01.09.2022 - 14:38
Aggiornamento: 14:55

Simonetta Biaggio-Simona presidente del Centro del Bellinzonese

Entrano nel rinnovato comitato distrettuale anche Enea Monticelli (vicepresidente), Isabella Caccia, Vincenzo Lo Russo e Giovanni Brandino

simonetta-biaggio-simona-presidente-del-centro-del-bellinzonese
Ti-Press
L’archeologa succede a Michele Tamagni

Simonetta Biaggio-Simona è la nuova presidente del Distretto di Bellinzona del Centro. Archeologa e già direttrice dell’Ufficio cantonale dei beni culturali, è stata nominata durante l’assemblea distrettuale tenutasi lunedì sera ad Arbedo, dove si sono riunite le sezioni del Centro di Arbedo-Castione, Bellinzona, Cadenazzo, Isone, Lumino e Sant’Antonino. Biaggio-Simona – in passato presidente sezionale a Giubiasco e a Bellinzona – succede al dimissionario Michele Tamagni. L’assemblea ha pure proceduto alla nomina degli altri membri della dirigenza: il municipale di Lumino e vicepresidente nazionale dei Giovani del Centro, Enea Monticelli, ricoprirà la carica di vicepresidente. Entrano nel comitato anche Isabella Caccia (membro della Direttiva della Sezione di Cadenazzo), Vincenzo Lo Russo (presidente della sezione di Sant’Antonino e consigliere comunale) e Giovanni Brandino (membro della Sezione di Arbedo-Castione). In un comunicato stampa si annuncia che il comitato sarà ampliato per comprendere anche alcuni rappresentanti della Sezione di Bellinzona. Il compito della nuova dirigenza distrettuale sarà quello di "coordinare le sezioni in vista della campagna elettorale per le elezioni cantonali del 2023 e rafforzare i legami fra le diverse componenti del Distretto, tenendo conto delle differenti realtà del territorio". Un comitato che "intende altresì essere parte attiva nell’approfondimento di temi rilevanti per la politica del Bellinzonese".

Nel suo intervento il presidente cantonale Fiorenzo Dadò si è complimentato con il nuovo comitato e i presenti, "ricordando l’impegno e il lavoro necessario per confermare la presenza di rappresentanti del Bellinzonese in Gran Consiglio e far sì che il Centro possa continuare a svolgere il suo importante ruolo anche a livello cantonale".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved