ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Atti sessuali con fanciulli, in carcere istruttore di yoga

L’uomo, sulla sessantina, lavorava in un centro del Luganese. Si trova in carcere da quest’estate su denuncia di almeno tre vittime
Luganese
1 ora

La Croce Rossa cerca persone che si dedichino agli anziani

La pandemia ha dimezzato la disponibilità di volontari e si fatica a trovare nuove leve. Pronta risposta, invece, per l’emergenza migranti dall’Ucraina.
Mendrisiotto
5 ore

Da Sciaffusa a Castel San Pietro per la Masseria di Vigino

Una coppia d’Oltralpe ha dichiarato il suo interesse per l’antico complesso rurale. Effettuato un sopralluogo con l’Ufficio dei beni culturali
Bellinzonese
5 ore

Tragedia in montagna, monitori indagati per omicidio colposo

Inchiesta sui due 14enni varesini morti sopra Ghirone: gli accompagnatori respingono le accuse riguardo alla scelta del sentiero impervio non ufficiale
Bellinzonese
10 ore

Incendio nel grottino di un’abitazione a Gnosca

Fortunatamente nessuna persona è rimasta ferita. Sul posto sono giunti polizia e pompieri, per spegnere le fiamme
Ticino
13 ore

Nicola Klainguti nuovo capo della Sezione sviluppo territoriale

Lo ha nominato il Consiglio di Stato. Il Laureato in scienze della terra al Politecnico federale di Zurigo entrerà in carica il 1. gennaio
Ticino
14 ore

Responsabilità sociale, da Comuni e imprese c’è interesse

Oltre 200 persone hanno seguito una giornata su questo tema organizzata dai consiglieri di Stato Christian Vitta e Norman Gobbi
Ticino
14 ore

‘Il Servizio violenza domestica della Cantonale va potenziato’

Tamara Merlo e Maura Nembrini Mossi: ‘250mila franchi in più per raddoppiare le unità’. Più Donne propone un emendamento al Preventivo 2023
Ticino
15 ore

Previdenza, ‘scendiamo in piazza contro la tattica del salame’

‘E perché la fetta è ampia ma la torta inconsistente’. La Rete a difesa delle pensioni lancia la seconda mobilitazione per opporsi ‘ai tagli alle rendite’
Bellinzonese
15 ore

A Bellinzona terza serata di dialogo tra musulmani e cristiani

Sabato 10 dicembre al Centro Spazio Aperto confronto sulla fraternità tra Ismaele e Isacco e le rispettive discendenze
Ticino
15 ore

Parte il treno rossoverde, ‘sui livelli giochi politici’

Partito socialista e Verdi lanciano la campagna elettorale. Noi: ‘Saremo la novità’. Riget: ‘Il Mendrisiotto incarna le emergenze da affrontare’
Bellinzonese
15 ore

A Giubiasco e Bodio mercatini benefici pro associazione Alessia

Ecco gli orari e i giorni di apertura
19.09.2022 - 12:02
Aggiornamento: 16:43

Casa Ringhiera premiata come esempio di sostenibilità

All’edificio abitativo sorto in via Ghiringhelli a Bellinzona aggiudicato il secondo premio a pari merito ‘Constructive Alps’

casa-ringhiera-premiata-come-esempio-di-sostenibilita

C’è anche un edificio abitativo realizzato a Bellinzona fra i due progetti elvetici insigniti del premio di architettura 2022 ‘Constructive Alps’ assegnato alle ristrutturazioni e costruzioni sostenibili nelle regioni alpine. Premio alla cui organizzazione partecipa l’Ufficio federale dello sviluppo territoriale. Tra i circa 240 progetti presentati da sette Paesi, la giuria ne ha identificati quattro di particolare rilievo, mentre altri sette hanno ottenuto un riconoscimento speciale. Meritevole di particolare attenzione, tanto da essersi aggiudicato il secondo premio a pari merito, è lo stabile di appartamenti Casa Ringhiera sorto due anni fa in via Ghiringhelli su iniziativa di Helsana, con progetto elaborato dallo studio zurighese Oxid Architektur per un investimento di 16 milioni di franchi in sostituzione di un precedente immobile.

Che cosa rende speciale questo progetto

La particolarità di Casa Ringhiera – scrive la giuria – è l’interpretazione del tradizionale modello di accesso ‘a ballatoio’ e coniuga l’attenzione per l’ecologia con uno sviluppo interno di qualità e un’offerta di alloggi a prezzi accessibili: "Il tradizionale stretto porticato ticinese viene allargato in una veranda coperta che, oltre all’accesso orizzontale, crea aree semiprivate con posti a sedere davanti agli spazi abitativi intervallati. Permette a ogni appartamento di avere accesso diretto allo spazio interno comune, il cuore sociale del complesso. La tipologia incoraggia esplicitamente gli incontri casuali e gli scambi con i vicini. Verso il cortile si crea una forte identità di quartiere in mezzo all’indefinito ‘sprawl urbano’ tra Bellinzona e Giubiasco". E qui parte la critica pianificatoria all’indirizzo delle autorità cittadine, visto che per urban sprawl s’intende una città diffusa che cresce disordinatamente consumando suolo. Il progetto bellinzonese – prosegue la giuria – è ecologicamente sostenibile grazie alla rigorosa e sistematica costruzione in legno. Questo materiale da costruzione rinnovabile ha una bassa energia grigia, è perfettamente decostruibile e riciclabile e permette lo stoccaggio del CO2 assorbito durante lo sviluppo dell’edificio". Inoltre la coibentazione è ottimale richiedendo un utilizzo minimo del riscaldamento durante l’inverno.

Coniugare estetica e sostenibilità

Gli architetti degli edifici premiati hanno prestato particolare attenzione alle risorse naturali e alle tradizioni edilizie della regione alpina. Gli edifici mostrano in modo esemplare come l’architettura possa coniugare estetica e sostenibilità. Si caratterizzano per il fatto di minimizzare il consumo di suolo, di impiegare materiali da costruzione rinnovabili e di ridurre al minimo il fabbisogno di energia o coprendolo autonomamente. Il primo premio è stato attribuito all’edificio scolastico Feld di Azmoos (San Gallo), costruito nel 2020 in sostituzione della vecchia scuola che poteva accogliere ottanta scolari. Nel nuovo edificio, più grande, che sorge sulla stessa area, c’è ora spazio per duecento alunni. La costruzione in legno convince per la sua sostenibilità sociale ed ecologica, ottenuta tra l’altro grazie alla creazione di spazi di incontro e alla copertura del fabbisogno energetico con l’impianto fotovoltaico sul tetto.

L’altro secondo premio è andato alla sede dell’azienda specializzata in riscaldamento ÖkoFen France a Saint-Baldoph, vicino a Chambéry, realizzato in legno massiccio dalla struttura portante fino all’involucro. Il team di progetto ha posto accenti di design urbano nel passaggio dalla zona industriale alla zona umida adiacente, ad esempio creando un cortile interno alberato. La giuria ha assegnato il terzo premio alla rinnovata Falkenhütte di Hinterriss, nei monti austriaci del Karwendel. La capanna alpina si inserisce in modo discreto nel paesaggio d’alta montagna. Il team di architetti ha preservato le parti esistenti dell’edificio risalenti agli anni 20 e 60 del secolo scorso, con le quali le nuove costruzioni annesse formano un insieme armonioso. La Falkenhütte è inoltre stata votata come progetto preferito dal pubblico, un riconoscimento che viene assegnato per la seconda volta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved