giudicata-insufficiente-l-offerta-dell-informazione-in-italiano
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
19 min

Cataloghi civici di Mendrisio, ricorso al Consiglio di Stato

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani chiede di modificarli perché sono stati pubblicati incompleti
Bellinzonese
30 min

Airolo-Lüina, un pomeriggio sugli sci rivolto ai più piccoli

TiSki e la Scuola Svizzera di Sci di Airolo-S. Gottardo hanno confermato per il 2 febbraio il Raiffeisen Kids Ski Day, nonostante lo scarso innevamento
Mendrisiotto
38 min

Mendrisio, sedute commissionali anche a distanza

Il Municipio si dice favorevole. Ma prima di modificare il Regolamento comunale, si attenderanno le indicazioni cantonali
Locarnese
40 min

Gordola, intervento alla rete causerà interruzione di corrente

Interruzione dell’erogazione energetica mercoledì 26 gennaio, dalle 8 alle 11.15 e dalle 13.15 alle 15
Ticino
45 min

Cdm ad hoc: eletti Torricelli, Crivelli e Pezzati

Il parlamento ha designato tre dei quattro membri non togati del Consiglio della magistratura straordinario, dopo la ricusazione di quello in carica
Locarnese
45 min

Brissago premierà i suoi giovani sportivi e artisti

Decisa l’assegnazione, annua, di un riconoscimento ai domiciliati e alle società che si distingueranno nella pratica di attività in questi ambiti
Locarnese
46 min

Locarno diversifica le tasse per i proprietari di cani

I 100 franchi annui finora richiesti per tutte le razze rimangono solo per quelle soggette a restrizione. Sconti per tutti gli altri
Mendrisiotto
51 min

Monte Generoso, quando si saprà l’ente gestore del parco?

Il deputato Matteo Quadranti chiede spiegazioni al Consiglio di Stato sulla tempistica di presentazione del messaggio atteso dal 2018
13.01.2022 - 17:320
Aggiornamento : 18:01

Giudicata insufficiente l’offerta dell’informazione in italiano

Il Consiglio di Stato grigionese prende atto delle conclusioni dello studio effettuato da due università e si prepara a mettere in atto misure specifiche

a cura de laRegione

Nei Grigioni l’offerta dell’informazione in lingua italiana è giudicata carente. È quanto emerge dal rapporto elaborato dall’Università di San Gallo e dalla Scuola universitaria professionale dei Grigioni. Se l’offerta di notizie in romancio è giudicata buona (grazie alla collaborazione tra l’agenzia Fundaziun medias rumantschas e i giornali romanci e la radiotelevisione romancia), il rapporto valuta invece insufficiente il flusso di notizie in italiano a beneficio di Moesano, Bregaglia e Val Poschiavo. Secondo lo studio, la Rsi offre informazioni regionali e locali insufficienti dalle tre valli italofone. Anche il contributo regionale in lingua italiana della società Somedia è stato valutato negativamente.

Il lavoro dei due atenei indica una serie di misure concrete per garantire un futuro sostenibile a tutti i media, sia cartacei che digitali. Per le notizie in italiano, il rapporto suggerisce di portare al 100% l’impiego (attualmente al 50%) del corrispondente italofono presso l’agenzia Keystone Ats con sede a Coira: la posizione part-time, introdotta nel 2017 e che ha sì contribuito a migliorare la situazione, non è tuttavia ritenuta sufficiente per ottenere una buona copertura delle notizie in lingua italiana a livello cantonale, regionale e locale. Si propone inoltre di creare un’agenzia di lingua italiana sulla falsa riga di quella romancia e di rinnovare, anche grazie a sostegni diretti, i portali online ilbernina.ch, bregaglia.ch e moesano.ch. Viene indicata anche la possibilità di migliorare, con gli enti cantonali e regionali, le campagne pubblicitarie e informative delle autorità. Lo studio fa leva anche sull’importanza della promozione mediatica tra i giovani e sulle formazioni di giornalisti. Era stato il granconsigliere mesolcinese Manuel Atanes a chiedere al governo retico, tramite una mozione inoltrata nel giugno 2018, di avviare uno studio incentrato sul futuro dei media e sul loro sostegno nel cantone. L’analisi ha considerato i media cartacei, audiovisivi e le piattaforme online. Allo scopo di rilevare il modo in cui l’informazione viene percepita, si sono svolte delle interviste a rappresentanti dei settori economico, politico e culturale delle tre regioni linguistiche.

Dal canto suo il Consiglio di Stato retico ha preso atto delle conclusioni dello studio. “Nel settore della promozione dei media il Canton Grigioni intende anche in futuro concentrare l’attenzione in primo luogo sulle esigenze delle due minoranze linguistiche cantonali”, si legge in un comunicato. Il governo informa di aver incaricato il Dipartimento istruzione, cultura e protezione dell’ambiente di elaborare una proposta per migliorare la copertura mediatica in italiano e in romancio. Dipartimento che, dopo la votazione popolare federale sul sostegno ai media del prossimo 13 febbraio, provvederà all’allestimento di un pacchetto di misure specifiche.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved