impianti-ses-i-giudici-di-coira-danno-ragione-a-grono
Riacquistata l’autonomia decisionale nell’ambito della distribuzione di energia elettrica (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
4 ore

Tenero, nuovo annegamento nelle acque lacustri

Un 54enne confederato è scomparso dalla visuale attorno alle 17, mentre nuotava poco distante dalla riva. Il cadavere recuperato verso le 20
Locarnese
4 ore

Festa Madonna della Neve a Terra Vecchia

La località centovallina accoglie domenica la tradizionale ricorrenza religiosa
Locarnese
5 ore

Cavigliano, Plr in festa ‘al Lambic’

La locale sezione propone un incontro con i propri simpatizzanti domenica 28 agosto
Grigioni
6 ore

Condanna bis al comandante della polizia William Kloter

Pena ridotta ma confermata in Appello la grave infrazione alle norme della circolazione: l’ufficiale era stato pizzicato da un radar sull’A13 a Soazza
Mendrisiotto
6 ore

Cloro in falda a Vacallo, riaffiora il problema

Vuotare la vasca quadrata non è bastato. Il Municipio chiede a Chiasso di chiudere anzitempo la piscina comunale
Luganese
6 ore

Riconoscete il luogo: un altro quiz estivo sul Luganese

Dopo la sorprendente immagine di Mezzovico-Vira negli anni Cinquanta, ecco una seconda immagine per voi. Sapreste riconoscere questa zona?
Bellinzonese
6 ore

Scarsità di acqua, il Centro di Lumino critica l’ex Municipio

In tre interrogazioni i consiglieri comunali chiedono se vi sono perdite nelle condutture, sorgenti alternative e se l’approvvigionamento sarà garantito
Mendrisiotto
7 ore

Coldrerio, torna la Sagra da l’Asan

L’evento, organizzato dalla locale Associazione sportiva, si terrà il 25, 26 e 27 agosto al Capannone del campo sportivo
Ticino
7 ore

Atti sessuali con fanciulli, 77enne rinviato a giudizio

L’uomo avrebbe abusato di sette bambini sull’arco di 20 anni, recandosi apposta anche in Thailandia. È parzialmente reo confesso.
Bellinzonese
7 ore

Scelto il progetto per la riqualifica del comparto Aet di Bodio

L’Azienda elettrica ticinese vuole rendere la zona fruibile agli abitanti e offrire servizi moderni ai centri interaziendali. Investimento di 10 milioni
Luganese
7 ore

Potenziamento dell’A2 tra Lugano e Mendrisio: ‘No’ comunista

Al grido di ‘No al degrado del territorio’, un’altra voce si leva contro il controverso progetto PoLuMe: quella del Partito comunista
Gallery e video
Luganese
7 ore

‘Trasloco’ di 40 metri per un edificio di 600 tonnellate

Spostamento necessario per la realizzazione del futuro sottopasso pedonale di Besso. Le operazioni sono durate tutta la mattinata
Luganese
7 ore

Funghi e fungiatt, a Rivera un corso

Si svolgerà a fine settembre alla Casa patriziale la formazione per esperti in micologia. Iscrizioni entro il 5 settembre.
Locarnese
7 ore

Allerta meteo sul Locarnese: forti temporali

Pericolo di grandine, piogge torrenziali e raffiche burrascose. Il fronte del maltempo procede a una velocità di 25 km/h
24.08.2021 - 10:47
Aggiornamento: 18:20

Impianti Ses, i giudici di Coira danno ragione a Grono

Il Tribunale amministrativo grigionese in una sentenza obbliga la Società elettrica sopracenerina a cedere i suoi impianti di distribuzione al Comune

Dopo oltre due anni di attesa, il Tribunale amministrativo grigionese ha emanato una sentenza che obbliga la Società elettrica sopracenerina (Ses) a cedere i suoi impianti di distribuzione al Comune di Grono entro il 31 dicembre 2021. “La decisione dei giudici è chiara e non lascia spazio a interpretazioni di sorta”, si legge in un comunicato congiunto del Comune e di Media Mesolcina energia (Mme). Tuttavia la Ses ha la facoltà di ricorrere al Tribunale federale: se però non lo farà entro metà settembre, la sentenza crescerà in giudicato e sarà definitiva. Se ciò dovesse avverarsi, Grono cederà a sua volta le infrastrutture riscattate e le attività ad essa legate alla Mme. E questo dovrebbe portare a una riduzione delle tariffe, almeno per la popolazione che vive nella frazione Grono.

Scelte ben ponderate e nella giusta direzione

«Siamo estremamente soddisfatti, anche se dobbiamo rimanere con i piedi per terra in attesa della crescita in giudicato della sentenza», afferma a ‘laRegione’ Samuele Censi, sindaco di Grono. Una sentenza dunque ritenuta importante, soprattutto per un piccolo Comune di valle che riacquista così l’autonomia decisionale nell’ambito della distribuzione di energia elettrica. Stando al sindaco, questa decisione conferma nuovamente come le scelte del Comune di Grono in ambito energetico siano state ben ponderate e rivolte nella giusta direzione.

Tre aziende elettriche per un solo Comune

Ora Censi auspica che la Ses collabori con il Comune, come tra l’altro afferma anche la sentenza, per permettere il passaggio degli impianti entro i termini previsti, permettendo così di integrare l’infrastruttura rilevata nella Mme. Infatti, «ci troviamo nella situazione, penso unica in Svizzera, nella quale vi sono tre aziende che distribuiscono energia in un unico Comune». Una situazione che «deve essere risolta, perché non è corretto che un cittadino di Grono paghi tariffe diverse a dipendenza del quartiere in cui vive». Concretamente, attualmente la Ses serve la frazione di Grono, la Mme quella di Leggia e l’Azienda elettrica comunale di Cama quella di Verdabbio. Tre ex comuni che nel 2017 si erano aggregati, formando il nuovo Comune di Grono. L’intenzione era quindi quella di avere un’unica azienda elettrica responsabile della distribuzione di energia nel Comune e il primo passo era quello di riscattare gli impianti della Ses. Tuttavia, malgrado la disdetta notificata tempestivamente, la Ses si è rifiutata di cedere gli impianti al nuovo Comune. Nel mese di luglio del 2019, il Municipio di Grono si è quindi rivolto al Tribunale amministrativo per chiedere di obbligare la Ses a cedere gli impianti, come peraltro previsto dai contratti di concessione. E i giudici di Coira hanno quindi dato ragione al Comune.

Verso un’azienda elettrica con competenze decisionali in loco

Se la sentenza diventasse definitiva, mancherebbe però ancora un quartiere da integrare nella rete elettrica della Mme (istituto intercomunale costituito nel 2019 grazie alla fusione delle Aziende elettriche comunali di Soazza, Lostallo e Leggia), ovvero Verdabbio. «I contatti con Cama risalgono già a un anno fa», rileva da noi interpellato Nicola Giudicetti, presidente della Mme. «Il Comune aveva già dimostrato un serio interesse e ha in mano tutti i dati e le cifre per svolgere una seria valutazione». Insomma, «le trattative sono in corso e speriamo che anche grazie a questa sentenza la situazione si sblocchi», ridando così slancio alle discussioni per l’integrazione nella Mme pure dell’Azienda elettrica comunale di Cama, ma anche di quelle di altri Comuni interessati a perseguire l’obiettivo di Mme di razionalizzare la distribuzione di energia elettrica. «L’obiettivo è di avere un’azienda elettrica regionale che abbia anche tutte le competenze decisionali in loco, generando anche posti di lavoro in Mesolcina: dobbiamo poterci autodeterminare e non dipendere da enti esterni», sottolinea Giudicetti.

Verso una diminuzione delle tariffe

E tutto questo dovrebbe anche portare a una diminuzione delle tariffe, almeno per la popolazione del quartiere di Grono che attualmente paga fino al 20% in più, essendo servita dalla Ses. «Nella regione del Moesano – prosegue il presidente della Mme – abbiamo risorse idriche che producono energia a tariffe per noi interessanti. Non dobbiamo quindi acquistare tutta l’energia sul libero mercato. Tuttavia, per sfruttare questo atout dobbiamo avere una massa critica in crescita». Da qui l’intenzione di riscattare innanzitutto gli impianti che servono l’importante frazione di Grono e in futuro, magari, anche quelli in Calanca. «A lungo termine l’obiettivo è utilizzare le nostre risorse nell’interesse della popolazione».

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia elettrica grono impianti distribuzione mme ses
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved