Genoa
0
Udinese
0
2. tempo
(0-0)
GCK Lions
Olten
17:00
 
a-san-vittore-due-nuovi-municipali-una-querela-e-un-ricorso
Il palazzo comunale di San Vittore, dove non tutto sembra filare liscio (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
6 ore

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
11 ore

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
11 ore

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
19 ore

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
20 ore

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
21 ore

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
21 ore

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
21 ore

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
Bellinzonese
21 ore

Chiuso per fallimento il Motel Castione a luci rosse

A causa dell’Iva non pagata il titolare della società ha depositato i bilanci e l’Ufficio esecuzioni ha posto oggi i sigilli
Bellinzonese
22 ore

Commesse cantiere Officine: ‘Il CdS favorisca le aziende locali’

Il Plr chiede al governo di influenzare le scelte delle Ffs in merito alle procedure di appalto. ‘Si faccia di tutto per sostenere l’economia ticinese’
Luganese
22 ore

Cardiocentro ‘in progress’, un anno positivo

Il bilancio dell’integrazione con le cardiologie e la prossima sopraelevazione dello stabile
Bellinzonese
22 ore

Il 2021 porta trenta abitanti in più a Cadenazzo

3’091 le unità registrate a fine anno, alla luce di 327 arrivi, 320 partenze, 43 nascite e 20 decessi
Grigioni
23 ore

Torna Grappoli di Note, la giornata della musica del Moesano

In programma a Lostallo per sabato 30 aprile, l’evento vedrà la presenza di cori, corali, gruppi musicali e bande di Mesolcina e Calanca
Ticino
23 ore

I controlli radar della settimana

Annunciati dalla Polizia: osservato speciale il distretto del Luganese
Bellinzonese
23 ore

Giubiasco, rinviata l’assemblea dell’Associazione di quartiere

Il Comitato preferisce attendere tempi migliori al fine di poter consentire una folta partecipazione di cittadini
Locarnese
23 ore

La tragedia nel ghetto di Roma in scena al Teatro Paravento

Mercoledì 26 gennaio dalle 19 il lavoro di Franco di Leo “Portico d’Ottavia 13”, seguito da un dibattito con Anna Foa
Locarnese
23 ore

Muralto, la Sant’Andrea ha un nuovo presidente

La società di pesca sarà guidata da Giorgio Cossi, che subentra al compianto Ivan Pedrazzi
14.06.2021 - 05:300
Aggiornamento : 10:42

A San Vittore due nuovi municipali, una querela e un ricorso

Clima molto teso: la sindaca ha denunciato un membro della Gestione, mentre un altro membro si è rivolto al Tribunale amministrativo sul dossier scuola

A San Vittore la nuova legislatura iniziata il 1° gennaio ha già conosciuto un importante scossone istituzionale, sfociato nelle dimissioni primaverili delle municipali Pasqualina Cavadini (già vicesindaca nella passata legislatura) e Cornelia Zgraggen. Dimissioni seguite ieri dall’elezione del 28enne Michele Marveggio (in precedenza consigliere comunale a Quinto, dove la madre Daniela è pure municipale) e di Elena Pizzetti Canato, in passato già candidata all'Esecutivo di San Vittore. Ai due sono andati rispettivamente 171 e 138 voti. Nulla da fare invece per la terza candidata Ursula Zanetti, già supplente municipale, che ha raccolto 83 preferenze. La partecipazione al voto è stata del 50,7%. Così facendo torna al completo l’Esecutivo guidato dalla sindaca Nicoletta Noi-Togni affiancata dal vicesindaco Flavio Raveglia e dalla municipale Margherita Gervasoni. Raveglia, eletto tacitamente lo scorso autunno nell’unica lista allora presentata con la denominazione Indipendenti, ha nel frattempo preso le distanze rivendicando la propria appartenenza liberale-radicale.

L'assemblea della rottura

L’elezione s’inserisce in un clima di crescente tensione chiaramente emerso durante l’Assemblea comunale del 6 aprile quando Raveglia (responsabile del Dicastero finanze) parlando di «perdite non giustificate e costi eccessivi» ha presentato un messaggio di minoranza del Preventivo 2021 col quale ha chiesto di respingere integralmente la versione elaborata dalla maggioranza dell’Esecutivo con un disavanzo di 324’700 franchi. Proposta fatta dopo avere evidenziato di aver subìto dalle colleghe nei primi quattro mesi di attività «attacchi sleali e assurdi» per essersi distanziato da decisioni che riteneva inadatte. Alla fine l’Assemblea, dopo un dibattito fiume, ha tuttavia optato a maggioranza per una terza versione, ossia la via di mezzo elaborata dalla Commissione di gestione con un disavanzo ridotto a 250mila franchi.

Diffamazione, calunnia e violazione del segreto d'ufficio

Assemblea dai toni accesi che ha lasciato degli strascichi. Uno – ha appreso la ‘Regione’ – è rappresentato dalla querela penale che la sindaca ha depositato a titolo personale nei confronti del membro della Commissione di gestione, Kilian Bai, per i reati di diffamazione, calunnia e violazione del segreto d’ufficio. A Nicoletta Noi-Togni non è andato giù che nell’ambito della richiesta (poi bocciata dall’Assemblea) d’istituire una commissione speciale incaricata di verificare la gestione delle risorse umane del Comune, Bai abbia aggiunto la possibilità di proporre da parte della stessa, se necessario, anche “soluzioni per il ripristino dello Stato di diritto”. Il quale, a mente della sindaca, non è invece mai venuto meno. Perciò il fatto che un membro della Gestione si sia espresso pubblicamente in questi termini l’ha indotta – dopo essersi consultata con il legale del Comune, l’avvocato Andrea Toschini – a chiedere una verifica della Procura cantonale. Quanto alla violazione del segreto d’ufficio, la sindaca ritiene che Bai durante la medesima Assemblea abbia diffuso informazioni sensibili sull’evoluzione dei salari nell’Amministrazione comunale legata ai pensum lavorativi e ai cambi di funzioni. Tema sul quale la sera del 6 aprile si è scatenato un intenso botta e risposta in sala, sfociato nella votazione che con 49 sì, 11 no e 10 astenuti ha accolto la proposta di sospendere gli aumenti salariali e i pensum lavorativi finché verranno effettuate opportune verifiche.

Osteggiati credito e commissione per la nuova scuola

Una seconda conseguenza del clima teso in questo primo scorcio di legislatura quadriennale è il ricorso interposto al Tribunale amministrativo cantonale dal membro della Commissione di gestione Remo Storni contro due decisioni assembleari: quella del 18 maggio di destinare 400mila franchi – come richiesto dal Municipio e come avallato con 55 sì e 17 astenuti – all’allestimento del progetto definitivo per la realizzazione della nuova scuola; e quella del 1° giugno (25 voti contro 19) di non volere una commissione con poteri esecutivi, da lui proposta a nome della Gestione, per assistere il Municipio nella realizzazione delle nuove scuole, ma di optare per una commissione di puro accompagnamento dell’Esecutivo, così come suggerito dal direttore scolastico Manuel Atanes. La commissione ad hoc caldeggiata dalla Gestione considerando il Municipio incapace di portare avanti progetti importanti, avrebbe dovuto “gestire e verificare la realizzazione delle nuove infrastrutture scolastiche comunali, come per esempio le prestazioni specialistiche, i costi, le questioni tecniche”. In altre parole, veniva aggiunto, avrebbe dovuto “gestire l’insieme dell’opera, ossia trattative onorari, controllo incarichi, verifica procedura per concorsi e delibere, preavvisi di pagamento, controllo lavori ecc”. Tutto ciò sostituendosi de facto completamente al Municipio nel proprio compito esecutivo, ciò che la popolazione presente in assemblea non ha voluto che accadesse.

Roveredo non è lontano

In tutti i casi il clima a San Vittore è rovente e sembra quasi di assistere alle beghe – di carattere politico, partitico e anche molto personale – del confinante Comune di Roveredo dove il Cantone ha ritenuto opportuno procedere a due riprese con il commissariamento della funzione di sindaco, commissariamento tutt’oggi in vigore. Dal canto suo Nicoletta Noi-Togni, interpellata al riguardo dalla redazione, preferisce non commentare e dichiara di sentirsi tranquilla avendo peraltro finora sempre messo al corrente delle varie problematiche l’Ufficio cantonale dei Comuni e avendo sempre sottoposto i conti comunali ad annuale revisione da parte dell’apposito ufficio che li ha sempre ritenuti gestiti correttamente.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved