maxi-resort-a-bre-e-cardada-ecco-l-iniziativa-popolare
Ti-Press
Una veduta aerea del Monte Brè
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
40 min

Lugano, l’ex amante nega lo stupro

Rischia cinque anni di carcere il 56enne italiano accusato di violenza carnale. Il processo è indiziario. La difesa chiede il proscioglimento
Luganese
57 min

Il nuovo Municipio di Melide è entrato in carica

A guidarlo è nuovamente Angelo Geninazzi, con Emiliano Delmenico (vice), Marco Martino, Sabrina Weber Venzi e Gabor Borostyan
Mendrisiotto
1 ora

Andare per musei d'arte con l'audioguida

Messe in Rete, le cinque istituzioni del Distretto si propongono in modo diverso attraverso una 'escursione' e una 'app'
Ticino
1 ora

‘Prestazione ponte Covid sì, dal 1. marzo’

Matteo Quadranti: la commissione di principio favorevole alla retroattività della misura straordinaria di sostegno
Luganese
1 ora

A Massagno fioriscno i tulipani per la vita

Il Comune aderisce anche quest'anno alla campagna di sensibilizzazione sul tumore al seno
Luganese
1 ora

Ferrovie Luganesi: ‘Sicurezza garantita anche con pandemia’

È questo il senso della campagna lanciata dalla società, con lo scopo di riportare gli utenti a prendere i mezzi pubblici in tranquillità
Luganese
1 ora

Morcote, ecco la nuova compagine municipale

Si è insediato il nuovo Esecutivo, guidato dal sindaco Giacomo Caratti
Bellinzonese
1 ora

La storia dell'Arti e mestieri tra formazione e innovazione

Inaugurata nell'atrio della scuola professionale di Bellinzona la mostra che in chiave didattica ripercorre più di cent'anni dell'istituto
Luganese
1 ora

Insediato il nuovo Municipio di Vico Morcote

È entrato ufficialmente in carica l'esecutivo guidato da Giona Pifferi e composto da Tazio Figini, Maurizio Merlo, Irene Guareschi e Maurizio Bernasconi
Luganese
1 ora

Autogestione, ‘il Municipio riponga l'ascia di guerra’

Lo chiede la sezione luganese di ForumAlternativo, sottolineando come l'assemblea del centro sociale si sia aperta con dibatti nelle piazze
Luganese
1 ora

Figli e soldi al centro di Progetto Giovani Massagno

Videoconferenze dedicate al mondo giovanile sulla piattaforma Zoom
Luganese
2 ore

Tresa, il Municipio: ‘Sui dicasteri ci vuole compromesso’

Prosegue la crisi politica nel neonato Comune, emersa con le dimissioni del municipale di TresaSostenibile. E anche la lista Per Tresa si schiera.
Luganese
2 ore

Commerci di Lugano aperti per l’Ascensione

Le aperture straordinarie non riguarderanno la grande distribuzione e saranno in vigore dalle 10 alle 18
Bellinzonese
2 ore

Gottardo: appalto ultra milionario al gruppo Valbianca

La società di proprietà dei Comuni di Airolo e Quinto si aggiudica il servizio di vitto e alloggio degli operai impiegati nel cantiere del secondo tunnel
Luganese
2 ore

Online, sinergia tra l'austriaca Greentube e Casinò Lugano

Partnership con la società viennese. Stauffer, presidente del CdA: 'Nessuna ripercussione sull'organico, sono due mondi separati'
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, in piazza per ricordare la guerra in Sri Lanka

La manifestazione, organizzata dall'Organizzazione dei giovani tamil del Ticino, si terrà sabato 15 maggio dalle 9 alle 12 in Piazza del Sole
Bellinzonese
3 ore

Serata informativa sul nuovo asilo nido di Ambrì

Si terrà martedì 18 maggio alle 19 nella sala multiuso delle Scuole elementari di Quinto. Iscrizione obbligatoria.
Locarnese
22.03.2019 - 12:020
Aggiornamento : 14:38

Maxi-resort a Brè e Cardada, ecco l'iniziativa popolare

A Locarno l'obiettivo è cambiare il Piano regolatore Settore 3. Entro il 21 maggio dovranno essere raccolte 1'800 firme

La disciplina edilizia della zona montana del Piano regolatore Settore 3 (Monte Bré e Cardada-Colmanicchio) è adattata al fine di permettere uno sviluppo del comparto montano della Città compatibile con il carattere di quartieri discosti, destinati ad una residenza e ad attività turistiche e alberghiere a bassa densità. In particolare, sono rivisti i parametri edificatori relativi ai volumi edilizi, ai bonus edificatori e alle disposizioni di occupazione del suolo nello spirito dell’evoluzione avvenuta finora del comparto. È immediatamente avviata la verifica della Zona in questione al fine di adeguarla - con particolare riguardo ai principi di qualità degli insediamenti - ai disposti della Legge federale sulla pianificazione del territorio, secondo le modifiche accolte in votazione popolare nel 2013, entrate in vigore il 1 maggio 2014.

È quanto chiede l'iniziativa popolare depositata negli scorsi minuti alla Cancelleria comunale di Locarno e che si prefigge – con una modifica di Piano regolatore – di bloccare sul nascere ogni possibilità di massiccio intervento immobiliare al Monte Brè e a Cardada; in particolare, tramite l'ormai famoso – anche se non ancora ufficialmente presentato – progetto di maxi-resort che prevede una novantina fra appartamenti e villette di lusso a Brè e un hotel "5 stelle superior" con 65 suites, centro Spa, campo da tennis e due ristoranti a Colmanicchio.

Per la riuscita dell'iniziativa popolare dovranno essere raccolte, a Locarno, da cittadini svizzeri aventi diritto di voto, 1'800 firme entro il 21 maggio.

"Il faraonico progetto speculativo di maxi-resort a Monte Brè e Colmanicchio, trapelato grazie alle ricerche e alle prese di posizione dell’associazione 'Salva Monte Brè' ( www.salvamontebre.ch ) preoccupa. Se realizzato sconvolgerà infatti territorialmente e paesaggisticamente i due quartieri montani della città di Locarno. I dettagli trapelati sul possibile progetto sono infatti impressionanti: si parla di una superficie già acquistata di 27mila m² a Monte Brè (Augur Invest Ag) e di 18mila m² a Colmanicchio  (Vita Genesis Ag) su cui realizzare decine di camere d'albergo e residenze 'appart-hotel' di extra lusso, come pure altre infrastrutture annesse come una possibile piazza di atterraggio per elicotteri", ricorda il testo dell'iniziativa. 

Dal profilo pianificatorio, "il Piano regolatore Settore 3 (Monte Bré e Cardada-Colmanicchio), approvato nel 1976, aveva colto lo spirito del luogo, proponendo dei parametri edificatori contenuti, appropriati al quartiere. La revisione del Piano regolatore approvata nel 1996 ha aumentato sensibilmente i parametri edificatori generali, che oggi, considerando gli oltre 20 anni trascorsi, vanno verificati e modificati tenuto conto di come il carattere del comparto sia fondamentalmente rimasto immutato e di come sia invece nel frattempo mutata la legislazione federale (Legge sulla pianificazione del territorio), il piano direttore cantonale (Schede PD R1, R6, R10) e la legge cantonale sullo sviluppo territoriale, per garantire un'utilizzazione parsimoniosa del suolo, limitare la dispersione degli insediamenti e mitigare l’impatto paesaggistico". In particolare, "le riserve di terreni edificabili vanno sfruttate in modo più mirato e le zone edificabili sovradimensionate o con indici edificatori eccessivi in zone non centrali vanno riviste".

Gli obiettivi

L'iniziativa vuole perseguire 6 grandi obiettivi:

1. Il mantenimento del carattere del luogo, fondamentalmente rimasto immutato nel tempo e destinato essenzialmente ad una residenza secondaria di carattere locale, accompagnata anche da residenza primaria;

2. La salvaguardia della rete sociale di quartiere condivisa, che si è creata e sviluppata nel comparto, evitando che lo stesso diventasse un sobborgo senza identità, composto di case di vacanza isolate;

3. La preservazione della qualità abitativa dell'insediamento, in particolare dell'equilibrio tra le singole componenti (residenza primaria, secondaria locale, secondaria turistica, attività pubbliche consone al comparto, ecc.), evitando attività a carattere intensivo che ne compromettano i pregi;

4. L’adeguamento della zona alle infrastrutture esistenti, in modo che non sia necessario da parte pubblica provvedere ad investimenti sproporzionati, con particolare riferimento alla situazione discosta del comparto rispetto all'area insediativa vera e propria del Comune;

5. La conservazione della qualità paesaggistica del comparto, che presenta oggi un corretto connubio tra elementi naturali, insediativi, aree verdi interne all'insediamento e volumetrie edilizie contenute.

6. L’adattamento della zona montana del Piano Regolatore Settore 3 (Monte Bré e Cardada-Colmanicchio) alla nuova legislazione federale e cantonale.

Il comitato d'iniziativa con (fra gli altri) due ex municipali

Alla sorgente dell'iniziativa c'è il comitato dell'associazione "Salva Monte Brè", ma è stato costituito un apposito comitato d'iniziativa del quale fanno parte Marco Ricca, Tatiana Ricca, Matteo Buzzi, Michele Bardelli (ex municipale), Maria Chiara Cotti, Michele Mainardi, Silvia Cavadini, Maurizio Catarin, Pierre Zanchi, Guy Bettini, Nathalie Peters, Manuela Celesia, Fabrizio Sirica, Diego Erba (ex municipale), Adolfo Tomasini, Mauro Belgeri e Fiorenzo Cotti.

 

"Ancora una volta stiamo dimostrando che il salvataggio del Monte Brè non è una questione di parte – si legge infine in una nota inviata dal 'Salva Monte Brè' –. Questo obiettivo riunisce tutte le persone oneste, tutti gli amanti della verità e della natura, che coprono l'intero spettro politico. Infatti, i promotori dell'iniziativa sono divisi tra personalità di sinistra e di destra, e abitanti/proprietari del Monte Brè. Anche se una modifica del Piano Regolatore può richiedere tempo, il deposito di questa iniziativa consente ora a tutti gli oppositori del progetto che intendono presentare ricorso in sede di deposito dei permessi edilizi di richiedere una misura di salvaguardia sospensiva. Riteniamo che l'iniziativa aumenti anche le possibilità del Municipio di adottare una Zona di Pianificatione, che consentirebbe anche, nel breve termine, di salvare il Monte Brè".

 

Ti-Press
Guarda le 2 immagini
© Regiopress, All rights reserved