10.10.2022 - 15:30

Ai laboratori di Bellinzona la scienza attira 1’000 visitatori

Grande interesse per il Centro di ricerca in via Chiesa che sabato 8 ottobre ha aperto le proprie porte alla popolazione

ai-laboratori-di-bellinzona-la-scienza-attira-1-000-visitatori
+3

Sabato 8 ottobre oltre 1’000 persone hanno partecipato alla giornata di porte aperte allo stabile Bios+ a Bellinzona, dove l’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb), l’Istituto oncologico di ricerca (Ior) e i Laboratori di ricerca traslazionale dell’Ente ospedaliero cantonale hanno dato alla popolazione la possibilità di visitare i propri laboratori per la seconda volta quest’anno, favorendo così il dialogo tra scienza e pubblico. In una giornata all’insegna della curiosità, i presenti hanno potuto scoprire gli spazi dello stabile e il lavoro delle ricercatrici e dei ricercatori. I tanti bambini e ragazzi hanno invece potuto curiosare tra provette, cellule e microscopi.

Inaugurato nel novembre 2021, "lo stabile Bios+ mira a fare diventare Bellinzona un Centro di ricerca sulle scienze della vita riconosciuto a livello nazionale ed internazionale", viene sottolineato in un comunicato stampa. Oggi nello stabile di proprietà della Fondazione Irb trovano casa Irb e Ior, entrambi affiliati all’Università della Svizzera italiana (USI), e i laboratori dell’Eoc. Per una realtà che conta oltre 250 collaboratori provenienti da più di 37 Paesi.

Leggi anche:

La nuova sede di Irb, Ior ed Eoc è già attiva e pure piena

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved