trosa-quando-il-nemico-corre-sotto-terra
Rescue Media
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
38 sec

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla città di Lugano
Mendrisiotto
49 min

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
1 ora

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
1 ora

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
1 ora

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
2 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
2 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
2 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
2 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
10.08.2020 - 12:06

Trosa, quando il nemico corre sotto terra

L'incendio che da giorni tiene impegnati pompieri, elicotteri e forestali è di sottosuolo. Difficile da contrastare se non c'è possbilità di lotta diretta

Continua a dare filo da torcere ai pompieri, ai forestali e agli elicotteri impegnati, da giorni, nell'opera di spegnimento l'incendio boschivo sulla cima del Trosa. Un rogo, lo ricordiamo, originato da un fulmine abbattutosi sulla zona lo scorso 22 luglio. In queste ore una decina di pompieri della Sezione di montagna di Locarno è stata elitrasportata sul posto per cercare di contrastare le fiamme da terra, spalleggiata da un velivolo.
Se è vero che fortunatamente la situazione è sotto controllo e che i danni ambientali arrecati dal sinistro sono contenuti (l'area interessata è priva di boschi e cascinali), è vero altresì che i tempi necessari ad aver ragione delle fiamme si stanno prolungando e di parecchio. Con qualche, immancabile, critica, soprattutto innescata sui social, legata al mancato impiego di più elicotteri sin dall'inizio. Per capirne di più sulle scelte operative ci siamo rivolti a un ufficiale dei Civici pompieri di Locarno che, nelle scorse settimane, ha seguito da vicino l'evolversi della situazione.

"Zona inaccessibile e incendio di sottosuolo"

«Innanzitutto - spiega - occorre ribadire che per un attacco efficace all'incendio avremmo dovuto poter agire anche da terra. Ma queste pareti rocciose dove si annidano le fiamme sono impervie e di impossibile accesso. Non si può rischiare la vita di un milite. Siamo confrontati, è bene sottolinearlo, con un fuoco di sottosuolo (con combustione lenta delle sostanze vegetali presenti nel terreno, ndr.) , che si propaga sotto la superficie, a una profondità che può raggiungere i 30-40 centimetri. Questo non è dunque un incendio boschivo di quelli classici che siamo abituati a vedere. Tutta l'acqua riversata dagli elicotteri in queste settimane, in pratica, scorre via sul terreno ma non penetra in profondità. L'effetto nel contrasto è quindi limitato. È più volte successo che le fiamme, all'apparenza spente, dopo qualche ora (anche una decina!) spuntassero con nuovi focolai qualche metro più in là. La sera concludiamo il lavoro convinti che la situazione sia risolta, l'indomani siamo costretti a riprendere tutto da capo».

Avanti così, in attesa della pioggia

Ci sono similitudini con altri incendi che hanno colpito il Ticino in questi anni? «Quanto sta accadendo ora sulle creste del Trosa ricorda in particolare due incendi: quello di Someo, nel 2003, che ci ha tenuto in scacco per 2-3 settimane e quello in Valle Calanca, dove addirittura alcune settimane dopo aver dichiarato spento il rogo, le fiamme sono ripartite». Pare di capire che, in attesa di forti precipitazioni piovose (per ora non previste), difficilmente si arriverà a vincere il rogo in alta Val Resa? «Diciamo he la lotta quotidiana proseguirà. Teniamo sempre monitorata la situazione, giorno per giorno. Le alte temperature e il vento sicuramente rendono tutto più difficile». Resta il fatto che il prezioso lavoro degli elicotteri andrà avanti come sin d'ora. «Certo, perché a piedi non possiamo avvicinarci più di quel tanto. Abbiamo tentato negli scorsi giorni un intervento diretto impiegando una pompa ad alta pressione. Siamo stati costretti a ricorrere alle imbragature per non scivolare lungo il pendio. Ripeto, è una zona pericolosa, dove si può fare davvero poco. Impediremo comunque alle fiamme di oltrepassare il versante verso la Vallemaggia. Gli elicotteri (compreso il Super Puma militare), che sin qui hanno volato veramente tanto, continueranno a bagnare dall'alto i pendii con lanci mirati. Di acqua ne hanno gettata a iosa. Decine di migliaia di litri. Più di così, purtroppo, se le condizioni meteo non cambiano non possiamo fare».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved