le-cure-palliative-incontrano-il-covid
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
14 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
14 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
14 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
14 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
15 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
15 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
16 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
16 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
16 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
16 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
16 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Grigioni
16 ore

Utile milionario per il Comune di Grono

Il Consuntivo 2021 passa da una prevista perdita di 220mila franchi a un avanzo d’esercizio di 928mila, grazie in particolare a maggiori entrate fiscali
Bellinzonese
16 ore

Bellinzona, yoga al castello Montebello con i Verdi

Appuntamento per domenica 26 giugno dalle 10 alle 11 nel prato interno
Locarnese
16 ore

Rinnovo funivie nelle Centovalli: tempistica e costi

Interrogazione al Municipio sul maxiprogetto da 11,7 milioni di franchi da parte del consigliere Stefan Früh
Mendrisiotto
16 ore

C’è anche Vacallo: via libera al Consorzio idrico

Dopo Chiasso, Morbio Inferiore e Balerna, è arrivato il quarto e ultimo sì alla costituzione del servizio idrico del Basso Mendrisiotto
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
14.02.2022 - 13:47
Aggiornamento : 17.02.2022 - 17:29

Le cure palliative incontrano il Covid

I due anni di pandemia hanno costituito una sfida anche per la medicina che si sforza di alleviare le sofferenze dei pazienti

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Mi sono avvicinata al viso di questa signora anziana che stava morendo di Covid, per poterle parlare meglio. Un’infermiera cercava di tirarmi indietro: ‘Stai attenta Claudia, così rischi di ammalarti!’. A un certo punto la signora mi ha cinto il collo, mi ha detto ‘te… bellina… vieni qua!’, e mi son ritrovata sul suo cuscino». Si sente ancora la commozione nella voce di Claudia Gamondi, quando ci racconta questo episodio legato alla prima ondata di coronavirus in Ticino. Si sente anche un certo ottimismo, una propensione a trovare il lato positivo anche di fronte alla morte, un po’ per indole, un po’ per il mestiere che fa: è il primario della Clinica di Cure palliative e di supporto dell’Istituto Oncologico della Svizzera italiana. La sua è una squadra composta da una cinquantina tra medici, infermieri, dietisti, fisio- ed ergoterapisti, assistenti spirituali e consulenti amministrativi distribuiti negli ospedali dell’Ente ospedaliero cantonale. Tutte persone che la pandemia ha proiettato in una dimensione inedita.

Il ‘mantello’

Sgombriamo subito il campo da un equivoco: le cure palliative non sono semplicemente un contentino ‘per quando non si può più fare niente’. Il mantello che esse porgono al paziente – pallium, in latino, come quello che San Martino avrebbe condiviso con un viandante infreddolito – «comporta sì la presa a carico di pazienti con malattie degenerative ed evolutive, in particolare, ma non solo, in fase avanzata», spiega Gamondi, «ma questo non deve indurre a credere che serva a poco, né tantomeno che si applichi una sorta di medicina alternativa, quasi fossimo sciamani. Le cure palliative mettono in campo le competenze della medicina a 360 gradi, in modo interdisciplinare, per aiutare a vivere nella malattia. Così da alleviare il dolore e lo stress che inevitabilmente possono investire anche la famiglia».

Il ‘grande morire’

Questo «aiutare ad affrontare il decorso della malattia meglio preparati possibile» si è rivelato cruciale nell’affrontare questi due anni di virus. «All’improvviso gli ospedali, le cliniche, le case anziani, le cure domiciliari si sono trovati di fronte all’ignoto, in una situazione di impotenza: era difficile capire quale evoluzione avrebbe avuto la malattia nei singoli casi, quali fossero i fattori di rischio, quali cure programmare per chi poteva andare verso la morte, il tutto complicato dal moltiplicarsi delle ondate e delle varianti. La medicina si è trovata nella situazione di non avere una terapia che potesse guarire, ed è per questo che è stato importante estendere gli approcci delle cure palliative».

A ciò è servito «un piano di riorganizzazione che ci ha permesso di affrontare il carico di lavoro aggiuntivo e di collaborare con i colleghi delle varie specialità, ad esempio stilando nuovi piani terapeutici e formazioni ad hoc. Gli strumenti hanno riguardato l’aspetto più strettamente terapeutico, ma fondamentale è stata anche la comunicazione coi pazienti e la famiglia, ad esempio adottando strumenti informatici che permettessero di allentare l’isolamento dei malati. Poi abbiamo dovuto essere di sostegno nel momento delle scelte più complesse: l’intubazione, la discussione delle direttive anticipate in caso di peggioramento».

Più ancora che da «questo ‘grande morire’ che ha colpito un po’ tutti noi, e che abbiamo dovuto imparare a normalizzare», Gamondi è rimasta «spiazzata dall’enorme solidarietà e comprensione tra pazienti, curanti e famigliari. Una sorta di ‘coagulazione’ delle forze di tutta la comunità di fronte a questa emergenza così inattesa. Credo che sia stato molto utile anche per chi non è sopravvissuto e per i suoi cari: parliamo di oltre mille morti, con un impatto su molte altre migliaia di congiunti». Il sostegno si è concretizzato nei modi più svariati: «Non ho mai mangiato tanta cioccolata come durante la prima ondata, quando tutti ci mandavano dolci e torte», ricorda Gamondi ridendo, «un piccolo, ma esplicito segno di questa nuova dimensione di dialogo, che nella mia esperienza ha pochi precedenti».

Ultimi giorni, in coppia

Il nuovo impegno è su più versanti. Da una parte c’è il supporto al malato, «che può comportare la somministrazione di farmaci per gestire la respirazione e lo stress, il supporto di dietisti e fisioterapisti, ma anche il sostegno spirituale. Ci siamo impegnati ad esempio per non dividere, quando possibile e richiesto, i malati ricoverati appartenenti alla stessa famiglia, per permettere alle coppie di trascorrere insieme quelli che in alcuni casi potevano essere gli ultimi giorni di uno di loro». Dall’altra parte troviamo «lo sforzo fatto per non fare sentire sole le famiglie a casa. Per questo nelle fasi più critiche i curanti passavano due ore al telefono ogni sera coi parenti dei malati. Abbiamo anche organizzato momenti per rincontrare chi ha perso uno dei suoi cari: a Locarno abbiamo trascorso un pomeriggio insieme, ci siamo parlati, per ogni vittima abbiamo piantato dei non-ti-scordar-di-me. È uno dei molti modi che ciascuna comunità può trovare per continuare a vivere senza dimenticare, perfino dopo un evento di questa portata».

LA DISCIPLINA

Quei fastidiosi cliché

Il settore delle cure palliative si è sviluppato a partire dagli anni 30 nei Paesi anglosassoni, inizialmente in ambito oncologico. È allora che si è iniziato a cercare terapie che alleviassero il dolore e la sofferenza dei pazienti in fase terminale. Il campo si è via via esteso ad altri pazienti affetti da malattie evolutive e ha sempre più allargato il suo compasso disciplinare, arrivando a comprendere tra le altre cose il sostegno psichiatrico, psicologico e spirituale, l’attenzione alla dieta e l’applicazione di programmi di fisioterapia.

Lo scopo è quello di migliorare la qualità di vita dei pazienti, anche se a Gamondi questa espressione non piace molto: «Il rischio è di applicare un concetto teorico, decidendo noi cosa è ‘qualitativo’ per la vita del paziente. Dobbiamo invece ascoltare quali sono le sue volontà e i suoi valori: c’è chi si pone la priorità di poter fare la doccia da solo, chi di portare a passeggio il cane, un altro punterà a poter vedere la nascita d’un nipotino. A noi spetta il compito di mettere a loro disposizione gli ausili utili». Ausili, non ‘armi’, perché al primario piace poco il lessico che accomuna la malattia a una guerra: «Se si entra nella narrazione del ‘combattere’ contro la malattia, allora si rischia di colpevolizzare il paziente che si avvicini a una ‘sconfitta’, creando pressioni e rappresentazioni deleterie. Per una persona alle prese con uno stato di salute compromesso, può essere esasperante sentirsi dire cose come ‘mamma, papà, combatti per noi’».

Tornando alla più concreta quotidianità della palliazione, si possono individuare due priorità del servizio: una è la cura diretta – integrata dalle strategie comunicative e supportata dalle attività di ricerca –, ma non meno importante è la formazione di medici, infermieri e personale in altre aree mediche. «L’approccio, in questo caso, è di tipo per così dire maieutico: alla formazione astratta preferiamo l’affiancamento presso il letto del paziente, facendo emergere competenze pratiche che poi possono essere ulteriormente trasmesse. Come direbbero gli anglosassoni: ‘La prima volta vedi, la seconda fai, la terza insegni’».

Il 25 febbraio del 2020 arrivava la notizia del primo contagio in Svizzera, proprio in Ticino. Questa è una serie dedicata a categorie di persone spesso lontane dai media e al loro destino dopo due anni di pandemia. Le altre puntate sono qui

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus covid cure palliative due anni pandemia
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved