31.10.2022 - 18:30
Aggiornamento: 03.11.2022 - 18:25

A Biasca si chiede di salire a bordo ‘del treno biogas’

I consiglieri comunali leghisti Fabrizio Totti e Mauro Veziano invitano il Municipio a riflettere sulla possibilità di aderire alla centrale di Giubiasco

a-biasca-si-chiede-di-salire-a-bordo-del-treno-biogas

Il Comune di Biasca intende partecipare alla realizzazione della centrale a biogas in prossimità del depuratore delle acque fognarie a Giubiasco? È questa la richiesta dell’interpellanza presentata dai consiglieri comunali leghisti Fabrizio Totti e Mauro Veziano all’attenzione del Municipio. "Rari sono i progetti ‘win-win-win’ cioè quelli grazie ai quali a vincere alla fine è l’ente promotore, l’ambiente ma anche il cittadino che paga (in questo caso si spera meno) il balzello sui rifiuti, una tripla vittoria quindi", si afferma nell’atto evidenziando come le energie rinnovabile permettano di diminuire la dipendenza da fonti estere come auspicato dal Consiglio federale. Qualità, secondo i consiglieri comunali, presenti nel progetto del bacino "di provenienza degli scarti vegetali e dei rifiuti organici domestici che la capitale ha dichiarato di essere interessata a estendere nelle Tre Valli", concludono Totti e Veziano chiedendo lumi sulla micro-centrale idroelettrica in zona Loderio-Rampèda.

Leggi anche:

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved