ULTIME NOTIZIE Cantone
Video
Ticino
38 min

La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale

Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
4 ore

A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate

L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
4 ore

Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc

Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
VIDEO
Locarnese
4 ore

‘Non si può ammazzare una donna per un ciuffo di capelli’

Tre 18enni che frequentano il Liceo Papio hanno deciso di compiere un gesto simbolico a sostegno delle donne iraniane che lottano per i propri diritti
Bellinzonese
12 ore

‘Hanno dato il massimo ma sono stati travolti da una tempesta’

La difesa dei vertici della casa anziani di Sementina chiede l’assoluzione contestando anche le direttive di Merlani. Morisoli: ‘Fatto il possibile’
Ticino
13 ore

Targhe, il governo rilancia con 2 proposte. Dal Centro nuovo No

Il Consiglio di Stato tende la mano con delle alternative di calcolo. Gli iniziativisti non ci stanno, la sinistra sì. Ognuno per la sua strada, ancora
Ticino
13 ore

‘Polizia unica? Sfruttiamo le potenzialità del sistema attuale’

Fsfp in assemblea. E sul delicato e controverso dossier si attende che la politica decida.‘Venga però sentita anche la nostra Federazione’
Luganese
13 ore

La proposta: due vie a senso unico a Cassarate

In un’interrogazione, la consigliera comunale Lara Olgiati (Plr) ritiene che la modifica viaria delle vie Pico e Vicari migliorerebbe traffico e sicurezza
Gallery
Mendrisiotto
14 ore

Boffalora: al posto della villetta arrivano due palazzine

Altro cantiere residenziale in vista alla porta nord di Chiasso. L’operazione annuncia un investimento di oltre 6 milioni di franchi
Luganese
14 ore

Il 46° parallelo a Lugano? ‘Lo promuoverà l’ente turistico’

Non sarà il Comune, se non indirettamente, ad assumersi la promozione della latitudine geografica che attraversa la città
Locarnese
14 ore

Picchiò un ragazzo in Piazza Grande, 3 anni di carcere

Un 19enne di origini siriane residente nel Luganese colpevole anche di rapina, infrazione e contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti
Luganese
15 ore

Lugano, viadotto del Brentino: ‘Progetto in pausa’

Slitta qualsiasi ipotesi di riqualifica del comparto, in attesa che si completino gli approfondimenti su altri temi (PoLuMe e svincolo Lugano Sud)
Ticino
15 ore

Il salario minimo legale non sarà adeguato al rincaro

Il Consiglio di Stato boccia la mozione di Ivo Durisch (Ps): ‘Un adeguamento sarebbe contrario alla volontà del legislatore e alla legge’
Locarnese
15 ore

Incendio di Loco, militi ed elicottero impegnati tutto il giorno

Ripresi venerdì mattina i lavori di spegnimento degli ultimi focolai e bonifica delle zone toccate dal rogo boschivo scoppiato giovedì al Monte Cortascio
Luganese
16 ore

Tesserete, aperture festive della Bottega del Mondo

Orari di lavoro straordinari dall’8 dicembre all’8 gennaio per il negozio capriaschese specializzato in commercio equo e solidale
Locarnese
16 ore

Servizi culturali locarnesi: oltre 50 candidati alla Direzione

Scaduto il concorso per l’assunzione della nuova figura dirigenziale, che sarà scelta da una commissione ad hoc formata da 8 membri (di cui 5 ‘tecnici’)
Mendrisiotto
16 ore

A Vacallo un’azione contro la violenza sulle donne

Per tutta la giornata del 25 novembre sono esposte sulle scale della chiesa di Santa Croce 13 paia di scarpe, quanti i femminicidi in Svizzera nel 2022
Ticino
16 ore

Oggi è il Black Friday ma i radar non fanno sconti

Tutti i flash da evitare fra il 28 novembre e il 4 dicembre: da Blenio alla Leventina, da Bellinzona a Chiasso, da Lugano a Locarno
Luganese
16 ore

Navigazione Lugano, un anno di Green Line

Grazie all’introduzione delle corse della motonave Ceresio 1931 sono state risparmiate oltre 46 tonnellate di anidride carbonica
Bellinzonese
17 ore

Violenza sulle donne: a Cadenazzo foto, documentario e dibattito

Alcune iniziative organizzate dal Municipio insieme alla Pro e all’associazione Victims of Beauty Silence Kills Dignity
21.09.2022 - 21:41

Via i tralicci dal Passo: la linea elettrica entra in galleria

Presentata da parte di Swissgrid la domanda di costruzione per la posa dei cavi sotto la carreggiata del secondo tunnel autostradale del San Gottardo

via-i-tralicci-dal-passo-la-linea-elettrica-entra-in-galleria

Con i suoi 18 chilometri sarà la più lunga linea ad altissima tensione interrata in Svizzera. Elaborata da Swissgrid, sarà realizzata all’interno del secondo tunnel autostradale del San Gottardo per un investimento di 107 milioni di franchi. L’operazione consentirà di smantellare l’attuale linea area tra Airolo e Göschenen che si arrampica sul Passo, lunga 23 chilometri e composta da 70 tralicci, 51 su territorio urano e 19 sul versante ticinese, andando dunque a ridurre notevolmente l’impatto sul paesaggio alpino.

Lavori al via nel 2027

I lavori per la posa della linea in cavo 220 kV sono programmati a partire dal 2027 per garantire l’operatività nel 2029, in concomitanza con l’inaugurazione della secondo tubo della galleria. A questo punto sarà dato inizio allo smantellamento della linea aerea esistente. Gli unici tralicci che non saranno abbattuti sono i quattro presenti nei pressi dell’Ospizio (in totale rimarranno 1,5 chilometri di linea aerea) poiché su di essi si estendono due sistemi di linee delle Ffs (Swissgrid procederà però ad abbassarli per ridurre l’impatto visivo). Come sottolineato oggi durante la conferenza stampa di presentazione indetta negli spazi del Museo Sasso San Gottardo, si tratta di un progetto unico nel suo genere in Svizzera: oltre alla lunghezza da primato, per la prima volta una linea ad altissima tensione sarà infatti abbinata a un tunnel autostradale nazionale. Dopo l’approvazione nel 2021 del relativo corridoio di pianificazione da parte dell’Ufficio federale per l’energia, il lungo iter verso la concretizzazione del progetto è scattato a inizio settembre di quest’anno con l’inoltro di Swissgrid della domanda di costruzione all’Ispettorato federale degli impianti a corrente forte. Un dossier che verrà pubblicato ad Airolo, uno dei comuni coinvolti.

Oltre alle sinergie per quanto riguarda aspetti tecnici e di tempistiche dati dalla concomitante costruzione della seconda galleria, l’opportunità di posare i cavi sotto la carreggiata del secondo tubo è data soprattutto dalla vetustà dell’attuale linea aerea, che si avvicina infatti alla fine del suo ciclo di vita e che avrebbe comunque necessitato un risanamento nei prossimi anni. Tra la sottostazione di Airolo e il portale sud della galleria (circa 300 metri), i cavi saranno posati in un bauletto di cemento. Da qui, la linea proseguirà in un canale tecnico sotto la carreggiata del nuovo tunnel. A Göschenen, la linea verrà poi interrata in un bauletto di cemento (800 metri) fino al palo terminale, dove sarà ricollegata alla linea aerea esistente. Dopo un’attenta analisi, per la linea interrata Swissgrid ha optato per un cavo con un’isolazione in materiale sintetico (polietilene altamente reticolato) e un conduttore in rame. Durante la conferenza stampa è stato sottolineato come questo tipo di cavo, che garantisce la sicurezza dell’impianto anche in caso di incendio, rappresenta oggi lo standard per l’interramento di linee ad altissima tensione. Tutte le informazioni sul progetto sono disponibili sul sito www.swissgrid.ch/gotthard. Swissgrid annuncia inoltre un volantino informativo destinato alla popolazione di Airolo, Andermatt, Hospental e Göschenen.

Gli altri progetti nella regione

Airolo-Lavorgo: un paio di anni di ritardo

Un altro grande progetto promosso da Swissgrid in Leventina riguarda lo spostamento della linea elettrica aerea tra Airolo e Lavorgo. L’attuale vetusto collegamento con una tensione di 220 kV sarà smantellato e sostituito con una linea più potente (380 kV), lunga 23 chilometri e progettata sulla sponda destra del fiume Ticino. I nuovi tralicci saranno così posizionati lontano dai nuclei abitati, sgravando alcune zone residenziali (in particolare Airolo, Quinto, Rodi e Dalpe) dalla scomoda presenza dei piloni negli anni ‘50. A fine maggio del 2020 Swissgrid annunciava in conferenza stampa l’inoltro della domanda di costruzione. «Il progetto – spiega il responsabile della comunicazione di Swissgrid, Alessandro Cameroni – si trova attualmente presso l’Ispettorato federale degli impianti a corrente forte per la procedura di approvazione dei piani, e dovrà in seguito essere approvato in via definitiva dall’Ufficio federale dell’energia». Come comunicato da Swissgrid nell’agosto 2020, sono state una sessantina le opposizioni alla domanda di costruzione – alcune ancora pendenti – inoltrate all’Esti, ciò che comporterà dei ritardi sulla tabella di marcia, verosimilmente di un paio di anni. In occasione della presentazione del progetto era stato detto che in caso di avanzamento ideale dell’iter si poteva prevedere l’inizio della posa dei nuovi tralicci nel 2024. Si stima che per completare l’operazione siano necessari circa tre anni.

Soluzioni al vaglio per il Comune di Riviera e Gorduno

Spostandoci in Riviera, l’Associazione dei proprietari di immobili attraversati dagli elettrodotti si è battuta in questi anni per trovare una soluzione alle radiazioni non ionizzanti emesse dagli elettrodotti in particolare negli ex comuni di Prosito, Iragna e Lodrino. Dal 2013 Swissgrid sta lavorando a uno studio generale per la rete ad altissima tensione, in collaborazione con il Cantone, le Ffs e l’Azienda elettrica ticinese, «con lo scopo di unire gli aspetti di sviluppo territoriali-paesaggistici a quelli elettrici – spiega Cameroni –. Anche in quel comparto della Riviera, sulla linea Pollegio-Monte Carasso, si cercheranno delle soluzioni per lo spostamento o l’interramento della linea elettrica. È una visione a medio-lungo termine, ma Swissgrid è cosciente del desiderio e della preoccupazione della popolazione. Si sta lavorando per trovare una soluzione, perlomeno per riuscire a spostare le linee lontano dagli abitati; quest’ultima possibilità è quella che può si profila». Il primo passo concreto è un piano settoriale degli elettrodotti della linea tra Pollegio e Monte Carasso che comporta come risultato finale l’individuazione di un corridoio di pianificazione. «Il punto più sensibile rimane la Riviera, dove gli abitati sono effettivamente molto vicini alla linea elettrica – aggiunge il progettista per Bouygues EnerTrans, Marco Frigerio –. Ma anche per la zona Scareuro a Gorduno (dove il Gruppo Scareuro chiede da anni il trasferimento dei tralicci presenti sull’omonimo monte, ndr) si sta valutando lo spostamento della linea». Sulla base dei contatti con le autorità e le Ffs, e delle valutazioni già effettuate nell’ambito del piano generale, «Swissgrid ha già un quadro di quello che si può fare, in modo che le soluzioni che proporremo siano realizzabili».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved