Atalanta
2
Venezia
0
1. tempo
(2-0)
Fiorentina
3
Sampdoria
1
1. tempo
(3-1)
Losanna
Ajoie
19:45
 
Zurigo
Friborgo
19:45
 
Davos
Langnau
19:45
 
Zugo
Ambrì
19:45
 
Lugano
Ginevra
19:45
 
Zugo Academy
2
GCK Lions
0
1. tempo
(2-0)
La Chaux de Fonds
Kloten
19:45
 
Turgovia
Ticino Rockets
20:00
 
Sierre
Winterthur
20:00
 
aeroporto-luci-della-pista-accese-correttamente
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 min

’BancaStato mantenga la propria struttura finanziaria’

Luce verde della commissione parlamentare ai conti 2020. L’istituto ‘ha avuto un ruolo fondamentale nell’attuazione di misure decise da Berna’
Bellinzonese
8 min

Torna in scena il Teatro Tan di Biasca

Lo spettacolo ‘Io sono Nijinsky’ di e con Daniele Bernardi è previsto sabato 4 dicembre alle 20
Bellinzonese
22 min

Una mozione per una lingua facile a livello comunale

Lo propongono alcuni consiglieri comunali di Bellinzona dell’Unità di sinistra
Luganese
25 min

Origlio, divieto di pattinaggio sul laghetto

Il Municipio e il Patriziato rinnovano il provvedimento. Non esistono alternative alla prassi seguita negli ultimi anni
Ticino
42 min

Restrizioni anti-Covid: ‘Conseguenza prevedibile’

Il Consiglio di Stato si pronuncerà domani sulle proposte messe in consultazione dalla Confederazione. Altri Cantoni hanno già preso provvedimenti
Mendrisiotto
45 min

Vincent Van Gogh in un libro a LaFilanda a Mendrisio

Incontro con Renato Giovannoli, autore de ‘I vortici di Van Gogh’, per interrogarsi sull’artista olandese
Bellinzonese
48 min

Fiocco azzurro alla ‘Regione’ di Bellinzona

Lunedì sera è nato Enea, per la gioia dei genitori Francesca e Fabio
Bellinzonese
1 ora

San Nicolao a San Bernardino

Per l’occasione la pista di pattinaggio del Centro sportivo sarà aperta al pubblico
Bellinzonese
1 ora

Mercatino di Natale annullato a Sementina

Doveva tenersi giovedì 2 dicembre ma è stato annullato a causa della situazione di recrudescenza pandemica
Ticino
1 ora

Molestie al Dss, l’audit passerà dal voto in Gran Consiglio

La Sottocommissione della gestione suggerisce di conferire ‘il potere di imporre alle persone interpellate di collaborare’: serve un decreto legislativo
Locarnese
1 ora

Aurigeno, Brunoni e Mancini: scrittori a colloquio

Il Comune di Maggia ripropone gli incontri con gli scrittori locali che presenteranno le loro produzioni recenti
Luganese
2 ore

Preventivo 2022 a Lugano, la Gestione chiede il rinvio

Partita la richiesta agli Enti locali per prorogare l’esame del messaggio che verrà così votato l’anno prossimo, con alcune spese già effettuate
Locarnese
08.08.2020 - 11:150
Aggiornamento : 12.08.2021 - 11:35

Aeroporto, 'luci' della pista accese correttamente

La risposta dei responsabili dello scalo alle affermazioni, critiche, contenute nell'interpellanza del consigliere nazionale Bruno Storni al Consiglio federale

“Le luci pista posate a inizio anni Settanta sono, dal profilo legale, corrette. Prova ne sia che vi sono documenti formali che lo attestano. Manca, invero, solo la formale licenza edilizia e/o autorizzazione. Da municipale e il consigliere nazionale socialista Bruno Storni sa benissimo che i proprietari/progettisti della stragrande maggioranza delle infrastrutture pubbliche, private o civili-militari costruite decenni fa non sono in grado di produrre tali atti”.
Sono, queste, affermazioni catturate negli ambienti dell’Aeroporto cantonale di Locarno-Magadino e che fanno seguito alle presunte irregolarità e alle mancanze sollevate, in un atto parlamentare, dal consigliere nazionale socialista Bruno Storni (cfr. LaRegione del 29 luglio). L’esponente locarnese a Berna, in un’articolata interpellanza al Consiglio federale, lo ricordiamo, ha evidenziato l’assenza di una specifica domanda di costruzione al tempo della posa dei fari (mezzo secolo fa) per il volo notturno lungo la pista di decollo e atterraggio dei velivoli. Irregolarità, quella della quale si sarebbero resi colpevoli gli allora enti preposti, venuta a galla solo al momento della recente domanda di rinnovo delle stesse luci da parte di Armasuisse. Un progetto, questo, che ha fatto discutere (anche per il preavviso negativo dei Servizi generali del Cantone) e che attende ancora un parere favorevole proprio dalle autorità della capitale federale, dove il dossier è attentamente soppesato soprattutto dal punto di vista dell’impatto ambientale (disturbo per l’avifauna delle Bolle, in particolare, in corso di accertamento). A detta degli interpellati, “le autorità comunali, cantonali e federali che, “de jure” , tengono tali incarti per dieci anni, a parte qualche caso particolare di rilevanza, dopodiché li eliminano per fare spazio negli archivi”.

Due perizie attendibili confermano: emissioni luminose quasi insignificanti

Proprio sul problema dell’impatto luminoso delle future installazioni, dall’Aeroporto cantonale fanno sapere che “negli scorsi anni il tema delle emissioni è stato oggetto di due specifiche valutazioni (una militare e una civile). Entrambe hanno evidenziato come le attuali, vetuste, luci della pista hanno un’incidenza (scientificamente provata perché basata su un monitoraggio) che arriva all’uno percento (1% !) delle emissioni del comparto. A mo’ di esempio la sola illuminazione della “rotonda dell’aeroporto di Locarno” ha un’emissione luminosa dieci volte superiore alle luci pista”.
Ma i fautori dell’aggiornamento infrastrutturale dell’Aeroporto non si fermano qui; stavolta lanciano un attacco agli ambientalisti: “La Fondazione Bolle di Magadino - osservano - era stata coinvolta dai progettisti del DDPS con il risultato di... far perdere un anno. I suoi rappresentanti chiedono sempre di essere sentiti nel dibattito ma poi non fanno che raccogliere informazioni, a volte su temi che non dominano, finalizzate solo a formulare formali opposizioni o preavvisi cantonali negativi che rallentano le procedure toccate. Se restiamo in termini di emissioni luminose occorre sottolineare che il PUC del Parco del Piano di Magadino, in una sua specifica e precisa regolamentazione, ha definito la zona dell’aeroporto in modo coerente con la realtà: fuori, cioè, dal comparto indicato come sensibile”.

Accrescere la sicurezza operativa dei velivoli, di giorno come di notte

Ricordiamo che la sostituzione dei fari, necessaria per accrescere la sicurezza operativa, qualora dovesse essere approvata da Berna non comporterà alcun incremento dell’attività aviatoria, né diurna né notturna, nel piccolo scalo locarnese. Per questo motivo il Municipio di Locarno, l'Alba e le direzioni civili e militari dell’aeroporto (sostenute da diversi Comuni della regione) hanno caldeggiato il progetto. Va altresì ricordato che il parere del Cantone non è vincolante per l’autorità federale, alla quale spetta la competenza decisionale in autonomia.

Una curiosità, per concludere: da voci attendibili sembra che un consigliere federale presente in Ticino in occasione dei festeggiamenti del 1°di agosto si sia informalmente, e spontaneamente, espresso sull’impellenza di realizzare - senza se e senza ma - il mini allungamento della pista e la messa a giorno delle obsolete infrastrutture ancora presenti nel perimetro aeroportuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved