laRegione
Nuovo abbonamento
la-salva-monte-bre-imbocca-il-municipio-di-locarno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
40 min

Mascherine, niente obbligo al chiuso. Garzoni: 'Indossatela'

Il presidente dell'Esecutivo Gobbi: 'Decisione proporzionata'. Ma il direttore sanitario della Clinica Moncucco: 'Spero che il governo riveda la decisione'
Mendrisiotto
43 min

Il nuovo Ufficio tecnico di Chiasso sarà 'Carapace'

Ad aggiudicarsi il concorso di progettazione è stato l'architetto Roberto Briccola di Giubiasco
Luganese
1 ora

La maratona a sud del Luganese 'Soc' supera i primi 7 giorni

Vicini a Rimini Gabriele e suo padre. Ecco la cronaca della nuova tappa, in prossimità del mare Adriatico
Grigioni
1 ora

Teleferica Arvigo-Braggio ferma dal 17 al 21 agosto

Il provvedimento è dovuto ai lavori di revisione riguardanti la fune portante. Braggio sarà comunque raggiungibile con un pulmino.
Locarnese
2 ore

Porto di Ascona, una quindicina i natanti danneggiati

Il fulmine che lunedì ha colpito un'imbarcazione avrebbe potuto portare conseguenze ben peggiori. Un solo natante è stato distrutto dalle fiamme
Bellinzonese
2 ore

Cadenazzo investe nelle rete Bike sharing

Licenziato il messaggio municipale che prevede la realizzazione di due nuove postazioni. Per il futuro si ipotizza un ulteriore ampliamento.
Ticino
3 ore

Mascherine raccomandate nei negozi, nessun obbligo

Il Consiglio di Stato ha prorogato le misure attualmente in vigore fino al 24 agosto. Gobbi: decisione proporzionata alla situazione
Locarnese
3 ore

Losone, corso di baby sitting con la Croce Rossa

Pensato per ragazze dai 13 ai 17 anni si terrà a fine mese nella sala della Parrocchia di San Giorgio
Mendrisiotto
4 ore

L'Hc Chiasso in assemblea

Ci si troverà il 28 agosto allo stadio del ghiaccio. Verranno, tra le altre cose, esposti gli obiettivi per la prossima stagione sportiva
Bellinzonese
5 ore

Inaugurazione in forma ridotta per la galleria del Ceneri

I festeggiamenti, alla presenza della presidente Simonetta Sommaruga, si terranno il 4 settembre. In dicembre è prevista la parziale entrata in servizio
Luganese
6 ore

Travolto dalla cocaina: 'grazie che mi avete arrestato'

Una vicenda di riscatto personale alle Assise criminali di Lugano. Invalido spacciò chili di cocaina e marijuana, pena sospesa
Locarnese
6 ore

Ronco s/Ascona, 'spenti' altri occhi elettronici

Il Consiglio comunale ha suggerito di ridurre ulteriormente il numero delle telecamere della videosorveglianza. Ritirato il messaggio, l'esecutivo dovrà ripresentarlo.
Bellinzonese
6 ore

Riconoscimento alla neonatologia del San Giovanni

Il Servizio con sede a Bellinzona, destinato ai piccoli che necessitano cure specialistiche, ha ottenuto il certificato di livello IIb
Mendrisiotto
6 ore

Una messa in memoria di Renata Camponovo

Sarà celebrata domenica alle 9.30 all'Oratorio di Pedrinate
Locarnese
13.05.2019 - 08:000
Aggiornamento : 10:07

La Salva Monte Brè 'imbocca' il Municipio di Locarno

Inviata a 6 dei 7 municipali la documentazione segreta con cui la Augur presenta il suo 'concetto' agli investitori

Dopo la Augur Invest, che di recente ha presentato al Municipio di Locarno il suo progetto di maxi-resort al Monte Brè, anche la Salva Monte Brè si rivolge a Palazzo Marcacci. Lo fa con una lettera firmata dal suo presidente, Marco Ricca, che si rivolge a 6 dei 7 membri dell'esecutivo: ne viene escluso il vicesindaco Paolo Caroni, che risulta parte in causa (e per questo si è sempre ricusato) in quanto legato ad una Comunità ereditaria proprietaria di terreni proprio al Monte Brè; terreni sui quali le società legate alla Augur potrebbero far valere delle opzioni d'acquisto.

I contenuti della missiva

La documentazione inviata alla Città si prefigge di "migliorare la vostra conoscenza in materia in quanto siamo convinti che dei responsabili politici informati possano rappresentare al meglio gli interessi dei propri elettori".

Come "conoscenza in materia" si intende la documentazione – anticipata dalla "Regione" – con cui la Augur ha partecipato di recente a due convegni specializzati in Francia e a Zurigo, "vendendo" quello che Marc Sontag, Ceo di Augur, sempre alla "Regione" aveva illustrato non come progetto, ma come «concetto molto generale che va ora giudicato del tutto ininfluente» rispetto ai contorni del progetto che sorgerà al Monte Brè.

'Disinformazione'

Tale "concetto", nota la Salva Monte Brè scrivendo al Municipio e facendo riferimento all'ampia documentazione, "differisce significativamente da quanto vi è stato presentato nell'incontro del 16 aprile 2019 e ripreso dalla stampa. Questo documento è inoltre molto più dettagliato. Le differenze riscontrate nelle varie fasi comunicative sono certamente notevoli, ma non ci sorprendono più di quel tanto. Questa modalità s’inserisce infatti perfettamente nella strategia della dissimulazione e delle menzogne delle quali è stata vittima la popolazione di Brè da diversi anni. Sin dall'inizio i terreni sono stati acquisiti attraverso la mediazione di un finto "Principe" che aveva proposto scenari rassicuranti di sviluppo. In seguito sono stati disseminati argomenti con i quali si è cercato di controbattere alla nostra azione". Tutto ciò – continua la Salva Monte Brè, "senza dimenticare l'utilizzo abusivo del nome del sindaco Alain Scherrer, nel 2018, nella pubblicità rivolta agli investitori".

Inoltre, "l'ultima disinformazione in ordine cronologico è quella secondo cui il Municipio si esporrebbe al rischio di richieste di mega-indennizzi da parte dei promotori se decretasse una Zona di pianificazione nel comparto Brè/Cardada. Come ben sapete, queste affermazioni sono assolutamente fuorvianti, in particolare tenendo conto che vi è stata sottoposta un'iniziativa popolare che ne chiede espressamente l'entrata in materia".

Ridotto è ancora troppo: 'Progetto irresponsabile'

Quand'anche il progetto "ridotto" presentato dalla Augur fosse quello che effettivamente si intende realizzare al Monte Brè, continua l'associazione, "ciò rimane assolutamente sproporzionato: ben 60 Aparthotels e l'edificazione di un hotel a 5 stelle superior in una zona di arduo accesso. Un simile progetto appare tanto più irresponsabile se teniamo conto delle recenti vicende più o meno fallimentari che hanno accompagnato diversi progetti nella regione".

Per la Salva Monte Brè "non va inoltre sottaciuto che la Augur è in una situazione di elevato indebitamento, come ben risulta dalla documentazione disponibile, e che prevede di aumentare ulteriormente tale debito con la valorizzazione a oltranza dei terreni acquisiti. Per porre la questione in altri termini, tutto lascia intendere che, anche se la Augur ottenesse tutte le autorizzazioni del caso, è molto probabile che il progetto venga poi abbandonato in corso d'opera. In tal caso non ci sarà nemmeno l'opportunità di poter beneficiare dell'apporto di quella clientela senza gusto e senza cultura che viene mirata da questo tipo di progetto".

L'invito al Municipio è pertanto quello di "considerare positivamente i segnali espressi dalla popolazione e di decidere l'istituzione di una zona di pianificazione nel comparto Brè/Cardada. Per usare una metafora calcistica, l'iniziativa che ha raccolto oltre 1'800 firme valide in poco più di tre settimane rappresenta l'azione di squadra che vi ha portato nei pressi dell'area di rigore avversaria, ora sta a voi effettuare il tiro che finalizza il gioco. L'immagine del Municipio ne uscirebbe certamente molto rafforzata e i cittadini si sentirebbero legittimamente rassicurati".

© Regiopress, All rights reserved