ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’

Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Luganese
7 ore

Lugano, circolazione tribulata a causa del film

Richiamata la chiusura del lungolago domani. Gli odierni problemi di traffico in centro città potrebbero aumentare
Ticino
7 ore

La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles

Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
8 ore

Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno

Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
8 ore

Un principe poco da favola di un regno di bugie

Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Luganese
8 ore

Lugano, auto d’epoca in mostra nelle piazze

Alla seconda edizione dell’evento, ‘cancelli’ riaperti agli appassionati ed è previsto anche il premio per l’automobile più vecchia
Luganese
8 ore

Lugano, tagliano le pensioni? ‘Chiedi a Bertoli e Merlini’

Il Partito socialista organizza una serata pubblica affinché la popolazione possa porre domande su uno scenario che inquieta oltre 16’000 dipendenti
Locarnese
9 ore

Alla Biblioteca di Ascona un incontro per i più piccoli

Sabato prossimo mattinata in compagnia di una giullare cantastorie, pensata per bambini dai tre anni in su
Ticino
9 ore

Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani

Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
9 ore

Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’

L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
Locarnese
9 ore

Muralto, dal ‘Vangelo secondo Harry Potter’

Al Centro Evangelico una tavola rotonda propone una lettura delle tematiche spirituali presenti nel ciclo del noto personaggio
Mendrisiotto
9 ore

Cinque Comuni del Mendrisiotto pensano al tutor di comunità

Avviata la formazione di una nuova figura di operatore sociale da parte di Morbio Inferiore, Vacallo, Breggia, Castel San Pietro e Balerna
Locarnese
9 ore

Energie rinnovabili, ‘il Municipio che intenzioni ha?’

Interpellanza del Gruppo Plr e Verdi liberali di Gordola sulla possibilità di sfruttare incentivi federali per fotovoltaico e mobilità elettrica
Mendrisiotto
9 ore

Il Basso Mendrisiotto prende tempo per studiare le opportunità

Entro fine ottobre i Comuni interessati dovranno decidere se partecipare o meno a un possibile studio aggregativo
Grigioni
10 ore

Porte aperte all’alambicco regionale del Moesano

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 15 vicino al magazzino comunale ed ecopiazza a Roveredo
Bellinzonese
10 ore

Visita in cioccolateria con l’Atte Leventina

Mercoledì 12 ottobre è in programma una visita alla Chocolat Stella di Giubiasco
Luganese
10 ore

Il direttore di scuola media fa sapere che vuole collaborare

Dopo l’incontro fra le famiglie e le istituzioni permangono molte domande, e tanta rabbia, dopo l’arresto del 39enne luganese
Locarnese
10 ore

Cevio, dal brunch in fattoria allo Svuotacantine

Un successo la giornata didattica e benefica in fattoria; la raccolta fondi prosegue domenica con il mercatino sul piazzale della Manor di Ascona
Locarnese
10 ore

Un impegno (milionario) per l’amore della Terra di San Carlo

Concluso in Valle Bavona il progetto settennale di rivalorizzazione storica, paesaggistica e agricola promosso dal Patriziato di Bignasco
26.07.2021 - 15:18
Aggiornamento: 22:18

Roveredo, il municipale Guido Schenini si dimette

L'ex sindaco (sostituito nel gennaio scorso dal commissario governativo Claudio Lardi) afferma che da diversi mesi vive in una situazione di disagio

roveredo-il-municipale-guido-schenini-si-dimette
Guido Schenini (Ti-Press)

«Non ha più senso rimanere, se non riesce a costruire più niente». Il municipale ed ex sindaco di Roveredo Guido Schenini si è dimesso con effetto immediato. E lo ha fatto con una lettera aperta inviata oggi, 26 luglio, al Municipio e più precisamente all’attuale commissario governativo Claudio Lardi, ex consigliere di Stato grigionese, che lo scorso gennaio ha di fatto sostituito Schenini come sindaco. Il rappresentante di Rorè Viva ha sperato che «con l’arrivo di Lardi la situazione sarebbe migliorata, ma purtroppo nulla è cambiato», dice a ‘laRegione’. “Da diversi mesi la mia carica di municipale mi fa vivere una situazione di disagio, di conflitto e di perdita di motivazioni che, purtroppo, hanno raggiunto l’apice del mio limite di sopportazione”, si legge nella lettera. E questo in particolare a causa della «brutta impasse da cui non si riesce più a uscire». Schenini – che era in Municipio dal 2013 – si riferisce alle “svariate e brillanti opere praticamente tutte già quasi pronte a partire dalla legislatura 2019-2022”, ma che sono rimaste ferme al palo. E questo anche a causa, secondo l’ex sindaco, delle nuove forze politiche entrate nell’esecutivo in questa legislatura: «Prima eravamo tutti sulla stessa lunghezza d’onda ed era quindi più facile lavorare come una squadra». Dal 2019, invece, l’esecutivo è stato caratterizzato da «ripicche, cattiverie e retaggi del passato» che non hanno permesso al Municipio di lavorare serenamente. Ricordiamo che alla fine di gennaio il governo grigionese aveva nuovamente nominato un commissario, ritenendo che il rapporto tra i municipali e il sindaco fosse gravemente compromesso.

Numerosi progetti andati in porto tra il 2021 e il 2018

Nella lettera Schenini ricorda poi tutte lo opere che ha contribuito a realizzare “con tanta passione e sacrificando tantissime ore del mio tempo libero, per il bene del nostro Comune e sempre cercando di fare le cose in modo equo ed uguale per tutti”. Durante le tre legislature in Municipio “sono stato partecipe ed attore nel realizzare tantissime opere di fondamentale importanza quali, il nuovo asilo alla Cioldina (combattuto e atteso da un trentennio), il rifacimento della strada di Laura, la microcentrale e l’acquedotto Riers/Mott Garlenda, la strada Mondan/Centro”. Ha inoltre “condiviso tantissimi progetti della massima importanza per la viabilità del paese”: cita ad esempio “il ponte al Sassello e la relativa strada per il Centro”, così come le trattative con Ustra per ottenere 4 milioni di franchi per queste opere. E non da ultimo “sono stato con gli ex sindaci Gobbi e Manzoni uno dei fautori della ricucitura (accettata per ben tre volte dalla popolazione)”. Ma non solo: Schenini ha “pure condiviso e partecipato attivamente” al primo progetto e alla sua messa in votazione della strada di San Giulio e negli ultimi tre anni è stato “in un gruppo di lavoro atto a progettare e realizzare la pista ciclo pedonale assieme ai sindaci di San Vittore e Grono”. Insomma, nelle scorse legislature (2012-2018) assieme agli altri membri del’esecutivo “abbiamo lavorato sempre in modo compatto, sereno e soprattutto per e con la gente” e “abbiamo pure cercato in tutti i modi di gestire con coscienza ed in modo oculato le finanze del nostro Paese, riuscendoci alla grande (i risultati tutt’ora sono ben visibili a livello di liquidità)”. Infine, nel 2014 “abbiamo deciso di acquistare 9’749 azioni della Società elettrica sopracenerina, nostro partner per la fornitura di energia, al prezzo di 631’269 franchi e mai scelta fu tanto indovinata. Infatti ad oggi tali azioni raggiungono un valore di circa 1’450’000 franchi e i dividendi incassati finora ammontano a circa 150’000 franchi, in barba a chi fece di tutto per intralciare l’operazione finanziaria”.

Un modo di operare ‘non rispettoso della volontà popolare’

In questa legislatura, tuttavia, è stato realizzato poco o niente, secondo Schenini che chiede quindi agli “esponenti delle altre fazioni politiche il motivo per cui in questi ultimi tre anni si è cercato in tutti i modi di affossare o semplicemente di non dar seguito” a tutte le niziative e opere “pronte solo da realizzare. L’ex sindaco vorrebbe poi conoscere “i motivi di tanti ostacoli e perdite di tempo contro un progetto di ben sessanta milioni di franchi di investimento come la ricucitura, opera di fondamentale importanza per l’economia e la sistemazione del Centro. Questo modo di operare risulta semplicemente non rispettoso della volontà popolare”. Inoltre, l’ex sindaco vorrebbe anche sapere dal governo grigionese “con quale validità giuridica e per quale vero motivo” è stato destituito dalla carica di sindaco, “affiancando al Municipio per ben due volte un commissario”. E “contro questa ‘ingiustizia’, non ho mai potuto esporre nulla a mia difesa”. Infatti, oltre a Lardi, nel giugno dell’anno scorso (Schenini era sindaco da luglio 2019) era già stata nominata la consigliera nazionale Anna Giacometti, rimasta in carica come commissaria sino a fino settembre 2020. Schenini precisa poi che non ha “mai operato per interessi privati o per interessi terzi”: ha “sempre e solo cercato di fare tutto il possibile per il bene della nostra comunità”.

Lasciate anche altre cariche

Schenini ha pure deciso di lasciare altri incarichi connessi con la sua funzione: si è così dimesso da presidente del Corpo pompieri Bassa Mesolcina, da presidente dell’ufficio di tassazione regionale, da responsabile del progetto Strada di Laura e da responsabile del progetto ‘Ricucitura’. “Naturalmente sono molto deluso, amareggiato, dispiaciuto e pure arrabbiato di dover lasciare questi incarichi, che ho sempre svolto con il massimo impegno da quasi un decennio, spesso contro i miei interessi personali, ma con il massimo piacere per il mio amato paese di adozione”. Tuttavia, “nonostante questo breve periodo buio e difficile, in passato, ho pure avuto molte soddisfazioni”. Infine, ringrazia i suoi sostenitori, così come “alcuni impiegati e colleghi politici” e pure la sua “famiglia che mi ha sempre supportato e che ha sopportato tante angherie e cattiverie”.

Ora il gruppo Rorè Viva avrà la possibilità di nominare un subentrante in seno al Municipio. Tuttavia, per il momento non sembrano esserci interessati alla carica. Quindi è possibile che Roveredo terminerà la legislatura con quattro municipali e il commissario Lardi che, ricordiamo, può votare durante le sedute nel caso in cui l’esecutivo non è al completo.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved