nei-grigioni-da-lunedi-vaccinazioni-di-richiamo-per-gli-over-16
Keystone
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 ora

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
1 ora

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
8 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
8 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
9 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
9 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
25.11.2021 - 14:38
Aggiornamento : 19:01

Nei Grigioni da lunedì vaccinazioni di richiamo per gli over 16

Il governo retico offre il ‘booster’ a tutte le persone già vaccinate dai 16 anni in su. Aggiunti due posti letto in cure intense

Ats, a cura de laRegione

Il governo dei Grigioni offre la vaccinazione di richiamo a tutte le persone già vaccinate, dai 16 anni in su, a partire da lunedì prossimo. Sono inoltre previsti due nuovi posti letto nel reparto delle cure intense dell’Ospedale cantonale dei Grigioni.

“La situazione è grave perché è stato raggiunto un nuovo picco massimo di infezioni”, ha esordito oggi il consigliere di Stato Peter Peyer davanti ai media. L’obiettivo è quello di continuare a vivere una vita normale senza divieti, mantenere la frequenza in presenza nelle scuole e garantire la stagione degli sport invernali nei Grigioni.

La vaccinazione di richiamo è particolarmente raccomandata alle persone oltre i 65 anni di età, poiché in queste persone l’effetto protettivo da un decorso grave è calato in misura maggiore rispetto alle persone più giovani.

Nel frattempo nei Grigioni le dosi di richiamo sono già state inoculate a 9’000 persone. Per accedere al richiamo devono essere trascorsi almeno sei mesi dalla seconda vaccinazione. A partire dalla prossima settimana, il Cantone si aspetta di ricevere l’autorizzazione necessaria dalla Confederazione per offrire la terza vaccinazione a tutte le persone a partire dai 16 anni di età.

Personale infermieristico sovraccarico di lavoro

“Il personale infermieristico non ne può più, dobbiamo fare qualcosa”, ha continuato Peyer. Per questo motivo, il governo vuole creare due nuovi posti letto nel reparto di terapia intensiva dell’Ospedale cantonale dei Grigioni e assumere il relativo personale necessario. Il tutto comporta un investimento di due milioni di franchi.

Per il cosiddetto programma di protezione invernale il Cantone dei Grigioni prevede di investire dai 10 ai 35 milioni di franchi. In questo importo sono compresi anche i test aziendali e quelli scolastici, che saranno gratuiti fino alla prossima primavera. Attualmente sono quasi 67’000 le persone che partecipano regolarmente a questi test.

Genitori preoccupati

“Siamo particolarmente preoccupati per la fascia d’età che va dai 30 ai 60 anni”, ha detto oggi il medico cantonale Marina Jamnicki. Sono i genitori dei bambini in età scolare, tra i quali il virus sta attualmente circolando in modo particolarmente forte. Sono proprio le madri e i padri non vaccinati che stanno finendo nelle cure intense.

Nei Grigioni i tre pazienti in terapia intensiva non risultano vaccinati, mentre sono 40 le persone ricoverate in ospedale. “Se vogliono passare il Natale a casa, devono allora vaccinarsi”, questo l’appello di Marina Jamnicki.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
grigioni terza dose vaccinazioni richiamo vaccino anti covid
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved