ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

I pompieri di Melide celebrano Santa Barbara

Patrona di minatori e vigili del fuoco; la cerimonia si è svolta presso la sede intervento Ffs
Locarnese
2 ore

Moghegno, 14esima edizione della Via dei presepi

Da domenica al 6 gennaio saranno esposte al pubblico, nelle pittoresche vie del nucleo, 25 natività realizzate con tecniche e materiali tra i più svariati
Bellinzonese
2 ore

Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre

Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
2 ore

Mappo-Morettina, si rifà la segnaletica orizzontale

Per consentire i lavori la galleria stradale verrà chiusa al traffico la notte da domenica 11 dicembre a venerdì 16. Il traffico passerà dalla cantonale
Mendrisiotto
2 ore

Balerna, l’Acp cessa l’attività con una festa

L’Associazione cultura popolare chiuderà definitivamente a fine dicembre dopo 46 anni. Il 16 dicembre un evento pieno di sorprese
Locarnese
2 ore

Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale

Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
2 ore

Le Terre del Ceneri nella Toile de Jouy

Appuntamento martedì 13 dicembre alla biblioteca cantonale di Bellinzona per la vernice della mostra
Locarnese
2 ore

Gordola, Gruppo Alternativa in assemblea

La formazione politica si riunirà venerdì prossimo, alle 19, nella Sala Patriziale. Al termine vi sarà un rinfresco
Luganese
3 ore

Anche Paradiso festeggia i suoi volontari

Il sindaco ha ringraziato tutte le persone che continuano a mettersi a disposizione, in occasione della Giornata internazionale del volontariato
Bellinzonese
3 ore

Densità e urbanità. Quartieri, una socialità di prossimità

L’ultima serata pubblica de ‘Verso nuovi modi di vivere insieme: abitare il nostro territorio in tempi di crisi’ si terrà martedì 13 dicembre a Bellinzona
Mendrisiotto
3 ore

Chiasso, quasi pronto il rapporto di sostenibilità

Il documento che indica le dimensioni della qualità della vita sarà pronto per il prossimo mese di marzo
Luganese
4 ore

Coro di Natale alla chiesa di Breganzona

Il concerto dell’Avvento si terrà domenica 11 dicembre alle 16.30. Dirige il maestro Guido Mollica.
Bellinzonese
4 ore

La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria

Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Bellinzonese
4 ore

La volpe rossa continua ad animare le domeniche di Bellinzona

Domenica 11 dicembre alle 17.30 al Teatro Sociale Andrea Fazioli rivelerà il terzo capitolo del racconto. Fra calcio e musica prosegue Natale in Città
Luganese
4 ore

Lugano-Massagno, due milioni per l’acqua potabile

Chiesto un credito di 2,19 milioni di franchi per sistemare la rete, oltre alla costruzione di una nuova stazione di pompaggio
laR
 
09.09.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:13

Mesocco, alle urne per regolarizzare l’alpe Pian Doss

Il 25 settembre la popolazione dovrà esprimersi sulla revisione parziale della pianificazione locale. Il sindaco Christian De Tann: ‘È un valore aggiunto’

mesocco-alle-urne-per-regolarizzare-l-alpe-pian-doss
Ti-Press
Raggiungibile sia d’inverno, sia d’estate

L’alpe Pian Doss rappresenta «un valore aggiunto per l’agricoltura locale, ma anche a livello turistico e per la popolazione». Christian De Tann, sindaco di Mesocco, raccomanda quindi ai cittadini di accogliere in votazione popolare, il prossimo 25 settembre, la revisione parziale della pianificazione locale. Revisione che è necessaria, visto che attualmente l’uso della stalla quale ristorante e bar non è conforme alle leggi vigenti. Una situazione che per il momento viene però tollerata dalle autorità locali: «Riconosciamo che si tratta di un servizio valido che genera ricadute positive. L’obiettivo è quindi di mantenere l’offerta di ristorazione anche in futuro, ma per farlo bisogna avere le necessarie basi pianificatorie».

L’alpe Pian Doss si trova a sud-est di San Bernardino e d’estate è raggiungibile a piedi e in bicicletta grazie a una strada agricola asfaltata, per la quale vige un divieto di transito per motoveicoli non autorizzati. L’alpe è frequentato anche d’inverno, visto che si trova ai margini della pista da sci di fondo e di un sentiero invernale. La struttura è molto apprezzata, dato che da molti anni vende prodotti alpestri e offre un servizio di ristorazione. Servizio che dal 2015 viene offerto nella stalla principale. "La trasformazione della stalla a scopo agrituristico è però avvenuta senza i necessari permessi", si legge nella relazione di pianificazione e partecipazione sulla revisione parziale – commissionata dal Comune di Mesocco – redatta da Stauffer & Studach Raumentwicklung di Coira. Come detto, le autorità locali tollerano questa situazione, ma evidentemente è necessario trovare una soluzione, individuata nel progetto di revisione parziale della pianificazione locale. Se la popolazione di Mesocco accoglierà questa revisione, si creeranno le basi per l’implemento di un’attività accessoria di agriturismo. «Solo così si potrà garantire continuità all’offerta agrituristica proposta dall’alpeggio», precisa De Tann.

Senza ristorazione, futuro ‘in forte pericolo’

Nella relazione di pianificazione si sottolinea pure che negli ultimi 15 anni il gestore (ovvero il Consorzio alpe Pian Doss) "ha investito quasi un milione di franchi nelle infrastrutture agricole". Investimenti che risulterebbero insostenibili se le entrate fossero generate solamente dal fitto agricolo, ma che potrebbero essere garantiti anche in futuro grazie ai proventi dell’attività agrituristica. "L’attività agricola dell’alpe necessita essa stessa di un canale attrattivo per la vendita diretta dei suoi prodotti come lo può essere la ristorazione in loco, senza la quale il futuro dell’alpe è in forte pericolo". Insomma la revisione pianificatoria renderebbe la struttura "finanziariamente sostenibile", assicurando così un futuro all’attività agricolo-alpestre. Senza poi dimenticare i benefici a livello turistico e per la popolazione locale.

Nuova costruzione con cucina, servizi igienici, deposito e locale tecnico

Ma in caso di ‘sì’ il prossimo 25 settembre, quali interventi saranno effettuati all’alpe Pian Doss? Il progetto di agriturismo elaborato dallo studio Flury&Giuliani prevede in particolare la demolizione del bar-cucina all’interno della stalla principale. Cucina che sarà spostata in una nuova costruzione annessa alla stalla sul lato est, dove troveranno spazio anche servizi igienici, un deposito e un locale tecnico. All’interno della stalla – che dopo la realizzazione nel 2019 del piazzale di mungitura viene usata solo saltuariamente come rifugio di emergenza per il bestiame, ad esempio in caso di condizioni meteo avverse – resteranno panchine e tavoli legati alla ristorazione. Tuttavia, dovrà essere garantita la possibilità di spostarli in tempi brevi in caso di necessità. Non è quindi prevista la posa di installazioni fisse. E questo nemmeno nello spazio esterno previsto sul lato sud dedicato anch’esso alla ristorazione. Il corpo annesso sul lato ovest continuerà invece a essere utilizzato come deposito e infermeria per animali.

Locale didattico o dormitorio

Se da un lato il caseificio, la legnaia e il porcile potranno essere utilizzati solo a scopo agricolo, la baita dei pastori e la stalla secondaria (oltre a quella principale) potranno essere usate anche a scopo agrituristico. La prima, però, solamente al di fuori della stagione dell’alpeggio (di regola da ottobre ad aprile): in questo periodo il personale dell’azienda agrituristica potrà infatti alloggiare nelle camere della baita. Per la seconda vi sarà invece la possibilità di ‘convertirla’ a locale didattico – arricchendo così l’offerta informativa e di sensibilizzazione per i visitatori sulle peculiarità faunistiche, floristiche e paesaggistiche dell’area dell’alpe Pian Doss – o dormitorio.

Normalizzazione prevista nel 2023

Insomma, l’intenzione è quella di «consolidare l’offerta, garantendo alla struttura una solidità finanziaria», afferma De Tann. Per quanto riguarda la tempistica, l’intenzione è quella di mettere in regola l’offerta agrituristica dell’alpe «nel 2023». Questo presuppone ovviamente che la popolazione di Mesocco accolga la revisione pianificatoria e che in seguito non vi siano intoppi nell’iter per la costruzione dello stabile nel quale sarà inserita la nuova cucina.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved