locarno-far-quadrare-il-bilancio-per-non-cadere-nel-debito
Prevenire, per non arrivare a questo punto (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
36 min

Lugano, niente quote rosa nell’Amministrazione

Bocciata la mozione Ps. Il Municipio garantisce di monitorare la situazione sulla parità di genere e assicura di voler migliorare
Mendrisiotto
40 min

Il Ppd di Mendrisio rilancia con una doppia presidenza

A guidare la sezione sono l’ex municipale Manuel Aostalli e una donna, la consigliera Davina Fitas
Bellinzonese
1 ora

Anche Cima Piazza a Giubiasco sarà Zona d’incontro a 20 km/h

Lo ha deciso il Cc di Bellinzona accogliendo la mozione Minotti-Orlandi. Parco giochi nel frattempo già arricchito di scivolo e altalena-cestone
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona si doterà di un Regolamento sociale

Il Consiglio comunale approva la mozione Lucchini. Il Municipio si era dichiarato contrario
Bellinzonese
2 ore

Aiuto alla nuova Valascia, da Bellinzona 250’000 franchi

Il Cc ha votato il compromesso indicato dal Ppd, con l’accordo anche del Municipio che proponeva mezzo milione
Bellinzonese
2 ore

Proteste contro Gobbi alla biblioteca cantonale

Una decina di persone ha manifestato in occasione di una conferenza pubblica sul tema violenza domestica
Ticino
2 ore

‘Misure occupazionali che siano rinnovabili nel tempo’

Mozione di Gina La Mantia (Ps) per le persone che non possono essere ricollocate o riqualificate
Luganese
3 ore

Capriasca, panettonata offerta e accensione dell’albero

Mercoledì sono in programma due appuntamenti all’interno del ricco programma ‘Natale in Capriasca’
Ticino
4 ore

Partito comunista, Massimiliano Ay confermato segretario

Rinnovato il comitato centrale con l’entrata di quattro ventenni. Votata una risoluzione di solidarietà a favore dei drivers
Luganese
4 ore

Tresa, Contrappunti in concerto per Natale

Il coro si esibirà sabato 4 dicembre alla chiesa San Bernardino di Ponte Tresa e per sabato 11 dicembre alla chiesa San Martino di Sessa
Luganese
4 ore

‘Il suo sogno era girare il mondo con uno zaino in spalla’

Scomparso tragicamente in Spagna il 23enne Thomas Grimaldi del Malcantone. Numerosi i messaggi di cordoglio da parte dei conoscenti sui social e non
Ticino
4 ore

Giornata del viticoltore, posti solo online

Sarà possibile seguire i lavori in remoto collegandosi in diretta al canale YouTube dell’evento
Locarnese
31.03.2020 - 22:140

Locarno, far quadrare il bilancio per non cadere nel debito

Negli ultimi 10 anni l'indebitamento fra la gioventù si è acuito. Il Municipio, conscio della problematica, punta su prevenzione, sensibilizzazione e consulenze

'A volte mi permetto cose che desidero assolutamente anche se non potrei permettermele'. Questa "confessione" - a prescindere da oggetto desiderato e possibilità finanziarie - almeno una volta nella vita l'abbiamo fatta tutti. Ora, da "permettersi uno sfizio una volta ogni tanto" a "indebitarsi pesantemente" il passo non è breve. Tuttavia, la reiterazione di un comportamento sconsiderato porta a conseguenze gravi: per la propria economia, prima; a livello sociale, poi. Soprattutto, è un fenomeno in allarmante aumento fra i giovani. Teniamo a sottolineare che non ci si riferisce qui ai casi d'insolvenza determinati da necessità.

A Locarno, negli ultimi dieci anni, la situazione dell'indebitamento "si è molto acuita, sia per la fascia giovanile, sia per le famiglie". Questo è il quadro dato dai numeri. L'esecutivo cittadino, facendo capo ai dati dell'Ufficio di statistica (del 2017), risponde così al primo quesito posto dai pipidini Barbara Angelini Piva e Mattia Scaffetta, autori dell'interrogazione (partita come interpellanza) "Gestione corretta del budget/Prevenzione all'indebitamento eccessivo - Un corso gratuito per i nostri giovani dai 16 ai 25 anni", del 20 febbraio scorso.

Il Municipio constata, basandosi sulla statistica, come i casi d'assistenza siano raddoppiati, anche nella fascia giovanile. Ma non finisce qui. È stato anche riscontrato "un utilizzo del regolamento sociale sempre più legato a problemi d'indebitamento, a volte con un piano di rientro per recuperare una parte dell'aiuto". Riporta quindi alcune stime approssimative inerenti al Comune: "Circa un terzo delle situazioni seguite dagli operatori sociali (150 fra persone o famiglie) è legata a un indebitamento eccessivo o a problematiche relative alla gestione del budget familiare". Una problematica seria che va affrontata, anche "in termini di prevenzione del disagio sociale e dell'impoverimento", si legge nel testo di risposta.

Prevenzione che passa quindi per la sensibilizzazione, ad esempio promuovendo momenti formativi. In questo senso, il Comune è intenzionato ad avviare dall'inizio di ottobre una serie di corsi in collaborazione con Rete budget sostenibile (Rebus), sulla falsariga di quelli proposti da novembre 2018 dal Comune di Lugano, in collaborazione con un rappresentante dell'Acsi. Un'idea da sviluppare valutando diverse opzioni formative.

A spingere l'attuazione del progetto di sensibilizzazione è sempre la statistica ufficiale, che rivela che solo il 6% della popolazione di 16 anni e più "era pienamente d'accordo con l'affermazione: 'A volte mi permetto cose che desidero assolutamente anche se non potrei permettermele'". Questo, si legge nella risposta dell'esecutivo, "conferma come fra le fasce più giovani della popolazione non vi sia una solida presa di coscienza sul corretto comportamento in relazione agli acquisti e soprattutto sulle conseguenze che ne derivano".

Considerando la situazione e i rischi potenziali per il tessuto sociale, il Municipio è convinto che si debba "sviluppare una strategia complessiva contro l'indebitamento eccessivo, centrata su prevenzione, consulenza specialistica, formazione e sensibilizzazione mirata di certe categorie".

Uno sportello per consulti gratuiti

L'indebitamento e la corretta gestione del denaro sono temi di primaria importanza e il Muncipio, ancora prima dell'arrivo dell'interrogazione, aveva deciso di sostenere il progetto di Rebus che propone di aprire uno sportello in città per consulenze individuali gratuite. Questa iniziativa verrà lanciata per un periodo di prova di quattro mesi ed è sostenuta dal programma cantonale "Il franco in tasca".

Il sostegno dell'esecutivo a questo progetto s'inserisce in una strategia più ampia di prevenzione e prevede, oltre alle consultazioni mirate e all'accompagnamento degli operatori sociali, la sensibilizzazione e la formazione di gruppi target specifici. L'Ufficio dell'operatore sociale, si legge ancora, è sempre "attento ai temi riguardanti l'indebitamento. Dal 2014, gli operatori sociali hanno seguito varie formazioni nell'ambito del Piano cantonale contro l'indebitamento eccessivo (Il franco in tasca)".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved