bre-le-mille-giravolte-del-maxi-resort
Anche un nuovo albergo '5 stelle' al posto di quello in disuso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Assemblea patriziale di Olivone Campo e Largario

Si terrà questa sera, lunedì 12 aprile, alle 20.15 nella sala patriziale. Bisognerà indossare la mascherina.
Bellinzonese
3 ore

Un sacco di richieste per BelliGreen

Cresce il progetto di impresa sociale attivo nel Bellinzonese nel ritiro a domicilio di rifiuti e ingombranti. La direttrice: 'È un effetto del lockdown'
Locarnese
3 ore

Sgombero dell’area di fronte al Castello: firme contro

Al Municipio di Locarno una petizione per una misura considerata eccessiva. Ma la Polizia replica: prevenzione a favore della salute di tutti
Ticino
3 ore

Tra Divjak e il Ticino, ritratto d’una comunità

Proviamo a unire i puntini tra la figura del generale e il presente della diaspora ex-jugoslava con Nenad Stojanović, politologo
Locarnese
10 ore

Günther Tschanun ammazzò 4 colleghi e morì in Ticino

L'ex capo della polizia delle costruzioni di Zurigo, dopo 14 anni di prigione, cambiò nome e perse la vita in un incidente nel 2015 a Losone
Luganese
12 ore

Lugano, piazze imbrattate dopo gli aperitivi (lunghi)

Fanno discutere i rifiuti di vario genere lasciati da persone che si assembrano all'arrivo della funicolare e di fronte e dietro Palazzo civico
Luganese
13 ore

'La Città dia 500 franchi ai genitori per ogni figlio'

Lugano, una mozione propone il contributo per far fronte al calo di abitanti e alla riduzione della nascite del 13,8% rispetto al 2019
Grigioni
14 ore

'Giornate grigionitaliane' in Valposchiavo il 7 e 8 agosto

L'intenzione è quella di avvicinare e unire il Grigionitaliano nell’ottica della sensibilizzazione al plurilinguismo grigionese
Luganese
14 ore

Cento chili di rifiuti raccolti lungo la Tresa

Buona la partecipazione di persone alla camminata organizzata dal movimento TresaSostenibile per ripulire la sponda destra del fiume
Ticino
15 ore

Tra stanotte e domani sera, occhio alla neve

L'allerta di grado 3 di MeteoSvizzera interessa Alto Moesano, Blenio, Bregaglia, Leventina, Poschiavo e St. Moritz
Locarnese
15 ore

Gambarogno, la videosorveglianza non è gradita

Per la popolazione la privacy prevale sulla sicurezza. Il Municipio boccia la mozione
Bellinzonese
16 ore

Una camminata per 'scoprire il Comune di Serravalle'

La seconda gita organizzata dall'Associazione Blenio Bellissima nell'ambito dell'iniziativa 'Camminare con la testa' si terrà domenica 18 aprile
Locarnese
19.04.2019 - 05:500
Aggiornamento : 13:58

Brè, le mille giravolte del maxi-resort

Dall'incontro in Municipio una certezza: si comincia con hotel, wellness e 60 residenze. Il resto seguirà

Come in un temporale estivo, le nubi sul cielo del Monte Brè viaggiano veloci e non permettono di capire come sarà il tempo da qui a mezz’ora. Una schiarita sul vituperato progetto di maxi-resort doveva giungere dall’incontro tenutosi martedì pomeriggio a Palazzo Marcacci fra il Municipio e una rappresentanza dei promotori immobiliari. E in effetti uno dei colonnelli della holding svittese Augur Invest Ag, Marc Sontag, unitamente al numero 2 dello studio d’architettura Oppenheim – Beat Huesler – che collabora al progetto con la locarnese Aldo Cacchioli Architecture Sa (di cui era presente un’architetta), ha fornito alla Città alcune informazioni sullo stato dei “lavori preparatori”. Al momento il “Lago Maggiore Retrait” consiste in un albergo “5 stelle” (24 camere) con centro wellness, a ridosso del quale sorgerà una sessantina di residenze esclusive sul modello di “apparthotel”, quindi con servizio alberghiero. L’hotel sarà realizzato al posto di quello in disuso esistente, su tre piani. Ancora non è chiaro se la struttura sarà restaurata e adattata, oppure demolita e ricostruita. Lo si saprà dalla domanda di costruzione, per la quale Sontag non ha fornito nessuna tempistica, ma che dovrebbe venir presentata nel giro di qualche settimana.

Tutto ciò riguarda dunque la superficie di 15mila metri quadrati situata in zona “Follia II”. Quanto alle altre aree, Sontag non ne ha fatto riferimento; né nessuno del Municipio gli ha chiesto niente. In particolare l’imprenditore non ha detto nulla riguardo all’occupazione dell’altra ampia superficie detenuta dalla Augur Invest sempre al Monte Brè, in zona “Follia I”.

La riapparizione di Selina

Allo stesso modo non ha parlato dell’improvvisa rinuncia a tutto quanto era previsto a Cardada-Colmanicchio, dove un’altra società, la Vita Genesis di Selina zu-Sayn Wittgenstein, aveva comprato un grosso lotto con l’intenzione di stabilirvi l’albergo con wellness, due ristoranti (di cui uno stellato) e un campo da tennis. Noi sappiamo che la parte di Cardada non fa più parte del progetto originario; unicamente l’albergo con centro wellness ha traslocato al Monte Brè. Cosa ne sarà dei 17mila metri quadrati di terreno acquistati dalla Vita Genesis, è un mistero. Quanto ai 12mila metri quadrati rimasti liberi alla “Follia I”, da nostre informazioni risulta che la loro occupazione potrebbe entrare in linea di conto in un secondo momento, con altre residenze, sempre sul modello di “apparthotel”. Un fatto curioso è che ieri, all’uscita dal loro incontro a Palazzo Marcacci, Sontag e Huesler si sono intrattenuti in un bar di Piazza Grande proprio con Selina, che altri non è se non la moglie del “Principe” Peter zu-Sayn Wittgenstein, l’uomo che aveva condotto le trattative di compravendita al monte ma poi è sparito dalla circolazione. Benché anche lei tagliata fuori dal progetto con la sua Vita Genesis, Selina risulta dunque ancora parte integrante del “movimento” imprenditoriale confederato. È anche vero che alla “Follia I” aveva lungamente vissuto Peter, nella lussuosa tenuta “ex Schilling”, quindi è possibile che il coinvolgimento di Selina possa essere messo in relazione a questa vecchia “appartenenza” territoriale.

Un ultimo appunto va alla gestione dell’informazione. Un comunicato stampa – poco più di una pagina in versione inglese e italiana, con due foto – redatto dalla Augur Invest è stato presentato martedì al Municipio e messo a disposizione dalla holding a chi ne avesse fatto richiesta. Stando alla Ag, la diffusione del comunicato avrebbe dovuto essere curata dal Municipio di Locarno, mentre a Palazzo – comprensibilmente – del comunicato non sanno che farsene. Quel che dovevano sentire lo hanno sentito e non spetta certo all’autorità comunale occuparsi della divulgazione di dettagli su un progetto con cui c’entra (per ora) come i proverbiali cavoli a merenda. Ma lo stucchevole gioco dei rimandi è soltanto un piccolo, ulteriore inciampo in una vicenda già ricchissima di aggettivi.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved