laRegione
Nuovo abbonamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grafico
Ticino
1 ora
Coronavirus, otto nuovi contagi in Ticino
Il totale ufficiale di persone toccate dal coronavirus nel cantone da inizio pandemia sale così a 3'363
Mendrisiotto
1 ora
A Mendrisio le erbe aromatiche crescono nelle aiuole
Quelle pronte, e accessibili a tutti, sono al momento tre (Mendrisio, Besazio e Ligornetto). Si tratta di un progetto didattico e sociale
Mendrisiotto
1 ora
Balerna con Helvetas nella lotta al Covid nei Paesi poveri
Il Comune dona mille franchi all'associazione per contribuire alla lotta contro la diffusione del virus
GALLERY
Bellinzonese
4 ore
Quattro auto si tamponano a Castione, un ferito
L'incidente è avvenuto stamattina in via San Gottardo. Le condizioni del ferito non sarebbero preoccupanti
Locarnese
4 ore
Minusio, uscita alla scoperta delle piante esotiche
La proposta del fine settimana dell'Associazione Quartiere Rivapiana. Protagonista la fitoterapista Antnella Borsari
Locarnese
4 ore
Vira, niente 'Cinema all'aperto' quest'estate
Edizione cancellata a causa dell'emergenza sanitaria. Si lavora a un programma di animazioni autunno-inverno
Luganese
4 ore
Cambio della guardia in Municipio a Melano
Nel Gruppo Melano Popolare Democratica, Marie Theres Caligiuri è subentrata a Gabriele Cavasin
Mendrisiotto
7 ore
Pozzo Prà Tiro, le denunce salgono a quattro
Dopo il Consorzio, sono intenzionati a procedere con una azione legale pure i Comuni di Chiasso e Balerna. Mentre il Cantone si è già mosso
Locarnese
7 ore
Minusio, languorino pubblico sulla Ca' di Ferro
Dopo la morte del proprietario il Municipio ha sondato con la vedova i margini di manovra per un usufrutto dell'ex caserma dei mercenari svizzeri
Luganese
13 ore
Lugano, bocciate le mozioni sul centro sociale
Il concorso di progettazione per la riqualifica dell'ex macello ha sgomberato le richieste di anticipare i tempi sloggiando gli autonomi.
Luganese
15 ore
Carona, affossata la biopiscina
Nella ristrutturazione del centro balneare con la partership del Tcs e il cosiddetto Glamping, ne sorgerà una 'tradizionale'
Ticino
17 ore
Sos Ticino, Lucchini nuovo responsabile disoccupazione
L'economista, con studi a Zurigo e Dubai, è stato designato in sostituzione di Tatiana Lurati
Ticino
17 ore
Stabili le persone in assistenza
Nel primo trimestre dell'anno erano 8'103. Il numero di unità di riferimento è stato mediamente di 5'337
Ticino
17 ore
L'Eoc chiede ai dipendenti come impiegare le donazioni Covid
L'Ente ospedaliero apre un concorso di idee presso i propri collaboratori su come usare quasi 4 milioni per migliorare condizioni di lavoro e servizio
Locarnese
18 ore
'Ho capito che la Sezione della migrazione non è la Svizzera'
Il viaggio a piedi da Locarno a Berna del richiedente l'asilo curdo Lokman Kadak: 'Quanta solidarietà! Mi avete dato la forza per andare avanti'
Locarnese
23.07.2019 - 06:000

'Li aiuteremo a rivendere i terreni male acquisiti'

La Salva Monte Brè si propone ai promotori del mega-resort sopra Locarno dopo la decisione municipale di istituire una zona di pianificazione

Ai primi di agosto sapremo (presumibilmente) se i promotori del progetto immobiliare al Monte Brè rimangono intenzionati a presentare una domanda di costruzione riguardante la versione “light” del loro mega-resort. Questo, nonostante il recentissimo annuncio della Città in merito all’intenzione di istituire una zona di pianificazione che per i prossimi 5 anni salvaguarderà tutta la fascia montana da investimenti immobiliari ritenuti “eccessivi”.

Proprio per i primi di agosto è stato infatti agendato un secondo incontro fra gli investitori e il Municipio. In una prima occasione, a metà aprile, la Augur Invest aveva rassicurato l’esecutivo sulla portata dell’operazione (“solo” un albergo “5 stelle” con annessi Spa e Wellness, più negozi e 65 camere apparthotel, ma tutto concentrato al Monte Brè, senza Cardada).

L’obiettivo dell’imminente incontro è capire se in tre mesi e mezzo le coordinate del progetto sono nuovamente mutate (così come il nome della società che lo propone, diventata nel frattempo Aedartis Ag e con un nuovo presidente del Cda, Matthias Seiler), ma soprattutto se esiste ancora un’operazione mega-resort.

Intanto, ieri è uscita allo scoperto l’Associazione Salva Monte Brè, che come Davide, in questi mesi, ha combattuto contro i Golia confederati promuovendo fra l’altro l’iniziativa popolare per modificare il Piano regolatore. In una nota la Salva Monte Brè dice di avere appreso “con soddisfazione” della decisione di istituire la zona di pianificazione, una misura “volta a sospendere temporaneamente qualsiasi costruzione sproporzionata” e che “darà il tempo all’iniziativa popolare di seguire il proprio corso e alla volontà pubblica e democratica di emergere”.

Si tratta, per l’associazione, di “una decisione giusta”, di “una mossa incoraggiante” da parte del Municipio di Locarno.

‘Non possono ignorare la volontà politica e pubblica’

Incoraggiante ma non decisiva, visto che, appunto, la neonata Aedartis potrebbe tirare dritto e presentare comunque un progetto. Starà poi al Municipio valutarlo sulla base della piega che gli eventi hanno preso dal profilo pianificatorio.

“Osiamo sperare che la Aedartis prenda debitamente atto di questo sviluppo e rinunci al suo progetto distruttivo per questo prezioso balcone sopra Locarno”, commenta la Salva Monte Brè. La quale ritiene per altro “piuttosto improbabile che decida a questo punto di ignorare la volontà politica e pubblica, cercando di presentare una frettolosa e raffazzonata domanda di costruzione per anticipare la misura di salvaguardia e l’esercizio democratico”.

Se ciò accadesse, prosegue, ciò “non avrebbe alcuna possibilità di successo; ci opporremmo infatti con la medesima forza e determinazione che ci hanno finora contraddistinto”.

Addirittura, gli esponenti della Salva Monte Brè si dicono pronti a discutere con i promotori “per valutare in che misura potremmo assisterli a trovare acquirenti per i loro terreni male acquisiti. In questo caso potremmo forse sollecitare interlocutori locali, amanti della natura e che, come noi, condividono il nostro senso di sovranità individuale, e che siano disposti a restaurare le case abbandonate del Monte Brè”.

Cercato per un commento in merito alle intenzioni attuali della Augur/Aedartis, il Ceo di Augur (e membro di Aedartis), Marc Sontag, risultava in vacanza e rimandava ogni considerazione al suo rientro, all’inizio del mese di agosto.

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved