due-dimissioni-nel-municipio-di-san-vittore
Nicoletta Noi-Togni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
47 min

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà ch si è rivelato fondamentale’
Luganese
49 min

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
2 ore

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
2 ore

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
Luganese
2 ore

Ex Macello, un anno fa la notte più lunga di Lugano

Cade domani l’anniversario della demolizione del centro sociale. Tra ruspe, glitter e scontri, l’ironico ricordo dell’evento che ha segnato la città
Luganese
9 ore

Collina d’Oro, ‘l’acqua vogliamo gestirla noi’: è referendum

Lanciata la raccolta delle firme contro il messaggio municipale sulla cessione alle Aziende industriali di Lugano della gestione globale dell’acquedotto
Mendrisiotto
9 ore

PoLuMe, dalla Sinistra di Stabio una risoluzione contraria

Il Gruppo ha consegnato in cancelleria una dichiarazione da far passare al prossimo Consiglio comunale, per ribadire il proprio no al progetto
Mendrisiotto
10 ore

Campi piccoli e spogliatoi vecchi, ‘mancano le strutture’

Nel Mendrisiotto diverse squadre di calcio costrette a cambiare paese per giocare le partite. ‘Una riflessione da fare a livello regionale’.
Luganese
10 ore

Adria Costruzioni, comunque vada sarà un maxi processo

Almeno 7 gli imputati in attesa del rinvio a giudizio alle Assise criminali di Lugano per il crac milionario dell’impresa edile scoperto nel 2015
07.04.2021 - 17:46

Due dimissioni nel Municipio di San Vittore

A lasciare la carica sono Pasqualina Cavadini e Cornelia Zgraggen. La sindaca Nicoletta Noi-Togni: ‘Mi dispiace molto per le due colleghe’

«Una serata difficile e dolorosa per me». La sindaca di San Vittore Nicoletta Noi-Togni ha definito in questo modo l'Assemblea comunale che si è tenuta ieri sera, martedì 6 aprile. Da un lato sono arrivate le dimissioni «inaspettate, ma motivate» delle municipali Pasqualina Cavadini e Cornelia Zgraggen. Dall'altro vi è stato un lungo dibattito in merito al preventivo 2021: per finire è stata accolta la soluzione proposta dalla Commissione della gestione che prevede un disavanzo di 250mila franchi. Il moltiplicatore d'imposta è stato mantenuto invariato al 75%.

«Mi dispiace molto che le due colleghe si siano dimesse anche perché molto competenti e vicine umanamente. È una brutta situazione perché non è quello che avremmo voluto la collega rimasta in Municipio ed io». Noi-Togni è dunque delusa anche perché le dimissioni «non sarebbero dovute arrivare così in fretta», visto che la legislatura 2021-2024 è appena iniziata. Una legislatura che ha anche portato con sé nuove persone e in certi casi ciò può anche destabilizzare un esecutivo. La sindaca non nasconde infatti che in Municipio «non vi è un ambiente ottimale». Ora l'intenzione è quella di trovare dei sostituti il più presto possibile: «Durante la prossima seduta di Municipio sarà decisa la pubblicazione dell'invito a candidarsi per sostituire le due municipali che si sono dimesse», precisa Noi-Togni a 'laRegione'. «L'intenzione è poi quella di trovare qualcuno nelle tre settimane successive». Di nomi per il momento non ne circolano ancora, ma «ci sono persone interessate», assicura la sindaca.

Preventivo 2021: accolta una soluzione della Commissione della gestione

Durante l'Assemblea comunale è anche stato discusso a lungo del preventivo 2021. Il Municipio è arrivato alla seduta, chiedendo l'approvazione di un disavanzo di quasi 325mila franchi. Tuttavia, il vicesindaco Flavio Raveglia, responsabile proprio delle finanze, si è opposto al relativo messaggio municipale. «In questo modo è innanzitutto venuto meno il principio di collegialità, cosa grave, e in secondo luogo così facendo avremmo dovuto andare avanti per altri mesi senza preventivo, cosa impensabile», sottolinea Noi-Togni. Per finire è così stato accolto una sorta di compromesso, ovvero la soluzione della Commissione della Gestione che proponeva di approvare un disavanzo di 250mila franchi. Secondo la sindaca «non è grave per una volta prevedere un disavanzo. Anche perché tali deficit in passato non si sono poi rivelati tali a consuntivo». È però anche vero che per il 2021 ci si aspettano uscite «più marcate rispetto al passato, vista tra l’altro la costruzione della nuova scuola». Per la sindaca è poi chiaro che «i soldi si conservano solo se si fa poco o niente a favore della popolazione, ciò che non rispetta neppure il principio costituzionale. Va inoltre detto che San Vittore è un Comune che non ha debiti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dimissioni municipio nicoletta noi-togni preventivo san vittore
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved