laRegione
Nuovo abbonamento
la-nostra-colombia-fra-disagio-e-speranza
Virgilio e Laura in un 'selfie' da Buenaventura
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
10 min
Annullata la festa all'alpe Piora
Lo comunica la Corporazione dei boggesi
Bellinzonese
20 min
Il circolo di Quinto ha un nuovo giudice di pace
Designato tacitamente Max Hofmann di Prato Leventina che sostituisce Sergio Barloggio
Luganese
26 min
Lugano, 'improponibile far pagare il parcheggio alle bici'
La sezione cittadina del Ppd è preoccupata dell'ipotesi ventilata di riscuotere tasse a carico di chi fa uso delle due ruote
Luganese
44 min
Scollinando ritorna con un nuovo prospetto
L'evento vero e proprio è già stato fissato per il 13 giugno dell'anno prossimo ma ora c'è una segnaletica dei percorsi
Bellinzonese
58 min
A Giornico i Samaritani diventano Scacciapensieri
Sciolta la sezione, la nuova associazione ne ha ripreso in parte i servizi nonché l'offerta ricreativa che sarà rivolta a tutta la popolazione
Bosco Gurin
1 ora
Il rustico di Germano Mattei per la seconda volta all'asta
Il proprietario si dice sorpreso per questa nuova procedura: 'Stavamo mettendo a posto le cose'. Emerge ancora la motivazione politica
Luganese
1 ora
'Abuso a Castagnola', Bianchetti ricorrerà
L'avvocato e consigliere comunale di Lugano preannuncia battaglia su una trasformazione che violerebbe le norme che tutelano i nuclei storici.
Bellinzonese
1 ora
Primo Agosto a Bellinzona senza spettacolo pirotecnico
Confermato l'intervento del consigliere federale Berset. L'accesso sarà contingentato: faranno stato le iscrizioni in ordine di arrivo
Ticino
1 ora
Orari 2021 e apertura del Ceneri, serviva più coraggio
L'associazione Astuti saluta positivamente il potenziamento del trasporto pubblico, "ma si poteva osare di più"
Ticino
2 ore
Acquisti local, Lucibello: 'I ticinesi oggi sono più sensibili'
Il presidente della Disti a quasi due mesi dalla campagna '#ripartiamo': 'Da noi un grande ringraziamento, ne va dei negozi e dei posti di lavoro'
Ticino
3 ore
Progetto NonFumantori, due le classi ticinesi premiate
Si tratta della 2D della scuola media di Giubiasco e la 3E di Bellinzona 2. Il concorso, a livello nazionale, verrà riproposto a settembre
Mendrisiotto
3 ore
Mendrisio, il Municipio conferma la fiducia all'Ecam
Sollecitato da un'interrogazione del gruppo Lega-Udc-Ind., l'esecutivo spiega di essere stato informato regolarmente sulla pandemia in casa anziani
Bellinzonese
3 ore
Villa dei Cedri a Bellinzona, due le opere vandalizzate
Oltre al gigante cui è stata amputata la gamba sinistra, con un oggetto appuntito sono state sfregiate le superfici di un'installazione marmorea
Locarnese
12.11.2019 - 06:000

'La nostra Colombia fra disagio e speranza'

Testimonianza dalla città portuale di Buenaventura dei cooperanti Comundo Virgilio Pohl e Laura Flòrez, dopo due mesi di permanenza

«La delinquenza comune è un aspetto che non avevamo sottovalutato, ma che si conferma soprattutto, per noi, come un fattore di rischio quotidiano. Ci spostiamo a piedi unicamente in centro città. Passata l’ora dell’oscurità è necessario riflettere bene su come ci si sposta e su dove passare per tornare a casa». È un estratto particolarmente significativo dal racconto dei cooperanti Virgilio Pohl e Laura Flòrez, a due mesi dalla loro partenza per Buenaventura, dove si trovano sotto la “bandiera” di Comundo per conto della “Fondazione per degli spazi di convivenza e di sviluppo sociale” (Fundescodes). Laura, giovane colombiana residente a Neuchâtel, e Virgilio, locarnese, stanno vivendo in loco un’esperienza che si protrarrà per un anno, rispettivamente 5 mesi.

«Buenaventura è una città della regione del Pacifico colombiano che ospita il più importante porto marittimo internazionale del Paese – ricordano –. Il suo territorio è definito dalla legge colombiana quale “territorio etnico”, in quanto abitata storicamente da comunità indigene e afro-discendenti. Identità, autonomia e cultura fanno di questo luogo un territorio di pace e convivenza. La realtà è tuttavia alquanto diversa». Questo poiché «la concentrazione di interessi economici attorno all’attività portuale, la crescita del porto e dei progetti nazionali per la città, hanno generato dispute e invasioni per il controllo territoriale tra i vari attori sul campo. I gruppi armati, legati alla delinquenza, al paramilitarismo, alla guerriglia, al narcotraffico e allo Stato, controllano i Comuni e i quartieri e gran parte dell’economia locale. Presenti e influenti sono anche i differenti cartelli della droga colombiani e messicani». Un’incertezza che «aumenta il sentimento di paura nella popolazione, poiché si moltiplicano le possibili fonti e i fattori di aggressione e di violenza».

In questo contesto si muovono dunque i due giovani cooperanti. L’archivio di Fundescodes, per cui operano tramite Comundo, «raccoglie più di 250 casi di sparizione forzata di persone, quei “desaparecidos” che scompaiono da un momento all’altro senza che sia lasciata nessuna traccia e che spesso vengono uccisi». Obiettivo di Fundescodes è «promuovere la costruzione di una nuova società, favorendo e accompagnando la crescita e la consapevolezza dei cittadini, la formazione e l’organizzazione di processi collettivi, in base a valori etnici e culturali, per la difesa dei diritti umani e del territorio ancestrale. Fundescodes cerca la costruzione della pace e il rispetto dei diritti umani e collettivi, mira a costruire un territorio libero da ogni tipo di violenza, dove le persone e i processi si sviluppino integralmente ed equamente».

Accompagnamento psicosociale

La fondazione è nata e lavora con le vittime del conflitto, essenzialmente donne e madri alle quali uno o diversi familiari sono stati tolti, scomparsi o assassinati: «Si parla di processi collettivi delle donne, nei quali si generano economie solidali, luoghi di integrazione e occupazione del tempo libero, di apprendimento delle conoscenze e di sostegno alle loro realtà economiche». Ci sono ad esempio un laboratorio di sartoria e una produzione alimentare per eventi sociali. «Tutto ciò si inserisce in un processo di accompagnamento psicosociale, con attività creative e produttive. Ma anche, e soprattutto, con un luogo, la “Cappella della Memoria”, dove possono commemorare i loro cari e partecipare alla creazione della memoria storica. Attraverso le loro testimonianze si costruisce la memoria delle persone e la verità sui fatti accaduti, premessa a qualsiasi percorso di riappacificazione». Laura sta collaborando alla redazione di uno studio sull’impatto e i danni di cui la popolazione di Buenaventura ha sofferto a partire dell’inizio dall’espansione del grande porto industriale, e partecipa al lavoro di influenza e sensibilizzazione operato dalla fondazione, accompagnando la creazione di un nuovo spazio di esposizione legato alla “Cappella della Memoria”. Quanto a Virgilio, sta fornendo il suo contributo nella raccolta della documentazione di un caso di sparizione forzata: la scomparsa di cinque pescatori, partiti a pescare dal quartiere della fondazione, la Comuna 3 di Buenaventura. Inoltre, il giovane locarnese si sta occupando della ricostituzione e della centralizzazione dell’archivio della fondazione.

Guarda tutte le 10 immagini
© Regiopress, All rights reserved