kursaal-locarno-casino-siamo-ai-precetti-esecutivi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
28 min

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
36 min

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
37 min

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
41 min

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
41 min

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
54 min

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
1 ora

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
1 ora

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
Mendrisiotto
3 ore

A Coldrerio si cammina con il nordic walking

Dal 29 agosto prossimo riaprono i corsi. L’appuntamento è già fissato tre volte la settimana
19.11.2019 - 06:00
Aggiornamento: 19:34

Kursaal Locarno-Casinò, siamo ai precetti esecutivi

Le ingiunzioni di pagamento sono state inoltrate per la metà affitto non pagata e per i mancati contributi alle Fondazioni

Kursaal Locarno Sa e Fondazioni Cultura e Turismo dissotterrano le loro asce di guerra e reagiscono agli “sgarbi” della Casinò Locarno Sa dopo che questa, unilateralmente, aveva deciso da una parte di pagare soltanto metà dell’affitto alla Kursaal per l’occupazione degli spazi nell’ala adiacente al Teatro (mezzo milione di franchi invece del milione blindato a contratto), e dall’altra di congelare – azzerandoli – i contributi di pubblica utilità alle due Fondazioni. Si tratta di una reazione particolarmente forte perché si traduce in due precetti esecutivi già partiti (da parte della Kursaal e della Fondazione Turismo) e in uno ancora non certo, ma probabile (Fondazione Cultura).
Il braccio di ferro parte da lontano e ha coinvolto prima le Fondazioni e poi la Kursaal. Le prime ne fanno le spese dal 2017, anno in cui la Casinò – confrontata con un progressivo calo di redditività – aveva tagliato i contributi da 400mila a 350mila franchi ognuna, e senza concedere la possibilità di un contraddittorio. Nel 2018, poi, i 350mila franchi erano diventati 300mila (anche in questo caso per decisione unilaterale) e da quest’anno alle Fondazioni non entra addirittura più nemmeno il becco di un quattrino. Sempre quest’anno il rubinetto della Casinò si è parzialmente chiuso anche per la Kursaal, che nei suoi spazi in Largo Zorzi ospita da sempre la casa da gioco: il milione di franchi d’affitto stabilito a contratto – l’equivalente di 83mila franchi al mese – è stato ridotto autonomamente dalla Casinò a mezzo milione, pagato in due tranche.

Nuovi oneri: teorie diverse

Mentre tutto ciò si verificava, tentativi di dialogo erano andati in scena per trovare una soluzione di compromesso che permettesse alla Casinò di rifiatare e alle altre parti di continuare ad incassare se non tutto, almeno una parte di quanto pattuito ad inizio concessione. Si era parlato di un margine di ridefinizione sia dell’affitto (mezzo milione è quanto la Casinò sarebbe disposta a pagare, ma alla Kursaal non basta) sia dei contributi ricorrenti, che tutti sono d’accordo di modulare in base all’andamento degli affari della casa da gioco, ma basandosi su parametri diversi: se infatti la Casinò Locarno ha sempre detto di voler considerare la cifra d’affari lorda, la Kursaal continua a sostenere che dovrebbero far stato gli utili conseguiti. Ma intanto, mentre ci si perdeva in questioni di questo genere, emergeva l’incapacità di intavolare una vera trattativa, che considerasse equamente le reciproche esigenze. Era pertanto inevitabile che prima o poi il bubbone scoppiasse. Cosa che è avvenuta non soltanto con il lungamente minacciato precetto esecutivo fatto emettere dalla Kursaal per la parte di affitto non pagata, ma anche con una seconda ingiunzione di pagamento partita su richiesta della Fondazione Turismo (e nei prossimi giorni la Fondazione Cultura deciderà se fare altrettanto). Si tratta al di là di ogni dubbio di una svolta emblematica dei rapporti estremamente tesi fra le parti. Così nella logorante diatriba si apre un nuovo fronte, i cui esiti sono incerti e potenzialmente pesantissimi: potrebbero infatti andare a lambire il rinnovo della concessione federale, nel 2023, o addirittura determinare un clamoroso trasloco della Casinò verso altri lidi; un’eventualità, questa, che i rappresentanti della casa da gioco hanno sempre escluso, ma che a questo punto sembra poter improvvisamente prendere quota.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved