laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
26 min
Cade dall'impalcatura, ferito operaio su un cantiere di Paradiso
Secondo le prime ricostruzioni il muratore sarebbe caduto da circa tre metri. Sul posto l'Unità di intervento dei pompieri di Lugano.
Ticino
40 min
Covid-19, resta sulle dita di una mano il conto dei positivi: più 4
Da ieri sono quattro in più i casi di persone colpite da coronavirus: in totale da inizio pandemia in Ticino sono così 3'355.
Locarnese
43 min
La Società ginnastica Virtus in assemblea
Si terrà sabato 11 luglio al Palacinema di Locarno
Locarnese
49 min
La Carità, nuova responsabile infermieristica
Silvia Goncalves, all'Ente ospedaliero cantonale dal 2006, il 1° luglio ha rilevato nella funzione Chiara Canonica
Luganese
50 min
È un 65enne germanico la vittima dell'annegamento a Morcote
Domiciliato nel Mendrisiotto l'uomo, il cui corpo è stato rinvenuto stamattina, dopo aver cenato a Caprino, si è tuffato nelle acque davanti all'Hotel Diamond
Luganese
2 ore
Soffia il vento e cade un albero in centrocittà a Lugano
La grossa pianta ha ostruito completamente via Pioda per alcune ore. Necessario l'intervento dei pompieri.
gallery
Luganese
2 ore
Un uomo scomparso fra le acque di Morcote
L'allarme è stato lanciato verso le due, subito avviate le ricerche guidate dalla Polizia cantonale con l'ausilio della Sezione lacuale e della Rega.
Bellinzonese
4 ore
Parco eolico del Gottardo: spuntano le prime torri
Da fine luglio verranno assemblate le turbine. L'entrata in servizio dell'impianto, il primo in Ticino, è prevista entro fine novembre
Luganese
11 ore
Lugano, tre ore per approvare il consuntivo 2019
Il Consiglio comunale dopo lunghe discussioni dà luce verde ai conti della Città che hanno chiuso con un utile d'esercizio di 6,7 milioni.
Mendrisiotto
11 ore
Mendrisio: La Città odierna? In futuro potrebbe essere un lusso
Nel presente l''operazione risparmio' premia i consuntivi 2019, in rosso ma meno del previsto. Al lavoro per rivedere Piano finanziario e priorità
Locarnese
19.11.2019 - 06:000
Aggiornamento : 19:34

Kursaal Locarno-Casinò, siamo ai precetti esecutivi

Le ingiunzioni di pagamento sono state inoltrate per la metà affitto non pagata e per i mancati contributi alle Fondazioni

Kursaal Locarno Sa e Fondazioni Cultura e Turismo dissotterrano le loro asce di guerra e reagiscono agli “sgarbi” della Casinò Locarno Sa dopo che questa, unilateralmente, aveva deciso da una parte di pagare soltanto metà dell’affitto alla Kursaal per l’occupazione degli spazi nell’ala adiacente al Teatro (mezzo milione di franchi invece del milione blindato a contratto), e dall’altra di congelare – azzerandoli – i contributi di pubblica utilità alle due Fondazioni. Si tratta di una reazione particolarmente forte perché si traduce in due precetti esecutivi già partiti (da parte della Kursaal e della Fondazione Turismo) e in uno ancora non certo, ma probabile (Fondazione Cultura).
Il braccio di ferro parte da lontano e ha coinvolto prima le Fondazioni e poi la Kursaal. Le prime ne fanno le spese dal 2017, anno in cui la Casinò – confrontata con un progressivo calo di redditività – aveva tagliato i contributi da 400mila a 350mila franchi ognuna, e senza concedere la possibilità di un contraddittorio. Nel 2018, poi, i 350mila franchi erano diventati 300mila (anche in questo caso per decisione unilaterale) e da quest’anno alle Fondazioni non entra addirittura più nemmeno il becco di un quattrino. Sempre quest’anno il rubinetto della Casinò si è parzialmente chiuso anche per la Kursaal, che nei suoi spazi in Largo Zorzi ospita da sempre la casa da gioco: il milione di franchi d’affitto stabilito a contratto – l’equivalente di 83mila franchi al mese – è stato ridotto autonomamente dalla Casinò a mezzo milione, pagato in due tranche.

Nuovi oneri: teorie diverse

Mentre tutto ciò si verificava, tentativi di dialogo erano andati in scena per trovare una soluzione di compromesso che permettesse alla Casinò di rifiatare e alle altre parti di continuare ad incassare se non tutto, almeno una parte di quanto pattuito ad inizio concessione. Si era parlato di un margine di ridefinizione sia dell’affitto (mezzo milione è quanto la Casinò sarebbe disposta a pagare, ma alla Kursaal non basta) sia dei contributi ricorrenti, che tutti sono d’accordo di modulare in base all’andamento degli affari della casa da gioco, ma basandosi su parametri diversi: se infatti la Casinò Locarno ha sempre detto di voler considerare la cifra d’affari lorda, la Kursaal continua a sostenere che dovrebbero far stato gli utili conseguiti. Ma intanto, mentre ci si perdeva in questioni di questo genere, emergeva l’incapacità di intavolare una vera trattativa, che considerasse equamente le reciproche esigenze. Era pertanto inevitabile che prima o poi il bubbone scoppiasse. Cosa che è avvenuta non soltanto con il lungamente minacciato precetto esecutivo fatto emettere dalla Kursaal per la parte di affitto non pagata, ma anche con una seconda ingiunzione di pagamento partita su richiesta della Fondazione Turismo (e nei prossimi giorni la Fondazione Cultura deciderà se fare altrettanto). Si tratta al di là di ogni dubbio di una svolta emblematica dei rapporti estremamente tesi fra le parti. Così nella logorante diatriba si apre un nuovo fronte, i cui esiti sono incerti e potenzialmente pesantissimi: potrebbero infatti andare a lambire il rinnovo della concessione federale, nel 2023, o addirittura determinare un clamoroso trasloco della Casinò verso altri lidi; un’eventualità, questa, che i rappresentanti della casa da gioco hanno sempre escluso, ma che a questo punto sembra poter improvvisamente prendere quota.

© Regiopress, All rights reserved