roveredo-tre-municipali-fanno-il-contropelo-all-ex-sindaco
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
9 min

Frontalieri col reddito di cittadinanza: ‘Via il permesso G’

Il granconsigliere della Lega dei Ticinesi Massimiliano Robbiani interroga il Consiglio di Stato sul caso dei lavoratori d’oltreconfine accusati di truffa
Luganese
47 min

La Polizia Ceresio Nord più capillare sul territorio

Il servizio di pattuglia si dota di un’ulteriore vettura efficiente a vantaggio del comprensorio sotto sorveglianza
Bellinzonese
1 ora

Quasi 500 abitanti in più a Bellinzona in un anno

Il 31 dicembre 2021 si contavano in totale 44’530 residenti nella città aggregata, ovvero 474 in più rispetto a un anno prima
Ticino
2 ore

In Ticino 2 decessi e -4 pazienti Covid (-1 in cure intense)

Resta sostanzialmente stabile il livello dei contagi. Nelle case anziani un decesso e ben 33 ospiti dichiarati guariti in 24 ore: 85 ad oggi i positivi
Bellinzonese
2 ore

Colline antirumore fattibili ma solo in un parco fluviale

Bellinzona-Riviera: lo studio piace al Cantone ma pone alcuni vincoli per una valorizzazione paesaggistica, naturalistica e fruitiva del fiume Ticino
Luganese
2 ore

A Pura diatriba sulle campane a suon di... petizioni

Dopo una raccolta di firme per far ridurre i rintocchi il Municipio ha disposto alcune concessioni, che ‘non soddisfano’. E ora c’è una contropetizione
Locarnese
2 ore

Cugnasco-Gerra, il ‘verde’ dei vicini è diventato oramai troppo

La piazza di raccolta da tempo accoglie scarti vegetali dalla regione. Valutate contromisure al problema, che determina costi maggiori per lo smaltimento
Locarnese
2 ore

Soccorso alpino, più interventi lungo i corsi d’acqua

Bilancio d’attività 2021 della Colonna di soccorso regione di Locarno. Casistica sui livelli degli scorsi anni, si avvicina la realizzazione della sede
Mendrisiotto
3 ore

Ricetta anti-decrescita a Chiasso, il bonus famiglia divide

Fa discutere la proposta dal Ppd. Nel frattempo, il sindaco Arrigoni prospetta uno studio a tutto campo
02.08.2021 - 17:150
Aggiornamento : 18:32

Roveredo, tre municipali fanno il contropelo all’ex sindaco

Guido Schenini, che ha lasciato l'Esecutivo mettendola in polemica, viene invitato a fare un esame di coscienza

a cura de laRegione

“Affermazioni fantasiose e inveritiere”. Con una lettera aperta inviata oggi ai media tre municipali di Roveredo su quattro (Silva Brocco, Ivano Boldini e Juri Ponzio) replicano alle affermazioni fatte da Guido Schenini nella raccomandata del 26 luglio con cui l’ex sindaco (che il Governo cantonale aveva destituito nel giugno 2020 affidando il Comune alla ‘commissaria speciale’ Anna Giacometti e lo scorso gennaio, sino a fine legislatura, a Claudio Lardi) ha annunciato e motivato le dimissioni dalla carica di municipale e da altre funzioni, fra cui quella di responsabile del progetto per la ricucitura post A13. Per cominciare i tre scriventi ritengono “eccessivo, patetico e grottesco il tentativo di autocelebrazione dell’ex collega, che si aggiudica i meriti per l’attuazione di svariati progetti accollandosi anni di duro lavoro suggellati a suo dire da investimenti a gogò”. Elencando alcuni esempi, ritengono che “non abbia fatto, neppure nelle precedenti legislature, tutto quanto millantato, come invece vorrebbe impropriamente far credere”. Per la ricucitura, di competenza di Schenini da aprile 2019 a luglio 2021, “i mancati risultati sono evidenti: dopo oltre due anni il Municipio non ha ancora potuto approvare il Piano d’area, strumento fondamentale per poter dare avvio alla progettazione definitiva dell’intera opera”. In due sole occasioni nell’agosto 2020 e gennaio 2021 – sostengono i tre – Schenini avrebbe portato il tema all’attenzione del Municipio, che ha quindi deciso di pubblicare il Piano d’area e successivamente trattato le osservazioni rientrate durante la fase di pubblicazione. “Di concreto, oltre a ciò, sul tavolo del Municipio non è più comparso nulla, se non i polveroni sollevati dall’ex collega”.

Mancava il piano degli investimenti, ora c'è

Quanto ai motivi per i quali il Governo cantonale lo ha destituito dalla carica di sindaco, Schenini viene invitato a farsi un esame di coscienza e informarsi su quali sarebbero dovuti essere i compiti, le competenze e le regole da seguire da parte di un membro di un’autorità pubblica. Infine l’accusa da lui rivolta ai colleghi di aver cercato di affossare con ogni mezzo tutta una serie di opere già pronte da realizzare: i tre municipali evidenziano che a inizio legislatura, nel 2019, non vi era nemmeno l’ombra di un piano completo degli investimenti e della rispettiva definizione delle priorità: “Questo importante strumento, su cui si basa l’intera pianificazione finanziaria del Comune, è stato nel frattempo redatto nonostante il totale disinteressamento dell’ex collega all’epoca responsabile delle finanze comunali. Da quando vi è stata un’inversione di marcia nella maggioranza del Municipio, l’esecutivo ha finalmente proceduto con il conferimento di mandati di progettazione e con la stesura di bandi di concorso per l’assegnazione di opere ritenute prioritarie nel piano degli investimenti comunale”.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved