laRegione
Nuovo abbonamento
Per una maggiore sicurezza? ©Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora
'Prima o poi le direzioni delle case anziani dovranno chiedere scusa'
La rabbia dei famigliari degli ospiti deceduti per Covid-19 emerge anche in occasione della serata pubblica organizzata dal Movimento per il socialismo
Ticino
4 ore
Il dopo Caprara, istituita la commissione cerca
Alex Farinelli (presidente), Fabio Abate, Alain Bianchi, Sonia Colombo-Regazzoni, Gabriele Gendotti: a loro il compito di individuare il/la nuovo/a presidente Plr
Ticino
6 ore
Ci si prepara alla caccia alta
Avrà luogo in due momenti: dal 29 agosto al 13 settembre e dal 23 al 27 settembre. Catture illimitate per quanto riguarda i cinghiali
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona, don Maurizio Silini al posto di don Pierangelo Regazzi
Dopo 15 anni l'arciprete della Collegiata lascerà il posto al suo successore
Ticino
6 ore
Ecco tutti i controlli radar della prossima settimana
Da lunedì 6 a domenica 12 luglio verranno effettuati controlli della velocità mobili e semi-stazionari un po' dappertutto
Locarnese
7 ore
Monti Motti di Gordola, si cerca Aurèle Donis
La polizia ha diramato l'avviso di scomparsa del 34enne domiciliato a Ginevra
Mendrisiotto
7 ore
La Sat Mendrisio alla conquista dell'Ussers Barrhorn
L'uscita alpinistica è in programma il 18 e 19 luglio. Per raggiungere la vetta si seguirà una salita più impegnativa
Mendrisiotto
7 ore
Escursione guidata tra gli alpeggi del Monte Generoso
La organizza il Museo etnografico della Valle di Muggio domenica 26 luglio. Aperte le iscrizioni
Locarnese
07.12.2019 - 17:200

Videosorveglianza, a Ronco c’è chi dice ‘no’

La maggioranza è d'accordo di avere una rete di telecamere per la sicurezza, a porre i problemi è la loro collocazione

Telecamere di videosorveglianza, a Ronco s/Ascona tutti (o quasi) concordi sulla necessità di piazzarle. Meno facile, invece, è stato trovare in tempi brevi un’intesa sulla loro ubicazione.

Prova ne è che il messaggio con la richiesta di credito inviato qualche mese fa ai consiglieri comunali era stato “congelato” proprio per via del mancato accordo sulla collocazione degli “occhi elettronici” da parte delle commissioni. La scelta dei punti d’installazione operata dal Municipio non aveva, allora, convinto tutti. A breve, comunque, il messaggio atterrerà, con le modifiche del caso, sui banchi del legislativo.

Il credito ammonta oggi a 120mila franchi (qualcosina in più del precedente, proprio per via delle modifiche richieste e dell’aggiunta di una postazione). Le telecamere saranno piazzate al bivio di Porto Ronco, in via Barcone, al bivio di via Gruppaldo, a quello di via Corafora, in zona cimitero, in via Gottardo Madonna (bivio con via Ronco), al Centro raccolta rifiuti e all’intersezione tra via Livurcio e via Panorama.

Non tutti i consiglieri, però, sono pronti a dare luce verde all’operazione videosorveglianza. Le commissioni sono infatti divise. La maggioranza della Coges (commissione della gestione) è dell’avviso che l’aggiornamento del messaggio sia adeguato alle esigenze di Ronco e corrisponda alle necessità odierne per la sicurezza della popolazione.

Nel suo rapporto di minoranza, invece, il solo firmatario è dell’avviso che l’investimento non sia necessario, dal momento che tra la popolazione del Comune non si percepisce un sentimento di insicurezza e paura. Altrimenti detto, a Ronco s/Ascona si può continuare a vivere tranquillamente anche senza telecamere di controllo. Da qui la richiesta di bocciare il messaggio con il credito.

C’è, infine, da segnalare anche qualche perplessità tra i membri della commissione edilizia e opere pubbliche. Tra costoro qualcuno ha infatti sottoscritto il rapporto con riserva.

Preventivo, occhio al personale

Un freno alla crescita delle spese per il personale. Lo chiede la coges nel suo rapporto accompagnante le stime di spesa 2020 del Comune. Secondo i commissari, è tempo e ora di ridurre questa importante voce delle uscite. Al lato pratico, tra le misure da adottare avanzate vi è il posticipo dell’assunzione del quarto operaio comunale (sarà il nuovo esecutivo a valutarne la necessità), il mantenimento al 60% del grado di impiego del tecnico comunale (che il Municipio vorrebbe portare al 100%) e la rinuncia all’ingaggio di una persona che supplisca, in caso di necessità, l’impiegata del turismo (meglio una supplenza interna al personale).

© Regiopress, All rights reserved