ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
5 ore

Lugano, Lombardi: ‘Commissioni di quartiere da attivare’

Il municipale amareggiato per lo scarso interesse dimostrato nella consultazione sul Piano direttore comunale. ‘Coinvolgere resta importante’
Mendrisiotto
5 ore

Al Centro temporaneo per migranti si sente la pressione

Tornano a salire i numeri della struttura che, dopo Rancate, accoglie le persone destinate a essere riammesse in Italia
Mendrisiotto
5 ore

Morbio Inferiore, a dicembre torna Natale in piazza

Dal 2 al 23 saranno diverse le attività e proposte. Non mancheranno il tradizionale albero addobbato e lo chalet, ma non verranno usate luminarie
Mendrisiotto
5 ore

Mendrisio, ufficializzato il primo Consiglio dei giovani

Il progetto, avviato dal Dicastero politiche sociali e politiche di genere in stretta collaborazione con il Dicastero istruzione, è una prima in Svizzera
Luganese
6 ore

Val Mara, arriva il concerto di Natale

I canti gospel e natalizi del coro dell’Accademia ticinese di musica e il sestetto vocale Atm avranno luogo giovedì 8 dicembre a Maroggia
Ticino
6 ore

Premi cassa malati, deduzioni in più per i figli verso il sì

Lega, Plr, Centro e Udc sottoscrivono il rapporto che dà via libera alla loro iniziativa. Il Ps: ‘Valutiamo il referendum, favorisce i più ricchi’
Luganese
6 ore

Lugano, Test Hiv anonimi, gratuiti e senza appuntamento

Verranno effettuati in occasione della Giornata mondiale di lotta all’Aids, giovedì 1° dicembre presso la sede di Zona protetta in via Bagutti 2
Mendrisiotto
6 ore

Rancate festeggia due nuovi servizi pubblici

Le novità per il comune saranno festeggiate alla Farmacia Santo Stefano in via della Posta 5 il 13 dicembre alle 18.30
Ticino
6 ore

Preventivo, il sì borghese vincolato alla revisione della spesa

Lega, Plr, Centro e Udc sostengono la previsione per il 2023 del governo (-80 milioni), ma con dei paletti. Il Ps: ‘No a queste politiche neoliberiste’
01.08.2022 - 14:43
Aggiornamento: 02.08.2022 - 10:39

‘Vivere la patria e la pace, anziché farne delle teorie’

Primo agosto: il vescovo Lazzeri ha esortato i molti fedeli saliti con lui sul Passo del San Gottardo a fare gesti concreti

vivere-la-patria-e-la-pace-anziche-farne-delle-teorie
Ti-Press/Filippi
+2

È un’esortazione «a vivere la patria, la libertà e la pace, prima ancora che arrivare a pensarle e a farne una teoria», quella che il vescovo Valerio Lazzeri ha rivolto ai fedeli ticinesi giunti numerosi sul Passo del San Gottardo per celebrare insieme la festa del Primo agosto dopo due anni di stop causa pandemia. «Patria, libertà e pace, e le vicende odierne continuano a insegnarcelo, non sono sostanze prefabbricate e inviolabili, custodite per sempre nella cassaforte dei nostri ordinamenti civili. Sono realtà da accogliere con umiltà e perseveranza insieme al dono della vita», ha sottolineato il capo della Diocesi ticinese ricordando che «coloro che ci hanno preceduto non sono partiti da definizioni astratte o da grandi enunciazioni per costituire il primo nucleo della Confederazione. Hanno cominciato dal passo, possibile in quel momento, per vivere insieme in altro modo rispetto a quello che era dato per scontato».

E sulla guerra, ‘vincere l’isolamento’

Don Valerio ha quindi invocato l’aiuto di San Nicolao della Flüe, «nostro patrono e operatore di pace, in un’ora particolarmente buia della nostra storia, a riconoscere oggi la via della pace, quella che fa di ogni confine che separa, l’occasione di vincere ogni orgoglioso isolamento, di superare la sterilità dei conflitti, di arrivare a riconoscere insieme, sulla terra che ci è stata donata, la prossimità del regno di Dio, di cui in questa eucaristia possiamo pregustare realmente, anche se ancora nel mistero, l’intensità e la forza d’amore trasformatrice dei cuori». Citando poi la frase dell’evangelista Luca, "È vicino a voi il regno di Dio", il vescovo lo indica «vicino a noi che guardiamo attoniti e sgomenti al ritorno della guerra in Europa, ai numerosi conflitti e focolai di violenza e d’ingiustizia che insanguinano la terra e ci rendono inquieti sulle sorti dell’umanità e della creazione intera. È vicino quello stretto ma reale passaggio che può condurci dalla morte alla vita, dalla sterile contrapposizione tra fronti diversi, alla scoperta della nostra verità nella disarmante e disarmata fragilità dell’altro».

Accogliere o rifiutare, ‘una questione di vita o di morte’

Da qui l’esortazione iniziale a vivere nei fatti, e meno nella teoria, i valori di patria, libertà e pace: «Ogni città, ogni collettività umana, è messa di fronte a un’opzione fondamentale, a cui non è possibile sottrarsi. Accogliere o rifiutare, infatti, non può essere solo una scelta d’interesse o di calcolo. È una questione di vita o di morte. Si tratta di capire se per noi vivere continua a essere quel miracolo quotidiano che ci riempie di stupore e di riconoscenza, se continua a renderci filiali e fraterni, o se a poco a poco il nostro essere al mondo si riduce a un puro sforzo di conservazione di riserve di beni o di privilegi, destinati fatalmente, prima o poi, al decadimento e alla perdita».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved