NJ Devils
PHI Flyers
01:00
 
CHI Blackhawks
SJ Sharks
01:00
 
BOS Bruins
VAN Canucks
01:00
 
rete-ses-a-grono-non-e-il-caso-di-ritirare-il-ricorso
Interrogativi sul modo di procedere della Ses (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
2 ore

Lostallo, perde il controllo del veicolo e si ribalta

La donna avrebbe riportato ferite di una certa gravità, ma non è in pericolo di vita. È accaduto in zona Campagna intorno alle 19.45
Ticino
5 ore

I giovani chiedono più sostegno psicofisico

Le sezioni giovanili dei partiti di sinistra preoccupate per il crescente malessere psichico che attanaglia le nuove generazioni
Bellinzonese
6 ore

Soggiorni sportivi e scolastici nel futuro dell’ex Galvanica

Faido: chiesto un credito per avviare uno studio di fattibilità. L’idea del Municipio è quella di riconvertire lo stabile in un ostello da 100 posti
Lugano
6 ore

Lis, via libera (con modifiche) agli statuti

La Commissione delle petizioni propone alcuni aggiustamenti al testo municipale
Bellinzonese
6 ore

Torna la videosorveglianza nei centri rifiuti di Camorino

Il Municipio conferma comportamenti abusivi nelle strutture Al Mai e In Muntagna, compresi sabotaggi ai dispositivi di chisura automatica
Luganese
7 ore

Pse a Lugano, decisivo il voto per corrispondenza

Se la consultazione sul referendum fosse stata limitata alle urne oggi, il contrari avrebbero prevalso per sole cinque schede
Ticino
7 ore

La Cassa disoccupazione dell’Ocst si digitalizza

Un sito per caricare tutti i documenti necessari per fare richiesta delle indennità senza spostarsi da casa
Ticino
7 ore

Coronavirus e la pandemia dei dati

L’Acsi invita a partecipare all’incontro pubblico (il 2 dicembre, online e in presenza) sulla difficile sfida di orientarsi tra i numeri del Covid
Mendrisiotto
7 ore

‘Sergio Vorpe di Melano è volato via’

Il ricordo di una figura legata indissolubilmente al Monte Generoso e alla Grotta dell’orso di cui è stato scopritore
Bellinzonese
7 ore

A Biasca la cena di classe 1965

Appuntamento sabato 4 dicembre
Ticino
7 ore

Offerta professionale di base, al via un ciclo di webinar

Dalle formazioni sanitarie, a quella della logistica passando per l’informatica: l’appuntamento è online alla Città dei mestieri
Luganese
8 ore

Pse, le reazioni dei partiti: chi soddisfatto, chi veglierà

Dal Movimento per il socialismo al Partito popolare democratico, dal Partito socialista al Partito liberale radicale le reazioni dopo la vittoria del Sì
Grigioni
03.09.2021 - 12:430
Aggiornamento : 14:01

Rete Ses a Grono: 'Non è il caso di ritirare il ricorso'?

Lo chiede l'Mps al governo ticinese in un'interpellanza, dopo la decisione della Società elettrica sopracenerina d'impugnare la sentenza dei giudici di Coira

a cura de laRegione

Il Consiglio di Stato ticinese “non pensa che sia utile consigliare a Ses di ritirare il ricorso” inoltrato al Tribunale federale di Losanna? È quanto chiedono i rappresentanti di Mps-Pop-Indipendenti in Gran Consiglio in un'interpellanza, riferendosi alla recente decisione della Società elettrica sopracenerina di impugnare la sentenza del Tribunale amministrativo grigionese che impone alla Ses di cedere la sua rete di distribuzione locale al Comune di Grono entro il 31 dicembre. 

Nel testo Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Simona Arigoni premettono che nel 2013, al momento dell’acquisizione da parte dell’Azienda elettrica ticinese (Aet) della Ses, l'obiettivo del Consiglio di Stato era chiaro: “Grazie al Cantone, per l’intercessione di Aet, si vuole fare in modo che i Comuni, direttamente coinvolti quali principali utenti e consumatori di energia elettrica nella rete di Ses, ne divengano pure i proprietari. Gli stessi acquisiscono un’importante infrastruttura già presente sul loro territorio, dove hanno la possibilità di definire, con Aet, il futuro piano industriale della società, perseguendo gli interessi del comprensorio. Inoltre, i dividendi versati da Ses rimangono nella regione dove sono generati”. A ciò va poi aggiunto che pochi mesi fa il Gran Consiglio ha deciso “di respingere la domanda di rinnovo della concessione per l’utilizzo delle acque della Maggia presentata dalle Officine Idroelettriche della Maggia”, dando così avvio “al processo di riconversione dei grandi impianti idroelettrici ticinesi”. Una decisione che l'Aet ha definito “storica”. Per l'Mps si tratta tuttavia di “tante belle parole che però fanno a pugni con l’arrogante ed incomprensibile atteggiamento della Ses in relazione alla decisione delle autorità del Comune grigionese di Grono di riscattare la rete di distribuzione locale”. Una decisione “presa sulla base delle stesse argomentazioni che avevano portato il Gran Consiglio ad approvare l’acquisto della Ses e respingere la richiesta di concessione delle acque della Maggia”. Ovvero il “mantenimento in zona di posti di lavoro, competenze e sviluppo di sinergie con altri settori tipici di gestione comunale” e il fatto di “permettere ai Comuni della media Mesolcina di riacquistare quell’autonomia che di fatto esiste solo se si hanno le competenze per determinare in proprio le scelte in ambito energetico e non solo”.

Il ricorso 'fa a pugni con le scelte strategiche adottate dal Gran Consiglio'

Tornando al ricorso inoltrato al Tribunale federale, la Ses ha affermato che era “dovuto, non fosse altro che per diligenza nei confronti degli azionisti di Ses”. Stando a Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Simona Arigoni questa argomentazione tuttavia “non regge” e “fa a pugni con le scelte strategiche adottate dal Gran Consiglio ticinese in materia energetica”. I granconsiglieri ricordano poi “che il consumo di energia elettrica di Grono corrisponde all’1% del totale di Ses. Dunque, un’inezia che conferma, qualora fosse ancora necessario, l’atteggiamento arrogante e provocatorio” della Ses.

L'Mps chiede quindi al Consiglio di Stato se gli organi dirigenti di Aet, e in particolare i loro azionisti in seno al Cda di Ses, hanno consultato/informato” il governo cantonale o il Dipartimento delle finanze e dell'economia “sugli sviluppi di questa vicenda”. Inoltre se, “come azionista più importante di Ses – tramite Aet – condivide questo 'accanimento' di Ses nei confronti del comune di Grono”. E ancora: “Non pensa che l’atteggiamento del Comune di Grono sia condivisibile poiché la sua decisione di riscattare la rete si basa sulle stesse motivazioni con le quali il Cantone ha negato il rinnovo della concessione alle Officine Idroelettriche della Maggia Sa?”. Infine, domanda se non sia il caso di consigliare alla Ses di ritirare il ricorso inoltrato ai giudici di Losanna.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved