i-grigioni-revocano-i-provvedimenti-cantonali-per-la-pandemia
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
3 min

TicinoSentieri si rinnova grazie all’aiuto degli appassionati

La segnaletica lungo i sentieri è da rinnovare e con un’app gli escursionisti potranno censire i 5’470 cartelli lungo quasi 5mila chilometri di percorsi
Bellinzonese
46 min

Alla scoperta del materiale tecnico del soccorso alpino

La stazione di soccorso di Bellinzona sostiene la campagna Montagne Sicure e propone una giornata di divertimento e sensibilizzazione a Curzútt
Bellinzonese
55 min

Concerto di musica classica tra la Surselva e la Valle di Blenio

Domenica 21 agosto in programma due esibizioni: la mattina a Disentis e nel tardo pomeriggio a Leontica
Mendrisiotto
59 min

Feste di San Lorenzo in Valle di Muggio: premi della lotteria

Sono ancora da riscuotere due vincite, ottenute durante l’ultima edizione dei festeggiamenti svoltasi con successo pochi giorni fa
Mendrisiotto
1 ora

Torna la Festa del Mulino di Bruzella

Il tradizionale appuntamento di fine estate si svolgerà domenica 28 agosto. Tra l’altro, possibilità di acquistare prodotti macinati tradizionalmente
Grigioni
3 ore

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
3 ore

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
3 ore

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
Ticino
4 ore

Contagi in Ticino sotto le mille unità: 739 in una settimana

Coronavirus, in una settimana le nuove positività sono scese di quasi un terzo; in calo pure le persone ospedalizzate: ora sono 60. Tre i decessi
09.02.2022 - 09:14
Aggiornamento: 19:28

I Grigioni revocano i provvedimenti cantonali per la pandemia

Da domani via l’obbligo di mascherina nelle scuole dell’obbligo, da venerdì sospesi i test in aziende e scuole salvo strutture sanitarie e di assistenza

La pandemia non fa più paura e il Cantone dei Grigioni si avvia verso la normalità. Ha revocato le misure cantonali e sostiene la revoca immediata di tutte le misure federali. È stato sciolto anche lo Stato maggiore di crisi per la gestione della pandemia.

Questa è la notizia che molti nel settore scolastico volevano sentire. Così si è espresso oggi davanti ai media il direttore del Dipartimento cantonale dell’educazione Jon Domenic Parolini (Centro). “A partire da domani sarà abolita la misura di indossare la mascherina nelle scuole dell’obbligo”. Per gli insegnanti la regola non cambia: dovranno ancora portare la mascherina come previsto dalle autorità federali.

Il Cantone ha deciso di non riprendere i test di massa che erano stati sospesi temporaneamente nelle scuole e nelle imprese. Ora sono ufficialmente interrotti anche a causa dell’attuale sovraccarico dei laboratori e il Governo non ne vede più il senso. Nel contempo la situazione negli ospedali e nei reparti di terapia intensiva si sta visibilmente calmando nonostante il numero elevato di casi, ha spiegato il Presidente del Governo Marcus Caduff (Centro).

Nel quadro delle misure anti-Covid a livello federale, i Grigionesi sono per una soluzione rapida. Il Governo sostiene la variante 1 del Consiglio federale, quella che prevede l’abrogazione immediata di quasi tutte le misure. “Non vediamo la necessità di mantenere l’obbligo delle mascherine sui trasporti pubblici e nel commercio al dettaglio”, ha spiegato Caduff. La pandemia si sta trasformando in un’endemia.

“Presumiamo che la maggior parte della popolazione dei Grigioni sia stata immunizzata: perché vaccinata o perché guarita”, ha dichiarato il Presidente del Governo. Secondo le stime dell’Ufficio della sanità pubblica, metà della popolazione è già entrata in contatto con Omicron.

A causa dello sviluppo positivo, i Grigioni stanno sciogliendo lo Stato maggiore di condotta cantonale, l’organizzazione che per due anni ha gestito la crisi da coronavirus. La gestione passa di nuovo nelle strutture ordinarie e il Dipartimento della sanità ne sarà responsabile.

Pronti per altre crisi

Lo Stato maggiore composto da 100 persone sarà ridotto a un massimo di 30 collaboratori, ha spiegato il ministro della Sanità grigionese Peter Peyer (Ps), spiegando i prossimi passi. “Non vogliamo abolire tutta l’organizzazione perché non sappiamo cosa succederà in autunno”, ha sottolineato il Consigliere di Stato socialista. La pandemia non è ancora finita.

Martin Bühler, finora a capo dello Stato maggiore di condotta, ha assicurato che il Cantone sarà in grado di reagire rapidamente nel momento in cui dovesse peggiorare la situazione legata alla pandemia. “Se ora riduciamo gli effettivi, non significa che poi non saremo più in grado di agire e reagire adeguatamente”, ha spiegato Bühler. “In questi due anni abbiamo acquisito molta esperienza. Perciò saremo certamente capaci di riorganizzare in breve tempo una struttura direttiva efficace”.

Sostegni per i casi di rigore in inverno

Buone notizie per le aziende in difficoltà a causa della pandemia durante il periodo invernale. Innanzitutto per il quarto trimestre del 2021 sarà riattivato il programma per i casi di rigore 1. Inoltre il Cantone sta per lanciare un programma per i casi di rigore 2 che coprirà i primi mesi di quest’anno.

Secondo il direttore del Dipartimento cantonale dell’economia pubblica Marcus Caduff, per il programma 1 vengono applicate le stesse regole dell’anno scorso, mentre per il programma 2 sono previste condizioni più rigide.

Il Cantone dei Grigioni intende sostenere anche quelle imprese che hanno già esaurito il diritto di richiedere ulteriori contributi federali. Caduff ha assicurato che il Cantone sopperirà a queste difficoltà con aiuti finanziari stimati fra i 5 e i 7 milioni di franchi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus grigioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved