ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
3 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
9 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
13 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
Mendrisiotto
13 ore

Clinica psichiatrica, alla sbarra un 18enne accusato di stupro

La vicenda si sarebbe consumata a Mendrisio tra due pazienti, entrambi sotto l’influsso dei medicamenti. Il processo è previsto per ottobre
21.08.2019 - 06:00
Aggiornamento: 08:16

Rustici in vendita a un franco l’uno, oltre 350 richieste

Interessati da ogni dove per i Monti di Sciaga in Gambarogno, in attesa del nullaosta da parte del Legislativo

di Serse Forni
rustici-in-vendita-a-un-franco-l-uno-oltre-350-richieste
foto C. Bordoli

La notizia della vendita di nove rustici a un franco l’uno sui Monti di Sciaga, in Gambarogno, ha fatto il giro del mondo. Anticipata dalla ‘Regione’ all’inizio dello scorso mese di giugno, è stata ripresa da testate e siti d’informazione di tutta la Svizzera e di diversi Paesi europei (con incursioni anche Oltreoceano).

La proposta del Municipio, che sarà discussa dal Consiglio comunale il prossimo ottobre, è stata accolta con una buona dose di curiosità e con parecchio interesse. «Sono giunte numerosissime richieste da ogni dove: dalla Svizzera, ma anche dalla Francia, dalla Germania e dal resto d’Europa; c’è pure chi ha chiamato dal Canada – afferma il vicesindaco di Gambarogno Eros Nessi –. Ma i numeri vanno presi con le pinze. Vogliamo evitare speculazioni ed essere certi che chi acquisterà proceda in tempi ben definiti alla riattazione». I contratti di compravendita si baseranno su precisi vincoli. «Si sono fatte avanti per avere informazioni più di 350 persone – gli fa eco il sindaco Tiziano Ponti –. Nel corso dell’estate, inoltre, molte persone, anche provenienti dalla Russia e da nazioni dell’Est, si sono recate sul posto per visitare il nucleo». Ma c’è di più. I Monti di Sciaga sono finiti – se non “de iure” almeno “de facto” – in una sorta di circuito di proprietà in vendita a prezzi irrisori. In questa rete sono inseriti diversi villaggi in Italia, che partecipano al progetto “case a un euro”. Nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, quindi non molto distante dal confine svizzero, troviamo il comune di Borgomezzavalle: in località Viganella sono in vendita tre rustici da riattare. Stessa cosa nel comune di Fabbriche di Vergemoli, nell’alta Toscana (779 abitanti, 349 metri sul livello del mare), che ha già alle spalle un’esperienza positiva. A suo tempo aveva ceduto a un euro un enorme casolare abbandonato da oltre 40 anni in località Vetriceto che sarà trasformato in uno stabile con cinque appartamenti a scopo turistico.

Italia, Francia e Inghilterra

A Ollolai, in Sardegna, i proprietari di case sottoutilizzate o inutilizzate, per i quali l’immobile rappresenta solo un costo, sono stati chiamati a cedere a prezzo simbolico gli edifici fatiscenti al Comune, che intende metterli a disposizione di acquirenti che si impegnino a ristrutturarli e a utilizzarli.

Si trovano casi simili in altre regioni italiane (elencate su case1euro.it) ma pure in Francia e Inghilterra. A nord di Roubaix, località ai confini con il Belgio, ci sono circa 2’500 case abbandonate (il primo test di vendita comprende una ventina di oggetti); a Champ-du-Boult, nel cuore della Normandia, l’offerta ai possibili futuri acquirenti riguarda i terreni edificabili al prezzo di un euro al metro quadro.

Al di là della Manica, a Liverpool, per risanare quartieri malfamati sono state vendute a una sterlina una ventina di casette a schiera, costruite prima del 1919, ormai fatiscenti. Il loro risanamento ha contribuito alla riqualifica del centro urbano. A Stoke-On-Trent per le 35 abitazioni da vendere a una sterlina sono giunte 600 richieste: saranno privilegiate famiglie a basso reddito e l’autorità concederà prestiti di 30mila sterline a interessi ridotti a ciascun acquirente, per incoraggiare la ristrutturazione (quest’ultima comunque obbligatoria per l’acquisto degli immobili). Le istituzioni comunali da parte loro si sono impegnate alla riqualifica dell’area, che non gode di una buona reputazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved