due-dimissioni-nel-municipio-di-san-vittore
Nicoletta Noi-Togni (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 min

Cascina in fiamme sull’Alpe di Neggia

La costruzione, secondo le prime frammentarie informazioni, sarebbe stata colpita da un fulmine, incendiandosi
Bellinzonese
34 min

Biasca, aperto il concorso per progettare la casa anziani

La nuova casa di riposo rappresenta la seconda tappa del progetto comprendente anche la realizzazione di stabili scolastici nel comparto Bosciorina
Luganese
41 min

Nato un bimbo al carcere Farera

È la prima volta che una donna partorisce in una struttura carceraria ticinese
Luganese
1 ora

Assistenti di farmacia, consegnati 37 nuovi diplomi

Cerimonia di consegna degli attestati federale di capacità a Lugano. Ospite, il direttore del Dss, Raffaele De Rosa
Locarnese
1 ora

Brissago, alla Hildebrand un ambulatorio per il long-covid

La clinica metterà a disposizione personale specializzato e conoscenze per il percorso riabilitativo dei pazienti toccati dai postumi della pandemia
Locarnese
1 ora

Verzasca, i 105 anni di Aurelio Gnesa

Storico traguardo per il decano della Valle, festeggiato lunedì corso dalle autorità comunali e dei familiari
Mendrisiotto
2 ore

Riva San Vitale, il Fc si riunisce in assemblea

I lavori si terranno mercoledì 13 luglio nella sala patriziale Al Torchio, con inizio alle 20.15
Locarnese
3 ore

Alba, in attesa di risposte da Berna si compattano i ranghi

L’Associazione che si batte a difesa dell’Aeroporto cantonale di Locarno ha pronto un suo Consiglio strategico
Luganese
3 ore

Prima di quella dei conferenzieri, s’alza la voce di Greenpeace

Azione di alcuni militanti ‘verdi’, che in prossimità della sede degli incontri della conferenza sull’Ucraina hanno issato una finta pala eolica
07.04.2021 - 17:46

Due dimissioni nel Municipio di San Vittore

A lasciare la carica sono Pasqualina Cavadini e Cornelia Zgraggen. La sindaca Nicoletta Noi-Togni: ‘Mi dispiace molto per le due colleghe’

«Una serata difficile e dolorosa per me». La sindaca di San Vittore Nicoletta Noi-Togni ha definito in questo modo l'Assemblea comunale che si è tenuta ieri sera, martedì 6 aprile. Da un lato sono arrivate le dimissioni «inaspettate, ma motivate» delle municipali Pasqualina Cavadini e Cornelia Zgraggen. Dall'altro vi è stato un lungo dibattito in merito al preventivo 2021: per finire è stata accolta la soluzione proposta dalla Commissione della gestione che prevede un disavanzo di 250mila franchi. Il moltiplicatore d'imposta è stato mantenuto invariato al 75%.

«Mi dispiace molto che le due colleghe si siano dimesse anche perché molto competenti e vicine umanamente. È una brutta situazione perché non è quello che avremmo voluto la collega rimasta in Municipio ed io». Noi-Togni è dunque delusa anche perché le dimissioni «non sarebbero dovute arrivare così in fretta», visto che la legislatura 2021-2024 è appena iniziata. Una legislatura che ha anche portato con sé nuove persone e in certi casi ciò può anche destabilizzare un esecutivo. La sindaca non nasconde infatti che in Municipio «non vi è un ambiente ottimale». Ora l'intenzione è quella di trovare dei sostituti il più presto possibile: «Durante la prossima seduta di Municipio sarà decisa la pubblicazione dell'invito a candidarsi per sostituire le due municipali che si sono dimesse», precisa Noi-Togni a 'laRegione'. «L'intenzione è poi quella di trovare qualcuno nelle tre settimane successive». Di nomi per il momento non ne circolano ancora, ma «ci sono persone interessate», assicura la sindaca.

Preventivo 2021: accolta una soluzione della Commissione della gestione

Durante l'Assemblea comunale è anche stato discusso a lungo del preventivo 2021. Il Municipio è arrivato alla seduta, chiedendo l'approvazione di un disavanzo di quasi 325mila franchi. Tuttavia, il vicesindaco Flavio Raveglia, responsabile proprio delle finanze, si è opposto al relativo messaggio municipale. «In questo modo è innanzitutto venuto meno il principio di collegialità, cosa grave, e in secondo luogo così facendo avremmo dovuto andare avanti per altri mesi senza preventivo, cosa impensabile», sottolinea Noi-Togni. Per finire è così stato accolto una sorta di compromesso, ovvero la soluzione della Commissione della Gestione che proponeva di approvare un disavanzo di 250mila franchi. Secondo la sindaca «non è grave per una volta prevedere un disavanzo. Anche perché tali deficit in passato non si sono poi rivelati tali a consuntivo». È però anche vero che per il 2021 ci si aspettano uscite «più marcate rispetto al passato, vista tra l’altro la costruzione della nuova scuola». Per la sindaca è poi chiaro che «i soldi si conservano solo se si fa poco o niente a favore della popolazione, ciò che non rispetta neppure il principio costituzionale. Va inoltre detto che San Vittore è un Comune che non ha debiti».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dimissioni municipio nicoletta noi-togni preventivo san vittore
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved