aeroporto-di-locarno-facciamo-luce-sulle-luci-della-pista
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
11 ore

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
13 ore

Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga

L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
17 ore

Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto

Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
Locarnese
1 gior

Botte in stazione: commozione cerebrale per un 18enne

Il fatto di violenza è avvenuto a Muralto nel tardo pomeriggio di venerdì: un gruppetto di quattro giovani ha aggredito tre ragazzi senza motivo
Bellinzonese
1 gior

Torna l’evento ‘Belli di sera’

Appuntamento per mercoledì 25 maggio nel centro cittadino. L’orario di chiusura del mercato del mercoledì e dei negozi sarà posticipato alle 21
Luganese
1 gior

Unitas, il finanziamento cantonale non sarebbe in dubbio

In seguito alla denuncia di molestie, ma si valuterà l’esito dell’inchiesta
Bellinzonese
1 gior

‘No a Avs 21 e nel 2023 un nuovo sciopero femminista’

La presidente Vania Alleva è intervenuta alla Conferenza nazionale delle donne Unia che ha riunito a Bellinzona 150 delegate
Mendrisiotto
1 gior

‘Mettete il fotovoltaico sui tetti delle vostre imprese’

Il Cantone chiama a raccolta il mondo economico del Distretto per dare un’accelerata alla svolta energetica
Locarnese
1 gior

Gli allevatori: ‘Scegliete, o noi o il lupo’

A Cevio s’incendia l’incontro con il Cantone. Criticata l’assenza del ministro Claudio Zali
Bellinzonese
1 gior

E a Bellinzona già si pensa a un Bar Blues

Il comitato EsercEventi accolto dal municipale Bison. Il coordinatore Morici: ‘Soddisfatti’. In programma non solo Notte bianca e Notte live
Ticino
1 gior

Offerta straordinaria di corsi per bambini non italofoni

L’iniziativa del Decs per i giovani in età di scuola elementare e scuola media per i ragazzi provenienti dall’Ucraina (ma non solo)
28.07.2020 - 11:47
Aggiornamento : 12:13

Aeroporto di Locarno: 'Facciamo luce sulle luci della pista'

Il consigliere nazionale di Gordola Bruno Storni interroga il Consiglio federale sulle irregolarità procedurali e su presunte antiche mancanze a livello locale

“È corretto che il progetto promosso da ArmaSuisse immobili è in discordanza con ben 4 ordinanze federali e la Legge federale sulla caccia e la protezione dei mammiferi? È corretto che l'attuale impianto fisso, che si vuole sostituire, è stato posato in assenza di procedure di approvazione formali? Come mai non si è proceduto almeno con una procedura di esame di impatto ambientale?”.

Sono le tre domande che il consigliere nazionale socialista Bruno Storni, con un'interpellanza, pone al Consiglio federale in merito ai piani di sostituzione dell'illuminazione della pista militare dell'aeroporto cantonale di Locarno-Magadino. Piani che secondo il governo federale - che ha risposto ad una precedente interpellanza di Fabio Regazzi - “non possono essere ancora approvati”. Nel frattempo, l'Ufficio federale dell'ambiente non si è ancora espresso, ma ha auspicato una perizia della Commissione federale per la protezione della natura e del paesaggio. Quanto al Consiglio di Stato ticinese, aveva risposto ad un'interrogazione di Fabio Käppeli e cofirmatari, e laddove venivano chieste delucidazioni sulla posizione negativa espressa dal Cantone, ricordava che “gli effetti degli interventi proposti sono stati valutati in un'ottica di protezione delle bolle di Magadino, quale riserva per ucccelli acquatici e migratori d'importanza nazionale; quale zona umida d'importanza internazionale; quale habitat per specie avifaunistiche nidificanti protette e prioritarie per la conservazione e facente parte dell'oggetto iscritto nell'Inventario dei paesaggi, siti e monumenti naturali d'importanza nazionale”. E aggiungeva: “Nella ponderazione degli interessi in gioco si è considerato il particolare contesto naturalistico e l'assenza di precedenti procedure di approvazione formale degli impianti ora oggetto di procedura federale”. Una considerazione che ha fatto saltare sulla sedia Storni.

'Comune e Cantone dov'erano?'

“Che sul Piano di Magadino il diritto edilizio possa essere considerato un optional non è certo una novità - rileva infatti il consigliere nazionale di Gordola -. Sono noti a tutti la trentennale battaglia con il Silos Ferrari e annessa fabbrica di cemento sorto in piena zona di protezione delle Bolle, oppure il Centro di compostaggio, tutt’ora in esercizio. Ma che ci fossero anche problemi di legalità con la pista militare dell’aeroporto cantonale di Magadino, in particolare con le luci che sarebbero state posate senza regolare domanda di costruzione, è venuto alla luce solo con la recente domanda per il rinnovo delle stesse”.

Secondo il deputato socialista, “dalle risposte alle varie interrogazioni cantonali e federali che denunciavano ritardi nella procedura edilizia della domanda di costruzione per il prolungamento della pista e rinnovo luci, sembra proprio che essa sia ferma perché le attuali luci sarebbero state posate da parte dell’Esercito senza regolare licenza edilizia; e ancora una volta l’ente locale che dovrebbe controllare il suo territorio non avrebbe fatto il suo lavoro”. Il riferimento è all'Ufficio tecnico comunale di Locarno. “Da notare - prosegue Storni - che ci sarebbe anche l’Ufficio domande di costruzione cantonale, che funge da autorità di vigilanza sui Comuni in ambito edilizio in sinergia con la Sezione degli enti locali, ma anche qui in passato non sembra ci sia stata grande attenzione su quanto succedeva sul Piano”.

Infrastrutture militari: decide Berna

In merito alle accuse rivolte a Comune e Cantone, va precisato che le infrastrutture militari non sono soggette al diritto cantonale in materia edilizia, quindi, rispetto a quanto succede all'aeroporto, Cantone e Comune hanno una voce in capitolo che non va oltre una procedura di consultazione. Questo vale sia per l'ormai antica posa dell'impianto luci originario - avvenuto qualche decina di anni fa - sia per il progetto di sostituzione (per altro preavvisato favorevolmente dal Municipio di Locarno), considerata la vetustà dell'illuminazione attuale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved