laRegione
la-salva-monte-bre-imbocca-il-municipio-di-locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Covid, calano ancora gli ospedalizzati. 74 i nuovi casi

Continua a scendere la pressione sul sistema sanitario: 215 persone sono ricoverate, 28 in cure intense. Purtroppo si contano altri 4 decessi
Ticino
1 ora

Fermato con 1'400 kg di generi alimentari non dichiarati

L'Amministrazione federale delle dogane ha controllato l'uomo martedì sull'A2 a Monte Carasso, proveniva dall'Italia ed era diretto in Liechtenstein
Ticino
5 ore

Natalia Ferrara: ‘Il congedo parentale è una misura liberale’

La deputata del Plr sostiene convintamente la proposta che lunedì tornerà in Gran Consiglio e spiega perché voterà in modo diverso dal suo gruppo
Ticino
5 ore

‘Rinforzi per la Procura, non si deve più tergiversare’

Galusero: la proposta del Dipartimento di assegnare due pp a me sta bene. E per uscire dall’impasse sono disposto a ritirare la mia iniziativa parlamentare
Locarnese
5 ore

Navigazione: elettrificare... per dare due scosse

Il presidente di Snl in esclusiva sui problemi del bacino svizzero, il mancato accordo consortile e la visione (elettrica) per Verbano e Ceresio
Locarnese
12 ore

Liberali di Locarno, ‘tourbillon’ per tre seggi

Apertissima la lotta interna per un posto in Municipio. Con gli uscenti Scherrer, Giovannacci e Merlini, in lista Renna, Pini, Silacci e Mitric
Mendrisiotto
14 ore

Mendrisio al via: vaccinati i primi cento cittadini

Chiasso seguirà a ruota. Entro la settimana prossima si saranno inoculate oltre mille dosi
Bellinzonese
15 ore

Polo socio-sanitario, Acquarossa lancia un segnale

Per evitare spazi che rimarrebbero vuoti il Municipio confida di poter firmare precontratti con gli interessati
Bellinzonese
15 ore

Bike sharing Biasca-Olivone: c’è da migliorare

L'anno scorso soltanto 252 noleggi a causa del sistema di riservazione un po' complesso che andrà semplificato
Luganese
16 ore

Lugano compra gli studi radio per creare la Casa della musica

Accordo raggiunto fra Città e Ssr. L'ultima parola spetterà al Consiglio comunale
Bellinzonese
16 ore

Piazza del Sole, chiesto il ripristino dell’arredo provvisorio

Secondo i Verdi di Bellinzona favorirebbe il rispetto del distanziamento per chi mangia all'aperto
Ticino
16 ore

Diossido di cloro contro il Covid? La Procura apre un incarto

Il Ministero pubblico avvia un procedimento relativo a un caso di somministrazione di sostanze illegali. In Canton San Gallo un uomo l'ha ingerito ed è stato male
Luganese
16 ore

Puerto Azul, terza condanna per un promoter

Pena di due anni e otto mesi per un 55enne di Pescara, già condannato nel 2018 e poi al risarcimento di due vittime della truffa, lo scorso novembre
Luganese
17 ore

City Angels, un libro e tanta solidarietà

Il sodalizio promuove il volume 'Andrea vola più alto' di Donatello Vegliante
Locarnese
13.05.2019 - 08:000
Aggiornamento : 10:07

La Salva Monte Brè 'imbocca' il Municipio di Locarno

Inviata a 6 dei 7 municipali la documentazione segreta con cui la Augur presenta il suo 'concetto' agli investitori

Dopo la Augur Invest, che di recente ha presentato al Municipio di Locarno il suo progetto di maxi-resort al Monte Brè, anche la Salva Monte Brè si rivolge a Palazzo Marcacci. Lo fa con una lettera firmata dal suo presidente, Marco Ricca, che si rivolge a 6 dei 7 membri dell'esecutivo: ne viene escluso il vicesindaco Paolo Caroni, che risulta parte in causa (e per questo si è sempre ricusato) in quanto legato ad una Comunità ereditaria proprietaria di terreni proprio al Monte Brè; terreni sui quali le società legate alla Augur potrebbero far valere delle opzioni d'acquisto.

I contenuti della missiva

La documentazione inviata alla Città si prefigge di "migliorare la vostra conoscenza in materia in quanto siamo convinti che dei responsabili politici informati possano rappresentare al meglio gli interessi dei propri elettori".

Come "conoscenza in materia" si intende la documentazione – anticipata dalla "Regione" – con cui la Augur ha partecipato di recente a due convegni specializzati in Francia e a Zurigo, "vendendo" quello che Marc Sontag, Ceo di Augur, sempre alla "Regione" aveva illustrato non come progetto, ma come «concetto molto generale che va ora giudicato del tutto ininfluente» rispetto ai contorni del progetto che sorgerà al Monte Brè.

'Disinformazione'

Tale "concetto", nota la Salva Monte Brè scrivendo al Municipio e facendo riferimento all'ampia documentazione, "differisce significativamente da quanto vi è stato presentato nell'incontro del 16 aprile 2019 e ripreso dalla stampa. Questo documento è inoltre molto più dettagliato. Le differenze riscontrate nelle varie fasi comunicative sono certamente notevoli, ma non ci sorprendono più di quel tanto. Questa modalità s’inserisce infatti perfettamente nella strategia della dissimulazione e delle menzogne delle quali è stata vittima la popolazione di Brè da diversi anni. Sin dall'inizio i terreni sono stati acquisiti attraverso la mediazione di un finto "Principe" che aveva proposto scenari rassicuranti di sviluppo. In seguito sono stati disseminati argomenti con i quali si è cercato di controbattere alla nostra azione". Tutto ciò – continua la Salva Monte Brè, "senza dimenticare l'utilizzo abusivo del nome del sindaco Alain Scherrer, nel 2018, nella pubblicità rivolta agli investitori".

Inoltre, "l'ultima disinformazione in ordine cronologico è quella secondo cui il Municipio si esporrebbe al rischio di richieste di mega-indennizzi da parte dei promotori se decretasse una Zona di pianificazione nel comparto Brè/Cardada. Come ben sapete, queste affermazioni sono assolutamente fuorvianti, in particolare tenendo conto che vi è stata sottoposta un'iniziativa popolare che ne chiede espressamente l'entrata in materia".

Ridotto è ancora troppo: 'Progetto irresponsabile'

Quand'anche il progetto "ridotto" presentato dalla Augur fosse quello che effettivamente si intende realizzare al Monte Brè, continua l'associazione, "ciò rimane assolutamente sproporzionato: ben 60 Aparthotels e l'edificazione di un hotel a 5 stelle superior in una zona di arduo accesso. Un simile progetto appare tanto più irresponsabile se teniamo conto delle recenti vicende più o meno fallimentari che hanno accompagnato diversi progetti nella regione".

Per la Salva Monte Brè "non va inoltre sottaciuto che la Augur è in una situazione di elevato indebitamento, come ben risulta dalla documentazione disponibile, e che prevede di aumentare ulteriormente tale debito con la valorizzazione a oltranza dei terreni acquisiti. Per porre la questione in altri termini, tutto lascia intendere che, anche se la Augur ottenesse tutte le autorizzazioni del caso, è molto probabile che il progetto venga poi abbandonato in corso d'opera. In tal caso non ci sarà nemmeno l'opportunità di poter beneficiare dell'apporto di quella clientela senza gusto e senza cultura che viene mirata da questo tipo di progetto".

L'invito al Municipio è pertanto quello di "considerare positivamente i segnali espressi dalla popolazione e di decidere l'istituzione di una zona di pianificazione nel comparto Brè/Cardada. Per usare una metafora calcistica, l'iniziativa che ha raccolto oltre 1'800 firme valide in poco più di tre settimane rappresenta l'azione di squadra che vi ha portato nei pressi dell'area di rigore avversaria, ora sta a voi effettuare il tiro che finalizza il gioco. L'immagine del Municipio ne uscirebbe certamente molto rafforzata e i cittadini si sentirebbero legittimamente rassicurati".

© Regiopress, All rights reserved