risparmiata-cardada-ma-va-tutto-al-monte-bre
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
6 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
7 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
11 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
13 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
15 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
15 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
02.04.2019 - 06:00
di Davide Martinoni

Risparmiata Cardada. Ma va tutto al Monte Brè

Clamorosa svolta nel progetto di maxi-resort sopra Locarno: l'hotel '5 stelle superior' previsto a Colmanicchio trasloca

La premessa è sempre la solita: il Municipio di Locarno ancora non ha ricevuto alcuna comunicazione ufficiale (domanda di costruzione) circa le reali intenzioni dei promotori del progetto di maxi-resort fra Cardada e il Monte Brè. Sotto la premessa, tuttavia, ribolle un’attività di marketing silenziosa, esclusiva, accessibile a pochissimi, che indica un cambiamento di rotta sostanziale: prima di tutto nel nome – ora il progetto viene definito “The Lago Maggiore Retrait” –; secondariamente, ma in primo luogo per importanza, l’albergo “5 stelle superior” con centro Spa non è più previsto a Colmanicchio, frazione di Cardada; l’ultima versione del progetto indica un trasloco dell’intera struttura (con annessi e connessi, compreso un eliporto) al Monte Brè, in zona “La Follia I”, su 12mila metri quadrati di superficie. E sempre a Brè, in zona “La Follia II”, vengono confermate le ville e le residenze extralusso su 15mila metri quadrati di terreno. Vengono dunque sfruttati in modo diverso i terreni acquistati dalle partecipate della holding confederata Augur Invest, che è per così dire la “società madre” dell’investimento. Tracce chiare e inequivocabili del clamoroso cambiamento di rotta si trovano sul profilo Linkedin di un’affascinante donna dai tratti mediorientali che risponde al nome di Nadine Abi Aad. Si tratta dell’attuale direttrice esecutiva del settore vendite immobiliari della Augur, e già “Global Key Account Director” alla Andermatt Swiss Alps Ag di Sawiris per due destinazioni “extralusso” del grande progetto alpino. Insomma, un alto profilo poliglotta (parla 5 lingue, fra cui l’arabo) che sa evidentemente come muoversi in determinati ambienti.

Quelli in cui Abi Aad già si è mossa per cercare finanziatori al Monte Brè sono popolati da ricchi investitori a caccia di buoni profitti. Lo dimostra la recente presentazione del “Lago Maggiore Retrait” nel tempio del mercato immobiliare internazionale, il Mipim di Cannes, che nel Palais des Festivals, dal 12 al 15 marzo, aveva convogliato oltre tremila aziende espositrici del settore in rappresentanza di 100 Paesi, 3’800 Ceo e dirigenti e 5’400 investitori, in un contesto ravvivato da 26mila visitatori. Il Mipim viene presentato come “evento che riunisce gli operatori più influenti di tutti i settori dell’industria immobiliare”. In quell’affollato “salotto” il progetto locarnese era stato illustrato come un “santuario della vita elevata” dotato di tutti i comfort, immerso nella quiete, a due passi dal lago e dal Golf di Ascona. Il tutto, con “accesso Vip” in elicottero grazie a un eliporto realizzato sotto i 1’100 metri di quota e quindi non soggetto ad autorizzazioni speciali o a permessi per atterraggi in montagna.

Da questo nuovo scenario emerge dunque la rinuncia a realizzare la parte alberghiera separata a Colmanicchio, dove peraltro un importante lotto di terreni era stato acquistato allo scopo da un’altra società anonima, quella Vita Genesis Ag che ha in Jasmin Selina zu Sayn-Wittgenstein il suo membro di Consiglio d’amministrazione con firma individuale. Jasmin Selina è la moglie di Peter zu Sayn-Wittgenstein, il sedicente “Principe” che a Brè aveva personalmente condotto gran parte delle trattative di compravendita immobiliare con i proprietari locali. Di Peter si perdono dunque improvvisamente le tracce. Quanto alla possibile destinazione dei terreni “stralciati”, è mistero fitto.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved