ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
6 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
6 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
8 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
9 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
9 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
11 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
11 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
12 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
13 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
13 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
14 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
15.09.2022 - 18:11
Aggiornamento: 18:52

Casa Greina alla Città a costo zero, inclusa la ristrutturazione

Bellinzona: i dettagli delle trattative in corso fra Municipio, cooperativa e Dss sulla possibile cessione della struttura per anziani

casa-greina-alla-citta-a-costo-zero-inclusa-la-ristrutturazione
Ti-Press
La casa anziani Greina di proprietà della Società cooperativa Costruzioni

Si accende il dibattito politico sull’ipotesi d’integrare la gestione della casa anziani Greina di Bellinzona nel Settore anziani comunale, dapprima a titolo accompagnatorio e dal 2024 in modo definitivo con l’eventualità anche di un passaggio di proprietà dall’omonima società cooperativa alla Città. Oltre a un’interpellanza del Movimento per il socialismo e alle osservazioni preliminari del Municipio su una mozione Mps, si precisano i contorni dell’operazione annunciata ieri dalla cooperativa Greina proprietaria e gerente della casa di riposo presente dal 1966 in via Pizzo di Claro con 59 posti letto (la metà in camere doppie) e 94 collaboratori. Anzitutto, stando a quanto appurato dalla redazione, emerge che l’eventuale passaggio di proprietà avverrebbe a costo zero per le casse comunali. Idem il risanamento globale il cui investimento è stato stimato dalla cooperativa in 20-25 milioni di franchi; infatti le nuove disposizioni cantonali, aggiornate nel 2020 dopo la mozione parlamentare Durisch, prevedono che anche le costruzioni e ristrutturazioni promosse nel settore anziani da enti pubblici possano beneficiare di un sussidio cantonale completo, mentre prima ammontava a meno della metà. Lo stesso trattamento insomma di cui beneficerebbe la società cooperativa.

Ma allora, perché quest’ultima si dichiara pronta a cedere l’immobile alla Città, visto che la ristrutturazione non le costerebbe nulla? Come abbiamo scritto ieri, il progetto preliminare risalente al 2019 è stato messo in standby anche per una questione di superfici e terreni. E meglio: siccome una ristrutturazione radicale comporterebbe l’impossibilità di usufruire dello stabile per circa due anni, gli ospiti dovrebbero venire spostati temporaneamente in un’altra residenza. Facile solo a parole, non avendo la cooperativa altri stabili a disposizione abilitati a tale scopo. Perciò, prima d’intavolare le recenti trattative col Municipio e il Cantone per un’integrazione nella rete cittadina, la cooperativa aveva chiesto all’esecutivo turrito la disponibilità di un terreno comunale idoneo sul quale costruire una nuova casa Greina, per poi demolire quella vecchia e cedere alla Città questo terreno una volta liberato dalle macerie. Una permuta diretta però fermatasi sul nascere non avendo il Comune trovato un mappale idoneo pronto all’uso. Conseguenza: si dovrà cedere casa Greina alla Città.

Ma il Comune – e qui la domanda s’impone – così facendo non rischia forse di ricevere un dono destinato a generare più problemi che benefici? Interpellato dalla ‘Regione’ il municipale Giorgio Soldini, capodicastero Anziani, Servizi urbani e Ambiente, premette che le trattative intavolate col Dss e la cooperativa sono anzitutto orientate a individuare la migliore soluzione a lungo termine per gli ospiti e anche per i dipendenti di Casa Greina: «In questo senso il Municipio è ben disposto a entrare in materia. A titolo personale considero un valore aggiunto l’eventuale integrazione della struttura nel nostro sistema di gestione in rete, che ne uscirebbe arricchito passando da quattro a cinque strutture». Per quanto riguarda la ristrutturazione, aggiunge Soldini, «bisogna precisare che la Greina può continuare la sua attività, ancora come oggi, per alcuni anni», essendo peraltro stata sottoposta ad ampliamento e parziale risanamento l’ultima volta nel 2005. «Avremmo così tempo a sufficienza per individuare la soluzione migliore, sia che si costruisca da zero nel medesimo luogo o altrove, sia che si ristrutturi. Per tutta la durata del cantiere, qualora si dovesse rendere necessario spostare gli ospiti, d’accordo con le autorità cantonali si potrebbero individuare soluzioni provvisorie facendo capo alle nostre quattro strutture o ad altre case di riposo della zona e delle regioni limitrofe». Come detto, conclude Soldini, «tutto ciò è tema di approfondimento e ovviamente l’anno prossimo dovrà essere concretamente coinvolto anche il Consiglio comunale per una decisione di merito», dopo la prima informazione data ieri alla Commissione della gestione.

No, ma con un’apertura, alla mozione Mps

Il tema, ricordiamo, s’interseca con la mozione del novembre scorso con cui l’Mps chiede la costituzione di un ente comunale case anziani e aiuto domiciliare nel quale far confluire anche le altre strutture private attive nel comprensorio (oltre alla Greina anche l’Aranda di Giubiasco, la Paganini Rè di Bellinzona e la Visagno di Claro) con vigilanza diretta e potere decisionale affidati al Consiglio comunale. Ossia, con un po’ meno di libertà operativa rispetto agli altri Enti autonomi di diritto comunale già attivi. Ebbene, nelle sue osservazioni preliminari datate aprile 2022 e rivolte alla Commissione della legislazione, il Municipio, citando "problemi di attuazione e di opportunità" e sollevando una lunga serie d’interrogativi, invita il Consiglio comunale a respingere la mozione per quanto riguarda l’ente comunale. In particolare chiede se sia opportuno sciogliere o comunalizzare enti che godono di buona salute e che offrono un servizio apprezzato dall’utenza. Tuttavia, l’esecutivo ritiene che l’ipotesi di costituire una rete di tutti gli enti che si occupano di anziani "può essere seriamente presa in considerazione: il tema andrebbe approfondito coinvolgendo nelle riflessioni e nelle analisi tutti gli attori presenti sul territorio".

‘Il Municipio non vuole cambiare opinione?’

Dal canto suo, l’Mps in un’interpellanza depositata oggi ribadisce che la mozione "propone un concetto complessivo che va al di là del semplice passaggio di proprietà o dell’integrazione nell’attuale rete anziani. La mozione vuole garantire in modo uniforme e sufficiente su tutto il territorio cittadino cure in strutture sociosanitarie e a domicilio". Auspicando che il legislativo si esprima in tempi brevi sulla mozione, l’Mps sollecita il Municipio affinché cambi opinione alla luce delle trattative avviate su Casa Greina. Pure sollecitata una riflessione nella prospettiva di sostituire l’attuale direttore del Settore anziani della Città, il quale è in attesa di processo in Pretura penale, insieme alla direttrice sanitaria e all’ex capocure, per i problemi sorti con il Covid alla casa anziani di Sementina, dove nella primavera 2020 sono deceduti 22 ospiti. Pure chiesto al Municipio di specificare come intenda concretamente supportare, dal 1° gennaio 2023, Casa Greina nella gestione transitoria, dopo la partenza del suo direttore dimissionario, e garantire la supervisione.

Leggi anche:

La casa anziani Greina di Bellinzona presto in mani cittadine

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved