laRegione
Nuovo abbonamento
angela-notari-racconta-quello-che-ci-unisce-in-un-intervista
Uno, dieci, cento, mille modi per dare alla luce ©Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
12 ore

Racconti al telefono in piazza Governo a Bellinzona

La bibliocabina si trasforma. Alzando la cornetta si potranno ascoltare narrazioni registrate in diverse lingue
Locarnese
20 ore

Centovalli, un’immersione multisensoriale nel territorio

Concretizzata la realizzazione del sentiero energetico tra Rasa e Palagnedra, progetto nato dalla collaborazione tra Masterplan e OTLVM
Luganese
20 ore

Il tram-treno, l’aeroporto il ‘nodo’ di Cavezzolo

Aspettando lo studio commissionato dal Cantone, ulteriori riflessioni sul progetto e le sue conseguenza
Ticino
1 gior

Caso pp, il governo chiede di essere coinvolto

Procuratori bocciati dal Consiglio della magistratura, il Consiglio di Stato scrive al parlamento. E lunedì audizioni in commissione e risposte in Gran Consiglio
Ticino
1 gior

Permessi, interrogazione a Roma sulla politica di Gobbi

L'ha presentata il senatore dem Alessandro Alfieri. Il sindaco di Luino Pellicini: 'Una pulizia etnica amministrativa'
Ticino
1 gior

Tutti i radar della prossima settimana

Ecco l'elenco completo delle località in cui verranno svolti dei controlli della velocità mobili e semi-stazionari
Caslano
1 gior

È disturbato mentalmente l'anziano piromane

Secondo la perizia psichiatrica, c'è un rischio medio-alto di recidiva, senza cure adeguate
Bellinzonese
1 gior

‘Prima i nostri’ e dicastero uguaglianza: due no a Bellinzona

Il Consiglio comunale si appresta a respingere la mozione Lega/Udc e a ritenere irricevibile quella dell'Mps
Ticino
1 gior

Presidio antirazzista a Lugano

Movimenti e sindacati di sinistra manifesteranno contro la politica, ritenuta discriminatoria, del Dipartimento delle istituzioni in materia di permessi di soggiorno
Gallery
Mendrisiotto
1 gior

A Stabio si festeggia il Pedibus

Il Comune è stato il 'cuore' della Giornata internazionale a scuola a piedi. Per Ata in Ticino è stato un 'grande successo'
Ticino
1 gior

Regio Insubrica, la presidenza tocca al Piemonte

L'assessore Matteo Marnati subentra al lombardo Massimo Sertori. Passaggio di consegne questa mattina ad Arona
Locarnese
1 gior

Locarno, Città Vecchia sarà tutta una 'Disfashion'

Domenica si rinnova l'appuntamento settembrino con lo shopping e la svendita di articoli di vario genere di una trentina di negozi
Mendrisiotto
1 gior

A tutta droga: anche a Coldrerio arrestati con hashish e cocaina

In manette un 30enne albanese e un 26enne italiano. Si indaga per infrazione aggrevata alla Legge federale sugli stupefacenti
Locarnese
1 gior

Someo, domenica la festa patronale

La funzione religiosa delle 10.30 vedrà la partecipazione delle coriste della parrocchia accompagnate all'organo da Nadir Ritter Salogni
Mendrisiotto
1 gior

Il confine italo-svizzero in epoca globale

Lo Spazio Officina di Chiasso ospita, il 25 settembre, un convegno per riflettere sul futuro delle aree di confine
Locarnese
1 gior

Locarno, concerto d'organo

Domenica appuntamento nella chiesa di San'Antonio con i due musicisti Olivier Latry e Shin-Young Lee
Ticino
1 gior

Edilizia, 'il Ccl cantonale non è più adeguato'

Gli impresari costruttori ticinesi stanno valutando l'ipotesi di non rinnovare il contratto collettivo di lavoro che scadrà alla fine del 2022
Luganese
1 gior

Malcantone ovest, i controlli non erano 'fantasma'

La Commissione di controllo scagiona la Polizia, ma si ripromette di esaminare il servizio nei Comuni.
Locarnese
1 gior

Ps Locarno, due nuovi co-presidenti

L'assemblea nomina Nancy Lunghi e Giorgio Fransioli. Subentrano all'uscente Alberto Inderbitzin
Bellinzonese
1 gior

In via Malmera viene rifatto un ponticello

Qualche giorno di cantiere in vista a Daro. Prossimamente sono da prevedere alcune chiusure della strada
Locarnese
24.01.2020 - 06:200
Aggiornamento : 07:49

Angela Notari racconta ‘Quello che ci unisce’ in un’intervista

L’esperienza del parto s’intreccia ad altre testimonianze e all’importanza della figura della levatrice. Domani la presentazione al BarLume di Locarno

«Il libro nasce dal mio nascere come madre» e, pubblicarlo, è «un desiderio che si avvera», confida con entusiasmo contagioso. Incontriamo Angela Notari in un bar della Città Vecchia; al tavolino, dopo un caffè, iniziamo una chiacchierata potente come un fiume e carica come magma. L’occasione dell’incontro ci è data dalla presentazione pubblica di ‘Quello che ci unisce. Dalla levatrice Lucia al nostro e vostro parto’ (SalvioniEdizioni, 2019), ospitata dal BarLume in Città Vecchia a Locarno, sabato 25 gennaio alle 16.

Condividere un’esperienza

Nella prefazione di Delta Geiler Caroli, si legge: “Angela, con il suo racconto, ha il grande merito di sollevare il velo sul vissuto del parto e sul mondo poco conosciuto delle levatrici che lo assistono in modo autonomo”. È da queste righe che parte la nostra discussione, dall’urgenza di aprire una finestra sulle diverse possibilità che una donna e la sua famiglia possono avere durante l’esperienza parto, quando priva di complicazioni (è bene chiarirlo sin dalle prime battute). L’autrice sottolinea ancora la necessità di fare un paio di considerazioni preliminari, a scanso di equivoci: il libro non è un saggio scientifico. È il racconto di un’esperienza positiva (la sua prima gravidanza) intrecciata ad altre testimonianze e, soprattutto, seguendo il fil-rouge della storia di Lucia (levatrice “pioniera” nel nostro cantone) cui fanno coro alcune sue colleghe. Pur non essendo un testo storiografico della professione a livello locale, l’autrice ne ripercorre i momenti chiave con chiarezza e compendio di fonti.

Nel libro, Angela approccia diversi argomenti, e ribadisce ancora: «Non sono esperta di nulla, se non della mia esperienza. Tutti gli argomenti che s’incontrano leggendo li ho messi lì per far capire che sono discorsi che si possono (e devono) fare rivolgendosi alle fonti autorevoli». L’intenzione è perciò «condividere esperienze e dare spunti, affinché la curiosità spinga a informarsi», tenendo ben presente che parto e maternità sono esperienze femminili peculiari e le donne che le affrontano devono avere la libertà di viverle come desiderano e secondo i propri bisogni, senza nessuna ingerenza esterna che ne orienti le decisioni o addirittura si arroghi la responsabilità di prenderle al posto loro.

«Sogno che, un domani, le donne si rendano conto di avere un ventaglio di possibilità e scelgano consapevolmente ciò che sentono, dal luogo dove partorire alla posizione da adottare fino alle persone che le seguono, e che questo alla fine contribuisca a farle sentire potenti e meravigliose. Per me è stato così», chiosa. «Il parto è una sfera che mostra bene dinamiche che si possono trasporre in diversi ambiti della vita di una donna, nella società».

Libertà d’informarsi e scegliere

Prendiamo il dato economico: il parto naturale (o fisiologico) è meno oneroso a livello di costi sanitari, come viene riportato nel libro, ma la scelta di questa via è minoritaria, da un lato perché paradossalmente per le famiglie questa scelta risulta più costosa pur gravando meno sull’intero sistema, e dall’altro perché se ne parla poco.

«Questo è un perfetto esempio di come spesso la società mostri una sola via preferenziale per fare le cose. In questo caso, una via in cui spesso la donna si trova a dover delegare le proprie decisioni, ad affidarsi ciecamente, ad avere timore e a non sentirsi in grado di farcela da sola. Nel parto naturale, la donna invece fa capo alla saggezza ancestrale del proprio corpo lasciandogli fare ciò che è perfettamente in grado di fare: dare alla luce. Credo sia una cosa che in fondo può far paura, per questo ho condiviso la mia esperienza positiva».

Nascere come madre

Riprendiamo il discorso su ‘Quello che ci unisce’, e ripartiamo dalla sua genesi: «Il libro nasce dal mio nascere come madre. Nel 2017, con l’arrivo di nostro figlio si è aperto un mondo: il parto, le levatrici e la genitorialità», racconta. L’io narrante è molto presente, Angela si mette in gioco e mette a nudo dettagli anche intimi, intrecciando la narrazione della sua esperienza con altre; un meccanismo affatto scontato che però l’autrice vede come imprescindibile: «Ho voluto esprimermi come se stessi bevendo un caffè con un’amica, lasciando anche il mio numero personale di telefono. Un primo passo per auspicare che si possa parlare di più, ci si possa confrontare di più».

Fra le pagine, c’è la storia di tante altre donne, voci introdotte perché «ci sono modi diversi di vivere l’esperienza e soprattutto ogni persona ha i suoi bisogni e ciò rende il libro corale, questo era essenziale», spiega l’autrice.

Fra le diverse figure, c’è quella fondamentale e quasi sconosciuta della levatrice: «Ho scoperto questa categoria che è incredibilmente decisiva – per professionalità, autorevolezza ed empatia – nel percorso personale di molte donne e famiglie. Ciononostante, le levatrici spesso si muovono nell’ombra e sono poco valorizzate».

Nel libro si legge: “Non credo sia un problema che tocchi solo l’ostetricia, perché c’è ancora tanta strada da fare affinché gli ambiti tradizionalmente occupati dalle donne (…) sappiano trovare uno spazio adeguato, vengano riconosciuti” (p. 61). Dall’incontro casuale con «una levatrice in particolare», quasi un archetipo – Lucia, specializzata nel parto in casa –, Notari imbastisce il suo discorso che ha nel suo nucleo l’essenzialità del rapporto di sorellanza fra tutte le donne: quell’ascolto, rispetto, sostegno così prezioso, non solo durante il periodo della maternità. Per lei i tempi sono maturi: «Siamo in un momento storico giusto per riappropriarci come donne di alcuni discorsi e percorsi di valore che ci riguardano da vicino».

Libro e autrice in pillole

Il libro di Angela Notari conta dieci capitoli (pp. 142), preceduti da una doppia prefazione e dall’introduzione dell’autrice, in cui spiega slancio e motivazioni che l’hanno spinta alla scrittura. Un epilogo chiude la pubblicazione (in cui racconta, dopo la prima esperienza più che positiva, la sua gravidanza extrauterina, «che mi ha cambiato profondamente»), cui seguono i ringraziamenti, una nota della levatrice Lucia e un’interessante sezione dedicata all’approfondimento di temi e spunti lanciati nelle pagine precedenti, con informazioni e recapiti utili.

Pillole biografiche. Verso la fine degli anni Ottanta, Angela nasce a Neggio, nel Malcantone, dove cresce. All’Università di Losanna si laurea in letteratura inglese e italiana. Dopo un anno di lavoro per Presenza Svizzera, ha fatto esperienza nella direzione del Dipartimento sanità e socialità del Cantone e ora, dopo la nascita del primo figlio e altri progetti – fra cui il lavoro al libro –, è responsabile della comunicazione della Città di Locarno, dove vive con la famiglia.

Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved