Locarnese
17.02.2020 - 17:280

Disagio giovanile a Locarno, 'più prevenzione'

Lo chiede una mozione del gruppo Ppd, preoccupato dal comportamento deviante di molti adolescenti: 'Gop' da reintrodurre e maggiori sinergie operative

La reintroduzione del Gruppo operativo permanente sul disagio giovanile (Gop) viene auspicata, con una mozione, dal gruppo Ppd in Consiglio comunale (primi firmatari Mauro Belgeri e Alberto Akai, con Barbara Angelini Piva, Simone Beltrame, Mauro Cavalli, Mattia Scaffetta, Diego Rossi e Bülent Incir). I mozionanti notano che del Gop non si hanno più notizie dopo il paio di riunioni tenute durante la legislazione 2012-16. Occorre pertanto “ricostituirlo con urgenza, anche e soprattutto perché nel frattempo le tematiche afferenti al disagio giovanile, lungi dall’essere diminuite, si sono ulteriormente incrementate nel corso degli anni”.

Il Gop era stato istituito per decisione municipale nel novembre del 2005 e “aveva lo scopo di affrontare la problematica legata al disagio e alle forme di violenza, con la convinzione di non poter risolvere a compartimenti stagni il fenomeno. Si era così concretizzato un miglior lavoro di rete tra coloro che lavorano nel reparto urbano a diretto contatto con la realtà giovanile, al fine di approntare appropriate modalità di prevenzione e sinergie operative”. Si tratta di un gremio a costo zero, composto da 15 persone quali i direttori delle Medie, i presidenti delle ex Arp, educatori del servizio educativo minorile, delegati della Polizia cantonale, operatori sociali dell’Antenna Icaro e del servizio medico psicologico, un operatore sociale, l’animatore del centro giovani, il comandante della Polcom e i capidicastero responsabili di Locarno, Losone e Ascona. Fra le proposte concrete v’era stata quella di assumere un operatore sociale; figura che poi era entrata in funzione per la soddisfazione generale ed era stata potenziata.

Il Gop era diventato un modello di riferimento a livello cantonale. Ora che non c’è più, considerano i consiglieri comunali, è necessario un ripristino.

© Regiopress, All rights reserved