ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Galleria Melide-Grancia, terminati i lavori in direzione nord

Ustra affronterà ora la seconda fase dei lavori di risanamento, che si concluderà nel 2024. Si parla di un investimento totale di 70 milioni
Mendrisiotto
2 ore

Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate

Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
3 ore

Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline

Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
7 ore

Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita

Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
7 ore

Salario minimo non adeguato all‘inflazione, Durisch: ‘Contesto!’

Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
12 ore

Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili

Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Locarno
14 ore

Incrocio del Debarcadero,via libera alla sistemazione

Passa in Consiglio comunale anche la progettazione definitiva degli spazi pubblici del centro urbano
Luganese
14 ore

Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo

Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
16 ore

‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’

Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
26.09.2022 - 19:53
Aggiornamento: 27.09.2022 - 18:54

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni

giubiasco-14-anni-dopo-luce-verde-alla-centrale-a-biogas
Ti-Press
La centrale sorgerà qui, vicino al depuratore di Giubiasco

A 14 anni dalle prime riflessioni avviate dalle allora Aziende municipalizzate di Bellinzona, quando l’investimento immaginato ammontava a 10 milioni di franchi, il Consiglio comunale con 49 sì e 3 astenuti ha dato luce verde questa sera al progetto di una centrale a biogas da 26,6 milioni. Impianto che trasformando i rifiuti vegetali e organici domestici della regione, della Mesolcina, del Locarnese e in futuro forse anche delle Tre Valli produrrà metano da vendere alla società Metanord che lo distribuirà nelle località del comprensorio allacciate. Il tutto coinvolgendo la Società elettrica sopracenerina (Ses) in una Società anonima appositamente voluta per la gestione della centrale che sorgerà vicino al depuratore di Giubiasco gestito dall’Amb e produrrà energia per riscaldare circa 800 economie domestiche. Oltre al biogas, l’altro prodotto derivante dal processo di fermentazione sarà terriccio (compost) di alta qualità (certificazione bio) che sarà messo a disposizione dell’agricoltura, dei Comuni e dei cittadini in un’ottica di economia circolare a chilometro zero. Stimate quasi 9mila tonnellate l’anno di compost.

Il dibattito

Luca Madonna (Lega) si è detto preoccupato per il temuto aumento del costo all’utenza nella raccolta di questo tipo di rifiuti. Claudio Cattori (Centro) ha evidenziato la prevedibile difficoltà nell’individuare nel Piano di Magadino le superfici adatte ad accogliere la gran massa di concime, anche considerando le regole restrittive presenti in questo ambito. Claudio Buletti (Sinistra) a nome della commissione Piano regolatore, Ambiente ed Energia lo ha tranquillizzato spiegando che si tratterà di terriccio pronto all’uso. Giuseppe Sergi (Mps) ha espresso scetticismo non sul progetto ma sulla forma giuridica scelta della Società anonima che potrebbe non considerare a sufficienza la necessità di applicare tariffe economiche per l’utenza, preferendo altri ragionamenti a salvaguardia della propria posizione e degli interessi dei proprietari. Il municipale Mauro Minotti ha preso nota dei timori di Madonna indicando l’impegno a non aumentare i costi a carico dell’utenza. Terriccio: «Vi sono già ditte interessate a ritirarlo per venderlo a grossisti, ma si può anche pensare a una vendita a km zero». Infine la Società anonima, ritenuta dall’Esecutivo la miglior soluzione: «Siccome sarà diretta dai vertici Amb e Ses, farà sicuramente gli interessi degli utenti».

Taglio alle pensioni, ok alla risoluzione Verdi/Mps/Fa

In apertura di seduta il plenum ha votato una risoluzione Verdi/Mps/Fa che invita le autorità cantonali a opporsi "all’ennesimo taglio delle pensioni del personale assoggettato all’Istituto di previdenza del Cantone Ticino (Ipct)". La Direzione intende infatti abbassare del 20% le future rendite di vecchiaia quale conseguenza di una riduzione del tasso di conversione dal 6,17 al 5% (età 65 anni). Da qui l’invito rivolto alle autorità politiche "a voler intervenire sui propri rappresentanti nel Cda della cassa affinché ciò non avvenga".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved