ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede

Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
3 ore

A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità

Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
3 ore

San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti

Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
3 ore

Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti

Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
11 ore

Processo Covid Sementina: maleficenza, non efficienza

Correzione doverosa nella dichiarazione finale della direttrice sanitaria
Bellinzonese
12 ore

Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party

Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Locarnese
13 ore

Patriziato di Minusio, Casa agli Orti è finalmente realtà

Praticamente concluso lo stabile di reddito: a disposizione, dal 2023, 6 appartamenti (di cui 5 già affittati). Renzo Merlini: ‘Orgoglio per la svolta’
Mendrisiotto
13 ore

La sfida demografica vista da Riva San Vitale

Il Centro promuove una serata informativa con l’economista Ivano Dandrea. Con un occhio a ciò che accade sulle rive del Ceresio
Luganese
13 ore

Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio

Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Ticino
14 ore

Giornalismo e prospettive, un dibattito all’Usi

L’evento si terrà mercoledì sera. Tra i temi sul tavolo: calo delle entrate pubblicitarie, diminuzione degli ascolti e del numero di abbonati
Locarnese
15 ore

Cordoglio ad Ascona per Manuela Bacchi-Pini

Già municipale e consigliera comunale in Borgo, aveva creato il Concorso ippico asconese, da lei gestito per 29 anni
Grigioni
15 ore

Plr distretto Moesa in assemblea

Il 1° dicembre ai Piani di Verdabbio. Fra temi il nuovo nome e la nomina di presidente e direttiva
Locarnese
16 ore

Risparmiare sostituendo il riscaldamento elettrico

Domani nel Palazzo della Sopracenerina una serata informativa organizzata dalla Ses, in collaborazione con TicinoEnergia
Mendrisiotto
17 ore

Mendrisio rivede verso il basso il costo dei sacchi dei rifiuti

Da gennaio le tasse causali incideranno meno sul budget familiare. Pubblicata l’Ordinanza rivisitata
10.11.2022 - 16:23
Aggiornamento: 18:44

‘Chiederemo giustizia per la morte del nostro Mile’

Operaio deceduto a Bellinzona: il ricordo dei familiari e amici, determinati a rivolgersi al Ministero pubblico con una denuncia circostanziata

chiederemo-giustizia-per-la-morte-del-nostro-mile
La vittima, Mile Bojic

Sposato e padre di un ragazzo di 16 anni e di una bambina di 9, abitava in Svizzera da lungo tempo l’operaio serbo-bosniaco 44enne domiciliato a Bellinzona e deceduto ieri nel cantiere edile di via Ghiringhelli dove stanno sorgendo quattro palazzine. Con alcuni colleghi della ditta di casseratura e muratura di Roveredo per la quale lavorava solo da un mese e mezzo, stava scasserando una parte del secondo edificio quando improvvisamente, a causa di un cedimento strutturale, è stato travolto dal blocco di scale in cemento armato crollato al suolo, dove si trovava. Morto sul colpo, Mile Bojic è stato estratto dalle macerie in serata dai servizi di soccorso che hanno lavorato parecchie ore prima di riuscire a raggiungere la salma sommersa di detriti. La procuratrice pubblica Marisa Alfier ha subito aperto un’inchiesta penale ipotizzando i reati di omicidio colposo e violazione delle regole dell’arte edilizia.

Volontario dell’organizzazione Nemanjici-Ticino

Mile lavorava su quel cantiere solo da un giorno e mezzo. Nato nel 1978 a Skocic, al confine fra la Bosnia e la Serbia, da buon credente frequentava la chiesa cristiano ortodossa di Bellinzona. Aveva tanti amici, con i quali amava trascorrere il tempo libero dividendolo con gli impegni familiari. «Era un bonaccione in tutti i sensi e aveva un cuore grande così. Come altri di noi faceva parte sin dall’inizio, dal 2009 quando l’abbiamo fondata, dell’Organizzazione umanitaria Nemanjici-Ticino che raccoglie fondi, abiti e beni di prima necessità a favore di famiglie serbe in difficoltà», ci racconta con molta commozione Mladen Matic, cugino della moglie e storico titolare della macelleria Cervia in Piazza Indipendenza. «Eravamo amici sin dall’infanzia, nati e cresciuti nello stesso paese. Lui era un grande sportivo e lavoratore. Correva forte, correva tanto e ha sempre lavorato nel campo dell’edilizia, cambiando ogni tanto datore di lavoro».

‘Giornate di lavoro massacranti’

L’ultima volta lo ha fatto, un mese e mezzo fa, a inizio ottobre. «Ma Mile non era contento. Ce lo aveva detto subito, sin dalle prime massacranti giornate lavorative», evidenzia Mladen facendosi portavoce della vedova e dei familiari. Dai quali arriva un’accusa precisa: «Quanto accaduto ieri non va classificato come infortunio o incidente o negligenza, semmai è da ricondurre al ‘modus operandi’ della ditta per la quale il nostro amico e padre di famiglia lavorava. Ritmi massacranti, col bello e il cattivo tempo, dettati dalla necessità imprenditoriale di concludere il prima possibile il lavoro per comprimere al massimo i costi. Per denaro. Senza la cura e l’attenzione necessarie per i dipendenti». Anche fonti sindacali, sentite dalla ‘Regione’, riconducono a questa tesi, avendo raccolto più testimonianze di operai costretti sovente a lavorare troppo velocemente e male e a scasserare troppo presto le pareti, col risultato di ritrovarsi parti di edificio in calcestruzzo non adeguatamente asciutte e, di conseguenza, instabili e non in grado di sopportare le sollecitazioni per le quali sono state progettate e concepite.

‘Mancava solo la frusta’

«Ora – riprende il discorso Mladen Matic – lasceremo passare queste tristi giornate e dopo il funerale ci rivolgeremo al Ministero pubblico con una denuncia circostanziata per chiedere giustizia. Solo giustizia. Per noi quanto successo è omicidio. Porteremo la nostra testimonianza, riferiremo quello che sappiamo in base a quanto ci raccontava. Confidandosi con me, Mile parlava di ritmi da campo di concentramento, mancava solo la frusta usata con gli schiavi. Per esempio, lo costringevano a portare non uno ma tre pannelli per volta. E lo sgridavano se osava portarne solo due. Un peso eccessivo per chiunque, anche per lui che era forte e atletico. Incredulo perché certe cose succedono anche nella civilissima Svizzera, diceva che lì non avrebbe resistito a lungo. E infatti si stava guardando in giro per trovare il prima possibile un’alternativa». Quanto alla possibilità di rivolgersi ai sindacati, conclude Mladen Matic, «non l’aveva messa in conto. Era l’ultimo arrivato nella ditta, mentre molti suoi colleghi essendo frontalieri preferiscono tacere pur di lavorare. Preferiva trovare una soluzione da sé». Purtroppo non ne ha avuto il tempo.

Il rincrescimento del datore

Interpellato telefonicamente dalla redazione, uno dei referenti della ditta di Roveredo – il suo nome compare sul Registro di commercio dei Grigioni – preferisce non parlare con la stampa e taglia corto limitandosi a esprimere il proprio rincrescimento e dolore per la morte del suo collaboratore.

Leggi anche:

Un morto e un ferito grave in un cantiere a Bellinzona

Operaio morto a Bellinzona, s’indaga a tutto campo

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved