ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
2 ore

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
Ticino
2 ore

Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’

La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
GALLERY
Mendrisiotto
11 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
11 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
12 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
13 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
13 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
02.10.2019 - 15:14

Atti sessuali, espulso dalla Svizzera per 6 anni

Il 43enne recidivo straniero domiciliato nel Locarnese condannato per aver sfogato le sue pulsioni sessuali davanti a una minorenne

di Clara Storti
atti-sessuali-espulso-dalla-svizzera-per-6-anni
«Reati odiosi»

Sei mesi di pena detentiva sospesa per cinque anni, la mancata revoca di una condanna precedente a 13 mesi sospesi, ma soprattutto sei anni di espulsione dalla Svizzera «per questi reati odiosi». Ha pesato la recidiva sulla sentenza pronunciata questa mattina dal giudice Marco Villa nell’ambito del dibattimento a porte chiuse alle Assise correzionali di Locarno (riunite a Lugano) a carico di un 43enne di nazionalità straniera, domiciliato nel Locarnese fino ai primi giorni di ottobre 2019, accusato di atti sessuali con fanciulli, per un episodio risalente al 19 agosto 2018. Nello specifico, il quarantatreenne si era masturbato per strada al cospetto di una ragazzina con meno di 16 anni.

Lo ricordavamo oggi nelle nostre colonne, a pesare sulla situazione dell’imputato era la recidiva: nel recente passato, l’uomo aveva compiuto atti simili sfogando le sue pulsioni sessuali – undici i casi commessi nel Locarnese e nel Luganese –; atti per cui era stato condannato a una pena detentiva di 13 mesi sospesi condizionalmente per un periodo di tre anni, nonché a un trattamento ambulatoriale; terapia che avrebbe dovuto servirgli a non commettere più reati di tal sorta. 

L’accusa, nelle mani del procuratore pubblico Nicola Respini, è stata confermata in parte dalla sentenza. Il magistrato aveva chiesto lo stesso periodo d’espulsione di sei anni; una pena detentiva di sei mesi sospesa per tre anni e ha chiesto la conferma della pena precedente. Secondo il pp, l’imputato è «incapace di controllare i suoi impulsi sessuali e non ha fatto nulla» per evitare il rischio di recidiva. In questo senso Respini ha voluto ricordare che, dopo la condanna del 2017, all’uomo era stato imposto il trattamento ambulatoriale presso al Servizio psico-sociale di Locarno, però dopo le prime quattro sedute non è più seguito. L’uomo ha «poca consapevolezza verso il reato – ha dichiarato il pp –; il suo comportamento è estremamente grave e la prognosi non è favorevole».

Dal canto suo, la difesa, assunta d’ufficio all’avvocato Stefano Camponovo, si è appellata all’ammissione del reato da parte dell’uomo, che «ha sempre lavorato» e cui va riconosciuto un leggero deficit mentale (Camponovo ha ricordato la scemata imputabilità dichiarata dalla perizia del processo precedente). «Non è un reato bello – ha detto il legale – ma, senza banalizzare, non è così grave». E ha continuato: «L’uomo va sostenuto psicologicamente» in maniera continua e frequente, poiché «non è la pena carceraria a portare beneficio». Dopo il prologo, Camponovo ha avanzato la sua richiesta – «la soluzione più favorevole all'imputato» – di un trattamento ambulatoriale da portare avanti per 5 anni (il tempo minimo per dimostrarne l'efficacia), più una pena detentiva di 5 mesi sospesa condizionalmente. Camponovo non si era opposto all'espulsione dal territorio svizzero.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved