ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
13 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
13 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
13 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
01.09.2022 - 11:52
Aggiornamento: 17:24

Non solo Bellinzona: ‘Miriamo a un Tour de France ticinese’

Accantonata l’idea di un Mondiale o Europeo di ciclismo, il nucleo di ideatori punta sulla Grande Boucle cantonale: prossimo passo incontrare il governo

non-solo-bellinzona-miriamo-a-un-tour-de-france-ticinese
Keystone

E grand départ del Tour de France sia, ma che coinvolga per due o tre giorni l’intero Ticino e non solo il Bellinzonese e l’Alto Ticino. L’idea segnalata il 25 luglio su queste colonne da Antonio Ferretti, giornalista fresco di pensionamento che vanta un passato da ciclista professionista, e sostenuta idealmente dal direttore dell’Otr Juri Clericetti, sta prendendo piede fra il nucleo di persone che nel corso dell’estate ha caldeggiato l’organizzazione di un evento ciclistico di portata internazionale nel Sopraceneri. Mentre il direttore di BancaStato Fabrizio Cieslakiewicz, leventinese e grande appassionato del pedale, aveva confidato l’auspicio che la nostra regione possa un giorno ospitare un Mondiale di ciclismo dopo le quattro edizioni organizzate a Lugano e Mendrisio, dopo che l’imprenditore di Bironico, politico nazionale ed ex ciclista professionista Rocco Cattaneo aveva replicato suggerendo un più modesto Campionato europeo che finanziariamente parlando necessiterebbe un investimento pari a un decimo del Mondiale, sta invece facendo breccia fra gli addetti ai lavori la terza via di Ferretti. E in una riunione a tre convocata ieri sera – presenti anche Cieslakiewicz e il direttore del Centro nazionale svizzero per la gioventù e granconsigliere Bixio Caprara, ma coinvolta nelle valutazioni è anche Agnès Pierret, ex ‘prof’ del pedale belga che nel 2009 ha diretto il Mondiale di ciclismo e che in passato è stata per sette anni direttrice amministrativa della gara a tappe più importante al mondo – sono stati piantati alcuni paletti indicanti una strategia da seguire.

Il direttore Prudhomme si è detto interessato

Punto primo, capire se la Direzione del Tour de France – che dopo Mondiali di calcio e Olimpiadi è il maggior evento sportivo per importanza anche televisiva al mondo – è disposto a entrare in materia di un’eventuale candidatura ticinese: «E la risposta è stata positiva», spiega Antonio Ferretti alla ‘Regione’ indicando un’apertura in tal senso ottenuta informalmente al telefono dal direttore Christian Prudhomme. Il quale – riconoscendo al Ticino indubbie qualità organizzative, un’interessante conformazione del territorio ciclisticamente parlando e una non eccessiva distanza geografica dalla Francia per la prosecuzione della Grande Boucle dopo le prime due o tre giornate ticinesi – ha lui stesso piantato il secondo paletto. Ossia la necessità di presentargli un dossier che sia corroborato da un inderogabile appoggio istituzionale. «Ed è il passo che ci accingiamo a compiere sia chiedendo prossimamente un incontro al Consiglio di Stato, sia rivolgendoci anche alle autorità federali», segnala Ferretti.

Un prologo, una tappa in linea e una partenza verso la Francia

Punto terzo: «In caso di adesione politica e istituzionale, che dovrà giocoforza contenere anche il côté finanziario quale base di partenza su cui iniziare a costruire la ricerca di partenariati, collaborazioni e sponsoring, si tratterà di redigere una candidatura vera e propria». E qui, come detto, si sta ragionando non più sul Sopraceneri e in particolare sul Bellinzonese, ma sull’intero Ticino. In linea di massima il programma includerebbe il sabato una prima tappa di prologo in una città; la domenica una tappa in linea di circa 180 chilometri che tocchi i laghi Verbano e Ceresio dal Locarnese, al Luganese fino al Mendrisiotto; e il lunedì una lunga tappa di avvicinamento alla Francia che potrebbe partire da Locarno via Centovalli oppure dal Vallese. «Abbiamo le idee in chiaro – sottolinea Antonio Ferretti –, ma da queste fino ad avere qualcosa di concreto, ce ne passa. Ci troviamo in una fase embrionale che richiede la ricerca di una serie di conferme. Al momento non possiamo dire se siamo fiduciosi o meno, sono troppe le variabili in gioco. Ma certamente, pur considerando il momento generale difficile sul piano locale e internazionale, quanto andiamo a proporre rappresenta un veicolo promozionale straordinario per l’intero territorio. Ecco perché il progetto trova la sua forza non solo singolarmente nei castelli di Bellinzona, nel Lago Maggiore o nelle vallate superiori; a nostro avviso deve abbracciare tutto il Ticino».

Le stelle che vinsero in Ticino e la storia

Due calcoli per il budget necessario sono già stati fatti, con un impegno prevedibile nettamente inferiore ai 20 milioni necessari per un Mondiale, «ma comunque sempre di diversi milioni si sta parlando». Si lavora su una tempistica di almeno cinque anni, considerando che la Grande Boucle intercala delle partenze dalla Francia ad altre fuori nazione, come fatto quest’anno in Danimarca, come si farà l’anno prossimo nei Paesi Baschi e come potrebbe succedere nel 2024 a Firenze. «Un punto a nostro favore – conclude Antonio Ferretti – è la storia che lega intimamente il Ticino al ciclismo che conta. A Lugano nel 1953 vinse Coppi, a Mendrisio nel 1971 Merckx, nel 1996 a Lugano il leone delle Fiandre Museeuw bruciò allo sprint Gianetti, mentre l’australiano di casa nostra Cadel Evans ha vinto nel 2009 a Mendrisio aggiudicandosi l’anno successivo la maglia gialla del Tour de France. Una doppietta straordinaria. Vicende che potrebbero avere un peso specifico molto elevato nella nostra candidatura a Parigi. Ce lo auguriamo!».

Leggi anche:

Il grande ciclismo a Bellinzona? ‘Penso al Tour de France’

Il Tour de France a Bellinzona? ‘Positivo per tutto il Ticino’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved