approvata-in-votazione-la-pista-ciclabile-della-bassa-mesolcina
Progetto approvato a larga maggioranza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
8 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
13 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
15 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
16 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
16 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
1 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
26.09.2021 - 12:32
Aggiornamento: 15:21

Approvata in votazione la pista ciclabile della Bassa Mesolcina

I cittadini di San Vittore, Grono e Roveredo si sono espressi a favore del tracciato di 6,6 chilometri lungo i binari della ex Ferrovia retica

La Bassa Mesolcina avrà la sua pista ciclabile. Chiamati ad esprimersi oggi in votazione popolare, le cittadine e i cittadini di San Vittore, Roveredo e Grono hanno infatti approvato a larga maggioranza la realizzazione della pista ciclabile di 6,6 chilometri prevista lungo il tracciato della ex Ferrovia retica. A San Vittore il testo è stato approvato con 263 voti favorevoli (70%) e 114 contrari. Netto il risultato anche a Grono: 348 sì (71%) e 141 no; nettissimo a Roveredo dove la ciclopista ha ottenuto l’80% dei consensi (683 favorevoli e 171 contrari).

La cittadinanza dei tre Comuni ha approvato il relativo credito di partecipazione all’opera dal costo complessivo di 4,6 milioni di franchi. Sulla base dei chilometri di pista che toccano ciascun Comune, San Vittore ha stanziato un credito di 2,09 milioni, Roveredo di 962mila franchi e Grono di 1,51 milioni (crediti approvati dagli organi legislativi dei tre enti locali nel corso degli ultimi mesi). Il Cantone parteciperà all’investimento nella misura del 75%, ciò che conterrà notevolmente gli investimenti netti a carico dei tre Comuni riducendoli a 887mila per San Vittore, 475mila per Roveredo e 638mila per Grono.

Pianeggiante, interamente asfaltato, largo tre metri e dotato d’illuminazione notturna, il tracciato si congiungerà con il Ticino grazie alla ciclopista prevista dalla stazione Ffs di Castione a Lumino. Il cantiere vero e proprio potrebbe entrare nel vivo questo autunno dopo i primi brevi tratti nel frattempo già realizzati. L’obiettivo è d’inaugurare l’opera nel settembre 2022, in concomitanza con l’apertura della pista ciclabile sul territorio ticinese.

A Roveredo sì anche all’ampliamento della scuola e alla revisione delle leggi sui diritti politici

Le cittadine e i cittadini di Roveredo hanno inoltre approvato a larghissima maggioranza la revisione dello statuto comunale e delle leggi sui diritti politici. La principale novità in quest’ambito è l’introduzione del sistema maggioritario, al posto di quello proporzionale, per l’elezione del Municipio. Concretamente, con l’introduzione del sistema maggioritario per l’esecutivo, i seggi non saranno più distribuiti in base alla forza dei partiti, ma a essere eletti saranno, semplificando, i candidati che hanno ottenuto più voti. Sono inoltre previste due elezioni distinte: una per scegliere il sindaco e l’altra per eleggere i restanti quattro municipali.

Sempre a Roveredo, anche il credito di 2,7 milioni di franchi per l’ampliamento della scuola elementare comunale ha ottenuto una chiara approvazione (73% alla luce di 609 sì e 229 no). L’ampliamento del centro scolastico In Riva prevede la realizzazione di quattro nuove aule per accogliere tutte le classi, alcune della quali temporaneamente installate nell’ex casa comunale. Un’opera che è dettata anche dalla prevista crescita demografica del comune. Il credito di 2,7 milioni prevede pure la creazione di una sala multiuso per il servizio mensa, le attività del doposcuola ed eventi pubblici. La sede dell’ex asilo sarà rivalorizzata e diventerà sede della direzione scolastica e del corpo docente e lo spazio verde situato dietro la scuola esistente (sinora inutilizzato) sarà recuperato e diventerà un’area aggiuntiva per le pause.

Le reazioni

«Avevamo tanta carne al fuoco. Tutte le votazioni sono passate con un’altissima percentuale e non possiamo che essere molto contenti», afferma contattata dalla ‘Regione’ la vicesindaca di Roveredo Silva Brocco, che a nome del Municipio ringrazia le cittadine e i cittadini per il voto espresso. «Dal 2022 potremo iniziare con una nuova struttura grazie al nuovo statuto e cominciare finalmente con il progetto di ampliamento delle scuole».

«Un successo su tutta la linea”, afferma un raggiante Samuele Censi, sindaco di Grono che fin dal 2014 segue in prima linea il progetto della ciclopista. «Si tratta di una vittoria per il futuro, e penso in particolare ai nostri giovani che potranno recarsi a scuola in piena sicurezza». Se un Comune avesse bocciato la ciclopista, annota ancora Censi, non ci sarebbe stato un piano B, «in quanto la continuità territoriale è fondamentale per un progetto di questo tipo. Sono dunque davvero contento che la popolazione dei tre Comuni abbia capito l’importanza della posta in palio».

A San Vittore la sindaca Nicoletta Noi-Togni è rimasta un po’ sorpresa dal risultato: «Devo dire che non mi aspettavo un 70% di sì, tenuto conto delle premesse di questa campagna contraria condotta anche da alti rappresentanti politici del comune», afferma. Per Noi-Togni l’approvazione della pista ciclabile è una vittoria che ha un triplice significato: «La possibilità di concretizzare l’opera a beneficio di tutta la popolazione, la bella collaborazione con gli altri due Comuni mesolcinesi e con il Ticino e il segno di fiducia nei confronti dell’esecutivo». In caso di bocciatura del progetto alle urne, rileva la sindaca, «avrei veramente dubitato di continuare. Invece questa votazione mi dà forza e fiducia».

A fine agosto l’assemblea di San Vittore aveva approvato il credito per la ciclopista a stretta maggioranza dopo un acceso dibattito e la proposta della Commissione della gestione (respinta per 32 voti a 27) che chiedeva di ripresentare all’Assemblea una nuova domanda di credito che mirasse a rinegoziare i sussidi col Cantone, il tutto rivedendo costi (si sollecitava una ripartizione pro capite e non pro chilometri) e tracciato. Anche il vicesindaco e capodicastero Finanze Flavio Raveglia – dimessosi dal Municipio settimana scorsa per motivi professionali e privati ma anche di natura politica “legati al clima interno al Municipio” – ha contestato l’onere a carico del Comune, ritenendolo eccessivo, mentre un progetto di tale portata per la Bassa Mesolcina a suo avviso avrebbe dovuto essere promosso sul piano regionale. La maggioranza molto elevata con cui la cittadinanza ha approvato il progetto, a differenza del voto molto più risicato durante l’Assemblea comunale, «mette in mostra una diversità che per noi è molto importante», conclude la sindaca di San Vittore.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bassa mesolcina grono pista ciclabile roveredo san vittore votazione popolare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved