ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
5 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
6 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
7 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
7 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
8 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
8 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
8 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
9 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
Luganese
9 ore

‘Degrado e abbandono’ lungo il sentiero di Gandria

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Indipendente) presenta un’interpellanza al Municipio di Lugano
Ticino
9 ore

Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione

La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Locarnese
9 ore

Poetica-MenteCuore, l’installazione teatrale

Domenica 5 febbraio a Vira Gambarogno in scena Stefania Mariani su testi di grandi autori di oggi e di ieri
Luganese
10 ore

Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’

Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
Luganese
10 ore

Incidente sulla A2, code in direzione sud

Si segnalano disagi al traffico tra Muzzano e la galleria di Collina d’Oro
Mendrisiotto
11 ore

A LaFilanda di Mendrisio un dialogo tira l’altro

Il centro culturale ospita ‘Point of View’, opera di public art itinerante della creativa Patrizia Pfenninger
Bellinzonese
11 ore

50 candeline per la Cassa conducenti Ptt regia di Bellinzona

All’Hotel Unione i soci hanno celebrato il traguardo raggiunto dall’associazione che dal 1973 funge da punto di riferimento per i momenti conviviali
09.02.2022 - 21:40

Si avvicina la nuova caserma dei pompieri della Bassa Mesolcina

Depositata la domanda di costruzione per la realizzazione di una moderna e spaziosa sede accanto allo svincolo autostradale di Roveredo

si-avvicina-la-nuova-caserma-dei-pompieri-della-bassa-mesolcina
In giallo il terreno messo a disposizione. Da vent’anni il corpo della Bassa Mesolcina attende una struttura più funzionale

Dopo vent’anni di attesa i pompieri della Bassa Mesolcina (Cpbm) vedono finalmente avvicinarsi la realizzazione di una spaziosa e moderna caserma. È stata infatti depositata in questi giorni la domanda di costruzione per l’edificazione della nuova sede, che rimarrà sul territorio di Roveredo e andrà a rimpiazzare quella attuale ubicata in centro paese vicino al supermercato Coop. Il terreno su cui sorgerà la struttura si trova accanto allo svincolo autostradale, in zona Vera, su un terreno messo a disposizione al Corpo pompieri per 60 anni dal Comune di Roveredo dopo averlo acquistato dall’Ufficio federale delle strade (Ustra).

Giovanni Cadlini, comandante del Corpo operativo sul territorio dei Comuni di Grono, Roveredo, San Vittore e Cama, è molto soddisfatto per quello che rappresenta un passo decisivo verso la tanto agognata nuova casa. Da un ventennio il Corpo conosce notevoli difficoltà logistiche a causa della esiguità dell’attuale sede rivelatasi troppo piccola (veicoli e materiale sono depositati in più luoghi), anche a causa della creazione del Corpo unificato della Bassa Mesolcina e dell’assunzione di ulteriori compiti. «La necessità di avere una sede più grande e moderna era già presente nel 2000 quando era nato il Cpbm dalla fusione dei vari Corpi comunali – premette Cadlini –. Tanto è vero che da allora sono stati promossi alcuni progetti che non sono tuttavia mai stati concretizzati». Erano infatti cadute l’idea di costruire un’ala aggiuntiva al Centro servizi regionale e la proposta di insediare anche i pompieri nel magazzino sede del Servizio ambulanza.

Le condizioni poste dall’Ustra

Ciò che ha fatto cambiare marcia all’iter è stata l’esplicita richiesta al Cantone Grigioni, formulata nel 2018 dall’Ufficio federale delle strade (Ustra), di disporre di un centro operativo che rispettasse gli standard di legge. Senza un caserma al passo con i tempi, Ustra metteva in dubbio il mandato del Cpbm lungo l’autostrada A13, da San Vittore fino all’uscita del castello di Mesocco. «Le condizioni poste da Ustra, anche alla luce dell’inaugurazione del 2016 della galleria autostradale San Fedele, hanno accelerato il processo e si è finalmente giunti a una soluzione. È stato avviato il concorso di progettazione (vinto dallo studio Architetti Cattaneo e Associati Sa, ndr), seguito dalla progettazione definitiva e dalla concessione del credito da parte dell’assemblea della Corporazione del Cpbm composta da rappresentanti dei quattro Comuni». L’obiettivo è quello di iniziare i lavori durante la prossima primavera e inaugurare la caserme nell’estate del 2023.

Investimento di 3,5 milioni

L’investimento per la realizzazione ammonta a 3,5 milioni di franchi, messi a disposizione della Corporazione con una chiave di ripartizione basata su numero di abitanti, superficie e valore assicurato degli immobili. Il Cantone dei Grigioni, per tramite dell’Assicurazione dei fabbricati (Gvg), contribuisce con un credito a fondo perso di 800mila franchi. Il nuovo stabile sarà lungo circa 40 metri per 20, per due piani di altezza, su un terreno di circa 4’000 metri quadrati. Al suo interno saranno realizzati l’autorimessa dei mezzi, la centrale operativa e altri locali di cui i pompieri sono attualmente sprovvisti come uffici, spogliatoi, sala riunioni, lavanderia e cucina. Oltre ai chiari benefici logistici e organizzativi, il comandante sottolinea la posizione decisamente più strategica della nuova sede. «La vicinanza con lo svincolo di Roveredo è indubbiamente un grande vantaggio, non solo per un’operatività più tempestiva in autostrada senza più dover partire dal centro del paese, ma anche in caso di intervento nei paesi confinanti. Per esempio, grazie al semisvincolo inaugurato a Grono nel 2019, possiamo aggirare la strettoia di Grono passando dall’autostrada, per poi uscire e tornare sulla strada cantonale e diminuire notevolmente la durata del tragitto ad esempio verso la Valle Calanca».

La nuova caserma, riprende il comandante Cadlini, risponderà anche allo sviluppo edilizio della regione. «Pensiamo ad esempio alla zona industriale di San Vittore in continua espansione, alle costruzioni di palazzine a Grono e all’annunciata ricucitura di Roveredo. Di fronte a questa evoluzione, anche i pompieri sono chiamati ad adeguarsi al fine di garantire la sicurezza su tutto il territorio di nostra competenza».

‘Una struttura che guarda al futuro’

L’ingegnere Pierre Negrini, coordinatore del progetto per conto della Corporazione, spiega il concetto della nuova struttura. «Si tratta di una caserma che guarda al futuro: oltre ad avere il posto necessario per ospitare un maggiore numero di pompieri e veicoli, sono previsti ampi spazi dedicati alla formazione dei militi (in questo sarà per esempio realizzata una torre di esercitazione alta 20 metri, ndr). L’idea è dunque quella di puntare sull’addestramento, diventando un modello di riferimento all’avanguardia». Un obiettivo che si collega con i compiti extraterritoriali del Corpo, come ad esempio la formazione per la difesa Abc (atomica, biologica e chimica).

Attualmente il Cpbm conta su un organico di circa 40 militi. Il nuovo centro potrà ospitarne fino a 60. «Un po’ come tutti gli altri Corpi, siamo sempre alla ricerca di nuovi militi – afferma Cadlini –. Trovare persone che si mettono a disposizione è una sfida sempre più difficile, anche se negli ultimi anni qualche giovane si è fatto avanti. L’obiettivo di ampliare l’organico è fattibile ma bisognerà darsi da fare con campagne di promozione mirate».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved