rete-ses-a-grono-non-e-il-caso-di-ritirare-il-ricorso
Interrogativi sul modo di procedere della Ses (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Il Serfontana si toglie le rughe: si progetta un maxilifting

Costruito nel 1974, il centro commerciale a Morbio Inferiore sarà oggetto di una ristrutturazione globale da oltre 55 milioni
Ticino
1 ora

Il Plr: ‘Energia, sfruttare meglio la centrale della Verzasca’

Idroelettrico, con una mozione Terraneo chiede di aggiornare lo studio sulla costruzione di una stazione di pompaggio e turbinaggio: ‘Soluzione pratica’
Locarnese
1 ora

Annegamenti nel Lago Maggiore: soccorsi e prevenzione

Nel giro di pochi giorni nel Verbano sono morte due persone. Considerazioni degli esperti di salvataggio e sicurezza
Luganese
11 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
12 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
13 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
13 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
13 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
13 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
14 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
14 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
03.09.2021 - 12:43
Aggiornamento: 14:01

Rete Ses a Grono: 'Non è il caso di ritirare il ricorso'?

Lo chiede l'Mps al governo ticinese in un'interpellanza, dopo la decisione della Società elettrica sopracenerina d'impugnare la sentenza dei giudici di Coira

Il Consiglio di Stato ticinese “non pensa che sia utile consigliare a Ses di ritirare il ricorso” inoltrato al Tribunale federale di Losanna? È quanto chiedono i rappresentanti di Mps-Pop-Indipendenti in Gran Consiglio in un'interpellanza, riferendosi alla recente decisione della Società elettrica sopracenerina di impugnare la sentenza del Tribunale amministrativo grigionese che impone alla Ses di cedere la sua rete di distribuzione locale al Comune di Grono entro il 31 dicembre. 

Nel testo Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Simona Arigoni premettono che nel 2013, al momento dell’acquisizione da parte dell’Azienda elettrica ticinese (Aet) della Ses, l'obiettivo del Consiglio di Stato era chiaro: “Grazie al Cantone, per l’intercessione di Aet, si vuole fare in modo che i Comuni, direttamente coinvolti quali principali utenti e consumatori di energia elettrica nella rete di Ses, ne divengano pure i proprietari. Gli stessi acquisiscono un’importante infrastruttura già presente sul loro territorio, dove hanno la possibilità di definire, con Aet, il futuro piano industriale della società, perseguendo gli interessi del comprensorio. Inoltre, i dividendi versati da Ses rimangono nella regione dove sono generati”. A ciò va poi aggiunto che pochi mesi fa il Gran Consiglio ha deciso “di respingere la domanda di rinnovo della concessione per l’utilizzo delle acque della Maggia presentata dalle Officine Idroelettriche della Maggia”, dando così avvio “al processo di riconversione dei grandi impianti idroelettrici ticinesi”. Una decisione che l'Aet ha definito “storica”. Per l'Mps si tratta tuttavia di “tante belle parole che però fanno a pugni con l’arrogante ed incomprensibile atteggiamento della Ses in relazione alla decisione delle autorità del Comune grigionese di Grono di riscattare la rete di distribuzione locale”. Una decisione “presa sulla base delle stesse argomentazioni che avevano portato il Gran Consiglio ad approvare l’acquisto della Ses e respingere la richiesta di concessione delle acque della Maggia”. Ovvero il “mantenimento in zona di posti di lavoro, competenze e sviluppo di sinergie con altri settori tipici di gestione comunale” e il fatto di “permettere ai Comuni della media Mesolcina di riacquistare quell’autonomia che di fatto esiste solo se si hanno le competenze per determinare in proprio le scelte in ambito energetico e non solo”.

Il ricorso 'fa a pugni con le scelte strategiche adottate dal Gran Consiglio'

Tornando al ricorso inoltrato al Tribunale federale, la Ses ha affermato che era “dovuto, non fosse altro che per diligenza nei confronti degli azionisti di Ses”. Stando a Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Simona Arigoni questa argomentazione tuttavia “non regge” e “fa a pugni con le scelte strategiche adottate dal Gran Consiglio ticinese in materia energetica”. I granconsiglieri ricordano poi “che il consumo di energia elettrica di Grono corrisponde all’1% del totale di Ses. Dunque, un’inezia che conferma, qualora fosse ancora necessario, l’atteggiamento arrogante e provocatorio” della Ses.

L'Mps chiede quindi al Consiglio di Stato se gli organi dirigenti di Aet, e in particolare i loro azionisti in seno al Cda di Ses, hanno consultato/informato” il governo cantonale o il Dipartimento delle finanze e dell'economia “sugli sviluppi di questa vicenda”. Inoltre se, “come azionista più importante di Ses – tramite Aet – condivide questo 'accanimento' di Ses nei confronti del comune di Grono”. E ancora: “Non pensa che l’atteggiamento del Comune di Grono sia condivisibile poiché la sua decisione di riscattare la rete si basa sulle stesse motivazioni con le quali il Cantone ha negato il rinnovo della concessione alle Officine Idroelettriche della Maggia Sa?”. Infine, domanda se non sia il caso di consigliare alla Ses di ritirare il ricorso inoltrato ai giudici di Losanna.

Leggi anche:

Cessione degli impianti elettrici a Grono, la Ses ricorre al Tf

Impianti Ses, i giudici di Coira danno ragione a Grono

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
elettricità grono interpellanza mps-pop-indipendenti rete distribuzione ricorso ses
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved