ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
49 min

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
57 min

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
1 ora

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
2 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
2 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
2 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
2 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
2 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
2 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
3 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
3 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
4 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
08.06.2022 - 12:01
Aggiornamento: 18:26

Nei Grigioni i lupi hanno già predato 39 animali da reddito

Stando all’Ufficio per la caccia e la pesca sono necessarie nuove condizioni quadro a livello federale per consentire una coesistenza tra uomo e predatore

nei-grigioni-i-lupi-hanno-gia-predato-39-animali-da-reddito
Keystone

Quest’anno, sino a fine maggio, nei Grigioni i lupi hanno già predato 39 animali da reddito, anche nelle greggi ben protette. Lo ha indicato in un comunicato odierno l’Ufficio per la caccia e la pesca, sottolineando che sono quindi "nuove condizioni quadro a livello federale per la gestione del lupo, il quale si è affermato come specie protetta sia in Svizzera sia all’estero, al fine di consentire una coesistenza tra essere umano e lupo".

La definizione di specie minacciata ‘non è più opportuna’

A fine 2021 in tutta la Svizzera sono stati rilevati 148 lupi appartenenti a 16 branchi, sei dei quali sono insediati nei Grigioni. E verosimilmente i numeri cresceranno, visto che annualmente "l’effettivo di lupo aumenta in media del 30 per cento circa", prosegue la nota. In questo contesto, si può quindi presumere "che parallelamente continueranno ad aumentare anche i danni, nonostante le misure di protezione del bestiame". Misure di protezione che sono "attuate con grande impegno nel Cantone", ma che "stanno raggiungendo i propri limiti". In sostanza, per l’Uffcio per la caccia e la pesca, "visto l’effettivo attuale, nel Cantone dei Grigioni non è più opportuno definire il lupo una specie minacciata". Anche nella ‘Lista Rossa: Specie minacciate in Svizzera’ 2022 dell’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam) "il lupo viene ora definito ‘vulnerabile’".

Necessità di una regolazione proattiva

Secondo la legislazione federale attuale gli abbattimenti sono possibili solo se sono stati riscontrati danni e se vi è la conferma che il branco si sia riprodotto. "Tuttavia al fine di ottenere un effetto di apprendimento i giovani animali devono poter essere abbattuti nelle vicinanze di altri lupi e in situazioni che coinvolgono animali da reddito", si precisa nel comunicato. Ciò non è però sempre possibile, visto che i cuccioli accompagnano a caccia i genitori solo a partire dai tre mesi di età circa e quindi, solitamente, soltanto a stagione d’alpeggio inoltrata. "Sebbene sia possibile abbattere gli animali fino a tarda estate, ciò è poco efficace in termini di effetti di apprendimento per quanto riguarda le predazioni di animali da reddito. Per contrastare l’aumento del numero di predazioni è quindi essenziale poter procedere a una regolazione proattiva dell’effettivo di lupo come misura di protezione aggiuntiva alla protezione sistematica del bestiame". In questo senso è però "necessaria una modifica della legge sulla caccia a livello federale. Insieme ad altri Cantoni di montagna, le autorità e i gruppi di interesse grigionesi si impegnano in modo conseguente e attivo a questo scopo".

Possibilità di chiedere contributi una tantum per ulteriori misure di protezione

Grazie al credito aggiuntivo pari a 5,7 milioni di franchi messo a disposizione dalla Confederazione è da subito possibile presentare al Cantone domanda per contributi una tantum per ulteriori misure di protezione del bestiame. Questi mezzi finanziari possono anche essere richiesti in caso di scarico anticipato dell’alpe a seguito della presenza del lupo. Ricordiamo che l’anno scorso nei Grigioni due alpeggi (di cui uno in Alta Mesolcina) erano stati scaricati già a inizio luglio, ovvero due/tre mesi prima del previsto. "Le disposizioni per i parti di vitelli presso le aziende d’estivazione – prosegue la nota – si sono dimostrate valide l’anno scorso e continueranno a essere applicate. Inoltre ora l’Ufficio per la caccia e la pesca può indennizzare anche determinati oneri lavorativi dei detentori di animali da reddito in relazione ad animali feriti. Oltre a ciò, con una modifica retroattiva dell’ordinanza sui pagamenti diretti, l’Ufficio federale dell’agricoltura intende rafforzare la sorveglianza permanente delle pecore e, a determinate condizioni, versare integralmente i contributi d’estivazione in caso di scarico anticipato dell’alpe". Si ricorda infine che "le decisioni necessarie per queste modifiche verranno prese dal Consiglio federale in ottobre".

Leggi anche:

Arriva il lupo e gli alpeggi si svuotano a... inizio estate

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved