltre 1'500 firme raccolte contro la vendita della proprietà. Sottoscrizioni che andavano senz'altro considerate come un'opposizione formale alla cessione di villa e giardino. Tuttavia, pure in questo caso, non ci è stato nessun riscontro.

“Profondamente amareggiato”

«Tutta la faccenda mi lascia una profonda amarezza nell’animo – commenta Cerciello –. Maurizio Checchi, presidente della Fondazione Epper e vicesindaco di Ascona, non ha detto tutta la verità al Consiglio Comunale, per "timore di eventuali ricorsi”, come lui stesso ha ammesso. La Vigilanza sulle fondazioni, che è un’istituzione pubblica e governativa, ha dimostrato un atteggiamento di totale supponenza non solo verso più di 1’500 semplici cittadini, ma anche verso persone giuridiche. Mi spiego: l’avvocato dei discendenti, che sono insorti lo scorso 3 giugno per difendere il testamento della loro congiunta, non ha ancora avuto risposte dalla Vigilanza. Ho la netta impressione che le istituzioni pubbliche, autorità locali comprese, collaborino per tener celati gli atti compiuti di comune accordo».
In altre parole: contro le manovre per il trasloco del museo sono scesi in campo 1500 cittadini e i discendenti di Misha Epper tramite avvocato, con scritti e opposizioni. Ma dalla Vigilianza sulle fondazioni, che ha la sua sede principale a San Gallo, non è mai giunta alcuna replica. Dopo la cortina di fumo (nessuno ha mai fornito informazioni sulle trattative in corso, se non a cose fatte), è stato eretto un muro di gomma, contro cui i contrari al trasloco si stanno scontrando.


Il 10 agosto Cerciello e Matasci hanno compiuto un ennesimo passo. Riferendosi alle disposizioni procedurali della Vigilanza sulle fondazioni e Lpp della Svizzera orientale, hanno inoltrato un ricorso al Tribunale d’appello a Lugano. Tribunale che ha prontamente risposto, dichiarando che l'operato della Vigilanza sulle fondazioni “non può essere sindacato. Impugnate possono essere soltanto, entro 30 giorni dalla notificazione, singole decisioni prese su oggetti che riguardano una determinata fondazione”. E nell'istanza presentata dai due le decisioni contestate sono state prese da tempo (mesi) e quindi il termine di ricorso per il Tribunale d'appello è ormai scaduto.

Il prossimo passo

I due difensori del museo hanno quindi deciso di seguire il suggerimento del Consiglio federale e nei prossimi giorni invieranno una segnalazione alla Commissione amministrativa della Vigilanza sulle fondazioni delle Svizzera orientale. Una missiva per ricordare i punti salienti dell'intera vicenda, che parte dal testamento redatto nel 1978 da Mischa Epper, la quale ha lasciato la proprietà di via Albarelle alla Fondazione. Nello stesso testamento è stato definito lo scopo: “custodire, curare e rendere accessibile al pubblico, senza fine utilitario, l'opera artistica di Ignaz e Mischa Epper nella casa Epper”. Scopo modificato lo scorso dicembre con l'autorizzazione della Vigilanza. La dicitura “nella casa Epper” era diventata ”nella sede”. Una mutazione che ha spalancato le porte alla vendita della casa e del giardino, che furono dei due artisti, all'albergo Eden Roc.

Cerciello e Matasci chiederanno di valutare se l'agire della Vigilanza “sia stato corretto, adeguato e rispettoso delle volontà testamentarie che sono alla base della creazione della Fondazione”. E, in conclusione, che la Commissione intervenga per sospendere il previsto trasloco delle opere e della sede della Fondazione da casa Epper (trasloco programmato per il prossimo autunno), per bloccare la procedura avviata dalla Fondazione per acquistare l'appartamento nello stabile della Fondazione Rolf Gérard nel Borgo di Ascona (appartamento che diventerà la nuova sede) e per esaminare la validità dell'avvenuta vendita della proprietà in via Albarelle 14, con particolare riferimento alla completezza delle informazioni fornite all'acquirente in merito alle volontà testamentarie di Mischa Epper.

 ascona 
 museo epper 
© Regiopress, All rights reserved