Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
maxi-resort-e-cambio-del-pr-riuscita-l-iniziativa
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
5 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
10 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
10 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
18 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
20 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
20 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
20 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
21 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
21 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
21 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
22 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
22 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
22 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
22 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
16.04.2019 - 06:200

Maxi-resort e cambio del Pr: riuscita l’iniziativa

Raggiunte e ampiamente superate dal ‘Salva Monte Brè’ e dal comitato misto le 1’500 firme necessarie. E la consegna... sarà a tappe

a cura de laRegione

È ufficiosamente riuscita, l’iniziativa popolare che chiede al Municipio di Locarno di mettere al riparo la zona montana da potenziali speculazioni edilizie. I promotori – l’associazione “Salva Monte Brè”, supportata da un comitato misto formato da personalità locarnesi appartenenti a diverse correnti politiche – hanno confermato alla “Regione” che, a tre settimane dal lancio, il quorum delle 1’500 firme necessarie è già stato raggiunto e ampiamente superato (siamo a 1’800) e il malloppo sarà consegnato nei prossimi giorni a Palazzo Marcacci. Comunque, la raccolta non si ferma e il “saldo” verrà depositato dopo la scadenza, fissata al 22 giugno.

L’obiettivo dell’iniziativa è modificare il Piano regolatore comunale adattando i parametri edificatori relativi ai volumi edilizi, ai bonus edificatori e alle disposizioni di occupazione del suolo “nello spirito dell’evoluzione avvenuta finora nel comparto”. Un’evoluzione che, con la nascita del progetto e l’acquisto dei sedimi necessari, ha portato a due grandi accorpamenti di terreni e al “rischio” che i parametri edificatori in vigore possano venir sfruttati non per singole parcelle così come stabilito a suo tempo, ma su superfici di 12mila metri quadrati (per l’hotel “5 stelle superior” con annessi e connessi) e 15mila metri quadrati (per le ville e le suites extralusso). L’auspicio dei promotori è un adeguamento della zona pianificatoria montana “ai disposti della Legge federale sulla pianificazione del territorio, secondo le modifiche accolte in votazione popolare nel 2013 ed entrate in vigore il 1° maggio del 2014”.

Questo, ben sapendo che un’azione istituzionale in tal senso richiederà molto più tempo rispetto a quello che sarà necessario ai promotori immobiliari della Augur Invest Ag per presentare la fatidica domanda di costruzione per il mega-resort al Monte Brè. Perciò, come sottolineato ancora di recente da un membro del comitato di appoggio dell’iniziativa popolare – l’ex municipale Diego Erba – in occasione dell’assemblea dell’associazione di quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne, una prima risposta garantista rispetto alle preoccupazioni popolari piuttosto generalizzate potrebbe essere l’istituzione di un zona di pianificazione. Il vantaggio, secondo chi la auspica, è l’immediatezza dello strumento, che “congelerebbe” di fatto ogni possibilità di intervento edilizio sul territorio in questione fino all’entrata in vigore del piano sostitutivo (ma non oltre 5 anni, con possibilità di proroga). Stando a nostre informazioni, questa soluzione non fa l’unanimità in Municipio. C’è chi la ritiene sproporzionata rispetto al caso specifico, oppure teme che un blocco simile aprirebbe a richieste di risarcimento milionario da parte dei promotori immobiliari. Comunque, zone di pianificazione erano state istituite nel 2010 per il settore 4 (dai Saleggi all’argine della Maggia) e nel 2016 per alcuni oggetti destinati ad essere riconosciuti come bene culturale.

‘Sappiamo dei malumori e vigileremo per voi’

Cosciente “delle crescenti preoccupazioni e dei malumori tra gli abitanti di Monte Brè”, nonché pronta a “tranquillizzare gli abitanti e i possessori di case di vacanza” e ad attivarsi e a “vegliare” affinché non venga portato pregiudizio alcuno alla popolazione residente durante l’eventuale edificazione di questo grosso complesso”. A margine dell’importante “battage” della “Salva Monte Brè”, esce dal guscio anche la Pro Monte Brè. Lo fa con un comunicato diramato recentemente a soci e a proprietari di abitazioni del quartiere. “Negli ultimi mesi si sono via via intensificate le voci, le speculazioni e le discussioni attorno a questo grosso, probabile complesso alberghiero che dovrebbe sorgere sul nostro quartiere”, scrive la Pro, che dice di aver deciso di mantenere finora un profilo basso “dato che nulla è finora approvato alle autorità competenti”. Consapevole per altro dell’agitazione che serpeggia al monte, la Pro “desidera tranquillizzare i suoi abitanti e possessori di case di vacanza”, rassicurandoli appunto circa il suo ruolo di sentinella. “Non si esclude che al momento opportuno si possa convocare la popolazione di Monte Brè per renderla edotta circa i risultati delle informazioni raccolte da parte dei membri del comitato della Pro – si legge ancora –. E non si esclude nemmeno la possibilità di trovare sinergie con le diverse associazioni di quartiere e con altri enti ufficiali per portare avanti rivendicazioni che potrebbero essere necessarie, qualora ci si accorgesse che l’impatto del pronosticato progetto possa influire negativamente sul quartiere sia dal profilo ambientale, sia da quello della sicurezza e della possibile perturbazione della quiete”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved