ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
20 min

Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema

Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Locarnese
46 min

Un corso per gestire le emergenze con bambini

Lo organizza la Sezione Samaritani Bassa Vallemaggia sabato 11 febbraio a Gordevio, seguito il 20 febbraio da uno sull’uso del defibrillatore
Luganese
1 ora

Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente

La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
2 ore

Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza

Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
2 ore

Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore

L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
2 ore

A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese

Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
5 ore

In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità

Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
5 ore

La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono

A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
Bellinzonese
5 ore

Ronco Bedretto: prima del verde 10 anni di deposito Ustra

L’area della cava Leonardi sarà trasformata in zona agricola con il materiale di scavo proveniente dal secondo tubo autostradale del San Gottardo
Luganese
12 ore

Lugano agevola l’accesso alla cultura ai 18enni

Il pass per i giovani è stato accolto dal Consiglio comunale che ha dato luce verde al concorso per il piazzale ex Scuole (senza mercato)
Luganese
14 ore

In Appello i tre ventenni accusati di stupro di una coetanea

Sono comparsi alla sbarra i due fratelli e l’amico, tutti già condannati, che nel 2021 hanno approfittato di una ragazza: secondo loro era consenziente
Luganese
15 ore

Troppe zanzare tigre, Magliaso corre ai ripari

Nel 2022 è stata registrata un’importante espansione. L’istituto di microbiologia ha suggerito al Comune ulteriori misure
Luganese
15 ore

Carnevale in arrivo nei quartieri di Lugano

Da Villa Luganese a Davesco-Soragno, nei prossimi giorni si festeggerà in vari luoghi
Mendrisiotto
15 ore

Un’esplosione di colore in mostra al Parco San Rocco

Nella sede di Morbio Inferiore verranno esposte le opere dell’artista Vera Segre
Ticino
15 ore

La fiducia dei consumatori è bassa, ma gli acquisti non calano

È il dato, per certi versi sorprendente, che emerge dai dati della Seco. Stephani (Ustat): ‘Più preoccupazione per i rincari che per la disoccupazione’
Bellinzonese
16 ore

Al Nara c’è una fune da sostituire

Il Municipio chiede di concedere 240mila franchi per rimpiazzare, dopo 26 anni di servizio, il cavo portante-traente della seggiovia Leontica-Cancorì
Mendrisiotto
16 ore

Giornata mondiale contro il cancro infantile alla Filanda

Tre ore di incontri ed eventi sul tema, in programma il 15 febbraio al centro culturale di Mendrisio
Bellinzonese
16 ore

Raccolta di beni di prima necessità per la Turchia

La merce si potrà portare all’ingresso dell’Espocentro da domani a mezzogiorno. I primi furgoni partiranno già giovedì
Ticino
17 ore

‘Quel silenzio verso chi pedala’, Pro Velo sprona i candidati

L’associazione che difende i diritti dei ciclisti lamenta il fatto che nella campagna elettorale in corso sia assente il tema della mobilità lenta
Bellinzonese
17 ore

A Castione tre giorni di festa con il Carnevaa di Sciatt

55esima edizione da giovedì 16 a sabato 18 febbraio. Novità di quest’anno la cena offerta del sabato a base di polenta e formaggio o mortadella
Ticino
17 ore

Torna in aprile l’appuntamento con slowUp Ticino

Come di consueto lungo il percorso chiuso al traffico tra Locarno e Bellinzona ci si potrà muovere con mezzi non motorizzati godendosi natura e animazioni
Luganese
18 ore

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
18 ore

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
18 ore

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
18 ore

Diego Togni nuovo vicesindaco di Cevio

Il rappresentante di Alleanza moderata nominato al posto del dimissionario Ercole Nicora. Pietro Palli in Municipio, Sonia Giussani-Gotti nel Legislativo
Locarnese
18 ore

L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno

Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
18 ore

Tombola carnascialesca con l’As Riarena

Il tradizionale evento è in programma giovedì 9 febbraio dalle 20 presso il capannone del Carnevale ‘Sciavatt e Gatt’ di Cugnasco-Gerra
Locarnese
18 ore

Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire

Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Locarnese
19 ore

Lavori sulla strada cantonale Gordola-Sonogno

A Vogorno tratto chiuso da giovedì 9 febbraio alle 22 a venerdì 10 febbraio alle 5.30, con un’apertura al traffico di 15 minuti alle ore 00.30
Locarnese
19 ore

Alla Biblioteca cantonale di Locarno per ‘diventare scrittrici’

È il tema della conferenza organizzata dal Lyceum club venerdì 10 febbraio alle 18.15
Locarnese
19 ore

Serata dedicata al dolore nel paziente oncologico

La organizza l’Associazione Triangolo in collaborazione con il Circolo Medico di Locarno giovedì 9 febbraio alle ore 18.30 alla Sopracenerina
Luganese
19 ore

Acli organizza corsi per referenti delle comunità di migranti

Le formazioni avranno luogo il 20 febbraio e il 13 marzo alla sede delle Associazioni cristiane lavoratori italiani di via Simen a Lugano
02.12.2022 - 15:43
Aggiornamento: 16:27

Nuova area Tir di Giornico, molto più di un centro di controllo

Inaugurato il Ccvp: costato 250 milioni, verifica le anomalie dei camion diretti verso il Gottardo. Con lo svincolo opportunità per l’area industriale

nuova-area-tir-di-giornico-molto-piu-di-un-centro-di-controllo
Ti-Press/Crinari
Oggi il via ufficiale all’attività
+13

Che sia entrato oggi in funzione il nuovo Centro di controllo dei veicoli pesanti di Giornico – inaugurato dopo quattro anni di lavori costati 250 milioni – lo si vede già arrivando in autostrada da sud. È infatti sparita, passateci il termine, la tanto odiata corsia riservata ai Tir che per lungo tempo ha ristretto la carreggiata dell’A2 da Biasca verso nord per oltre quattro chilometri con tanto di velocità ridotta a 100 all’ora ed eliminazione della corsia d’emergenza. Da alcuni giorni invece la doppia corsia ha ritrovato il suo calibro originale e vi si transita comodamente a 120 km/h. Quindi, una volta iniziata l’area industriale di Bodio e Giornico, ecco arrivare il nuovo svincolo che obbliga i Tir con transito internazionale diretti a nord – esclusi i camion S con destinazioni dentro i confini svizzeri – a uscire verso il Ccvp e a sottoporsi alla trafila di controllo gestita da una squadra di 50 assistenti di polizia appositamente formati. All’occorrenza l’area diventa un ampio posteggio, anche per i veicoli diretti a sud, in caso di nevicate, grandi incidenti o problemi in dogana che compromettono la fluidità del traffico autostradale. Lo svincolo è peraltro utile all’intera area industriale e formativa della Bassa Leventina e anche al traffico leggero in generale, sebbene il collegamento con i villaggi non sia dei più diretti. Zone abitate che verranno comunque sgravate dal traffico pesante da e per le ditte presenti.

In origine pensato a Sigirino

Sorto sull’area industriale dell’ex Monteforno occupando 170mila metri quadrati, il nuovo centro diretto da Franco D’Andrea affianca quello urano di Ripshausen già in funzione dal 2009 e fa parte delle tredici analoghe strutture volute dalla Confederazione lungo la rete autostradale nazionale per gestire in modo efficace il traffico pesante attraverso le Alpi, e specialmente per incrementare il grado di sicurezza per tutti gli utenti. Dopo le prime indicazioni cantonali che nel 1999 ne prevedevano l’inserimento, con dimensioni più ridotte, a Sigirino l’iter pianificatorio ha conosciuto una svolta nel 2003 quando il Dipartimento del territorio ha elaborato le basi progettuali definendo dimensioni e funzionamento attraverso uno studio di varianti. Cinque anni più tardi, nel 2008, il progetto è poi stato ripreso, adattato e pubblicato dall’Ufficio federale delle Strade (Ustra) col passaggio di proprietà delle strade nazionali dai Cantoni alla Confederazione. Ci sono voluti altri cinque anni per giungere nel 2013 all’approvazione definitiva da parte del Dipartimento federale dell’ambiente, dei trasporti, dell’energia e delle comunicazioni (Datec). E ancora altri cinque anni, terminata l’onerosa fase di bonifica dei terreni inquinati che ospitavano il deposito rottami dell’ex acciaieria, per avviare nel 2018 i lavori di costruzione.

‘Quel böcc daré la Monteforno’

Ma perché proprio Giornico? Fra gli interventi susseguitisi durante la cerimonia svoltasi alla presenza di circa 200 persone vi è stato quello chiarificatore del capitano della Polizia cantonale, Marco Guscio, che in qualità di capo della Gendarmeria stradale responsabile della gestione del Ccvp ha seguito passo a passo il laborioso iter: «Nel 1999 il Cantone si era attivato per cercare un’area situata sull’asse autostradale del Gottardo che fosse il più vicino possibile alla frontiera sud. Ma nessuno allora, e lo vediamo ancora oggi con le discussioni sorte nel Mendrisiotto, vuole i Tir sull’A2 né su corsie dedicate. Sigirino poteva rappresentare qualcosa di fattibile, pur con meno spazio a disposizione rispetto a qui. Infatti, discutendone con i miei colleghi di allora Silvano Stern e Decio Cavallini, a un certo punto saltò fuori "quel böcc daré la Monteforno", dove ci troviamo oggi a distanza di oltre vent’anni. Fu poi il tragico incidente verificatosi nel Gottardo il 21 ottobre 2001 a fissare l’urgenza d’incrementare la sicurezza del traffico pesante lungo l’A2. E un anno dopo si decise con le autorità federali e urane che due centri di controllo andavano realizzati ai piedi delle rampe sud e nord di ascesa al Gottardo. Arriviamo oggi tredici anni dopo il centro di Ripshausen, ma meglio tardi che mai».

La svolta nei 5 milioni concessi dal Cantone

Il progetto ha peraltro conosciuto qualche titubanza durante la bonifica del terreno quando il Consiglio di Stato si è convinto della necessità di partecipare al finanziamento dell’opera che sembrava non beneficiare in quel momento di un’adeguata spinta cantonale. È stato Norman Gobbi, direttore del Dipartimento istituzioni, a ricordarlo ringraziando il collega Claudio Zali (Territorio) per l’azione intrapresa: nel messaggio col quale il governo nel 2016 chiese al Gran Consiglio di stanziare 5 milioni veniva sottolineata "l’assoluta priorità di dare avvio ai lavori, considerati gli interessi pubblici di carattere economico, ambientali e di gestione del traffico". Inoltre il CdS, assicurando massima collaborazione nelle varie fasi successive, portava alla luce "l’assicurazione di Ustra che un contributo cantonale unico ed onnicomprensivo di 5 milioni avrebbe permesso di sbloccare l’avvio della realizzazione", assumendosi Ustra medesima l’incognita dei costi e delle procedure necessarie. Tutto ciò ha insomma permesso di dare avvio nel 2018 ai lavori di costruzione. «Abbiamo voluto fortemente il Ccvp – ha sottolineato Gobbi – perché capivamo l’importanza strategica non solo per il Ticino e per la sicurezza di tutti gli automobilisti, ma perché avrebbe dato un sostegno importante anche per l’economia di valle, con l’indotto prodotto dall’investimento di 250 milioni e con l’indotto che si creerà durante la gestione dell’impianto: posti di lavoro diretti e indiretti, collegamenti privilegiati grazie alla creazione dello svincolo con possibilità di nuovi sviluppi regionali interessanti».

Portali termografici e doppia canna

Dal canto suo Jürg Röthlisberger, direttore di Ustra, ha sottolineato che la sicurezza del transito attraverso il tunnel del Gottardo è già stata incrementata dall’introduzione dei portali termografici a sud e a nord: «E lo sarà ulteriormente con la realizzazione, in corso, della seconda canna». Tra i vantaggi che il Ccvp è destinato a portare vi è anche quello di «assicurare ai camionisti un’area di posteggio per le soste notturne e domenicali in condizioni più confortevoli. Non dovranno insomma più incolonnarsi lungo l’autostrada tenendo il motore acceso durante le fredde notti invernali». Parimenti, «vediamo dei vantaggi anche per l’intera zona produttiva».

Ditte, zona verde e area camper

Concorda il sindaco di Giornico, Rosolino Bellotti: «Ci sono in effetti ditte intenzionate a insediarsi qui da noi. Questo rafforza la speranza che il Ccvp aiuti a incrementare la dinamicità del territorio, facendolo uscire dall’isolamento e dando nuova energia per lo sviluppo economico dell’intera regione». A sua volta il Municipio «sta valutando col Patriziato l’inserimento di una zona verde e di un’area camper». Bellotti ha pure ricordato che nel 2008, valutando il Comune positivamente l’ipotesi d’insediare un centro Tir, «chiese anche la realizzazione di uno svincolo completo utile alla popolazione, ottenendolo». Svincolo a ridosso del quale dovrebbe peraltro sorgere una moderna stazione di servizio su iniziativa dei Comuni di Personico, Bodio e Giornico, come abbiamo ricordato ancora ieri.

In memoria di Luca Ceresetti

Prima della benedizione impartita dal parroco padre Antony Masciantonio e dal cappellano della polizia don Davide Bergamasco, che hanno evidenziato quanto le vie di comunicazione favoriscano l’incontro fra popoli, il comandante della Polizia cantonale, Matteo Cocchi, ha voluto ricordare la figura di Luca Ceresetti, ingegnere in forza alla PolTi cui era stata affidata la direzione del centro, ma che è purtroppo improvvisamente deceduto lo scorso gennaio: «Ricevuto l’incarico della conduzione, si era subito calato nel ruolo trasmettendo le proprie competenze maturate sul campo. Alla sua memoria viene dedicata la sala principale del Centro di controllo».

Come funziona

L’edificio 1 è quello principale: ospita uffici, sale conferenze, locali tecnici, depositi, la cassa e i servizi per i conducenti dei camion. Si configura come un grande portale sotto il quale transitano tutti i veicoli pesanti e dove viene svolta una prima attività di ‘filtro’ dei Tir mediante dei caselli. Qui verranno controllati peso e altezza: in base ai risultati l’operatore decide se il conducente può riprendere subito il viaggio in autostrada o se sono necessari altri controlli. L’edificio 2 è costituito da un padiglione contenente un’officina completa delle attrezzature tecniche per il controllo di freni, gas di scarico, fari ecc. In caso di anomalie accertate scatta la multa e l’obbligo di provvedere a una soluzione, pena l’impossibilità a proseguire il viaggio. L’edificio 3, infine, ospita i veicoli che dovranno essere fermati per periodi prolungati oppure quelli per i quali si rende necessario un sequestro del carico o dell’intero veicolo. Tutti e tre gli edifici hanno ottenuto il certificato Minergie. In attesa che l’area multiservizi diventi realtà, il Ccvp offre anche moderne possibilità di rifornimento per veicoli di servizio leggeri e pesanti, grazie alle diverse stazioni di ricarica elettriche, di gas naturale liquido e di idrogeno. Non da ultimo il nuovo centro permette di gestire il traffico pesante in direzione nord mediante il sistema di dosaggio; e avrà il vantaggio di gestire il traffico anche in direzione sud in caso di difficoltà quali panne, nevicate, chiusure delle dogane ecc. Oltre a nuovi ponti e strade, pure realizzata una pista ciclabile e un impianto per il trattamento delle acque provenienti dall’autostrada.

Iniziativa delle Alpi

‘Finalmente, ma si faccia di più’

Con l’apertura del Ccvp "sarà colmata una lacuna nella rete di controllo. Tuttavia, anche così, l’obiettivo dell’Iniziativa delle Alpi – affinché sia controllato almeno ogni decimo camion in transito – non sarà ancora raggiunto". Cauta soddisfazione insomma. La consigliera agli Stati ticinese Marina Carobbio, vicepresidente dell’iniziativa, ricorda anzitutto che "per molti anni i controlli dei mezzi pesanti sull’asse del Gottardo in Ticino sono stati del tutto inadeguati: mentre nella struttura urana di Ripshausen nel 2021 sono stati controllati oltre 15’000 camion, in Ticino sono stati circa 2’800. Partiamo dunque dal presupposto che presto in Ticino verranno effettuati cinque volte più controlli, colmando un’enorme lacuna». Per il consigliere nazionale grigionese Jon Pult, presidente dell’iniziativa, "è incomprensibile che la pericolosa situazione del traffico merci su strada non migliori. Un camion su tre è ancora oggetto di contestazioni. Sono davvero troppi. I controlli esistenti non sembrano essere abbastanza deterrenti. Occorrono quindi maggiori e migliori controlli, possibilmente nelle apposite strutture".

Leggi anche:

Area di servizio a Giornico, progetto ridotto ma ancora vivo

Airolo piange la scomparsa del vicesindaco Luca Ceresetti

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved