100-1-anni-di-autopostale-in-val-calanca
Ente Turistico Regionale del Moesano
+2
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
6 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
10 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
10 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
10 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
16 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
17 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
18 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
19 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
20 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
20 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
20 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
20 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
20 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
Mendrisiotto
21 ore

Processioni, d’ora in poi dossier descrittivi per i trasparenti

In risposta a un’interrogazione, la Città anticipa delle novità e garantisce che le opere danneggiate vengano subito valutate per il restauro
laR
 
16.06.2022 - 20:54

100+1 anni di Autopostale in val Calanca

La ricorrenza dell’importante conquista della popolazione locale verrà celebrata sabato 9 luglio a partire dalle 8.30

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Far riaffiorare emozioni e ricordi ormai dimenticati, ma capaci di marcare in maniera radicale la storia del territorio. Il prossimo 9 luglio una carovana di veicoli d’epoca percorrerà le strade fra Grono e Santa Maria per celebrare i 100+1 anni dell’Autopostale Calanca. Una giornata intensa – già agendata l’anno scorso, ma poi rinviata causa Covid – in cui rievocare i primi chilometri effettuati dalla ‘scimmia’ (così amichevolmente chiamata l’allora Berna 4C) nonché riflettere sull’importante lacuna colmata poco più di un secolo fa dai mezzi pubblici nel Grigioni italiano. «L’entrata in funzione della Posta era sfociata in una mobilitazione popolare volta finalmente a ottenere il riconoscimento del servizio in Calanca – ha spiegato il direttore dell’Ente turistico regionale del Moesano Christian Vigne in conferenza stampa –. La determinazione e la fermezza dimostrate in quella circostanza hanno permesso alla valle, sì discosta ma non priva di vita, di uscire da una situazione difficile». Una ricorrenza parecchio sentita dalla popolazione, che merita una festa ad hoc: «Finito di consumare la colazione al B Atelièr Bistrot di Grono la carovana si metterà in marcia a bordo di vecchi autopostali fino alla terrazza naturale di Santa Maria e alle cave Polti di Arvigo, prima di concludere il tour a Rossa. Nelle varie fermate le attività spazieranno dalle escursioni culturali alla possibilità di cenare nei ristoranti della località più alta della valle; l’Archivio regionale di Cauco esporrà invece una mostra fotografica». L’ampia offerta ricreativa necessita quindi del supporto di molteplici enti, quale il Parco Val Calanca diretto da Henrik Bang. Secondo cui uno dei compiti dell’associazione «è di promuovere e sostenere il servizio pubblico così da riuscire a ripopolare la vallata: le sole otto corse giornaliere, sfortunatamente, non permettono di spostarsi in tutta facilità dal proprio domicilio senza automobile. La nostra intenzione è di studiare forme di trasporto alternative e puntare di più sulla mobilità lenta, ad esempio posando alcune colonnine di ricarica». Alla manifestazione parteciperanno circa duecento persone, molti (scalpitanti) si sono già assicurati un posto su www.visit-moesano.ch/it/autopostalecalanca. È ancora possibile iscriversi sino al 24 giugno.

Cocciutaggine premiata

Da ormai qualche decennio la popolazione lamentava un crescente malcontento a causa della persistente mancanza di una linea di trasporto fra Grono e Santa Maria: stremati dalla lentezza (quasi 2 ore e 20 minuti di percorrenza dal fondovalle sino a Rossa) della vecchia diligenza in velluto marrone screziato, ora esposta nel Museo del Moesano, a inizio Novecento i calanchini decisero di mettere alle strette le autorità federali e cantonali impedendo l’entrata in funzione del Char-à-Bancs, una specie di carrozza trainata da animali. La Calanca rimase senza Posta, ma la cocciutaggine della cittadinanza permise la comparsa della prima ‘Berna 4C’ il 3 luglio 1921 a Rossa. Allora era in vigore il divieto di circolazione per i veicoli motorizzati su tutte le strade dei Grigioni, fatto quanto assurdo quanto vero. La legislazione era infatti di competenza dei Cantoni, i quali emanavano a loro discrezione delle disposizioni generiche circa ad esempio le velocità massime consentite. Una norma definitivamente soppressa nel 1925, dopo ben dieci votazioni popolari; prima era necessario far trainare il proprio veicolo da cavalli o buoi, a differenza del Ticino. Ma la ‘scimmia’ non è mai stata azionata da animali, anzi, in barba alle disposizioni imposte da Coira, scorrazzava su e giù per la valle mossa dal proprio motore a scoppio. La Calanca divenne quindi la prima vallata retica a introdurre un’automobile postale moderna: le autorità locali ritennero opportuno fare uno strappo alla legge, onde favorire la condizione di una terra remota e che si trovava in situazione precaria.

Altra ricorrenza

Un secolo di vita anche sul San Gottardo

A partire dal 1842 le diligenze postali iniziarono ad assicurare il fondamentale collegamento fra nord e sud anche sul passo del San Gottardo, ma la comparsa della linea ferroviaria quarant’anni dopo fece lentamente perdere d’importanza questa tratta. L’era degli autopostali riuscì tuttavia a ripopolare nuovamente la strada fra Andermatt e Airolo: era il giugno del 1922 quando i primi intrepidi passeggeri si permettevano il lusso di percorrere la nuova linea AutoPostale e oltrepassare il valico alpino. E la linea rientra ancora oggi, esattamente a un secolo di distanza, nell’offerta ricreativa estiva di AutoPostale, tant’è che l’anno scorso ben 21’000 persone hanno deciso di percorrere la tratta del San Gottardo. A titolo di confronto nell’estate del 1881, prima dell’introduzione della ferrovia, erano invece 60’000. Dal 25 giugno fino al 9 ottobre la corsa tra Airolo e Andermatt, della durata di circa 50 minuti, verrà quindi effettuata più volte al giorno in modo da omaggiare questa importante ricorrenza e permettere a chi è interessato di scoprire le peculiarità della regione, come la fortezza dell’Esercito rossocrociato tutelata da segreto militare fino a poco tempo fa.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
100+1 anni autopostale val calanca
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved