ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarno
7 ore

Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’

La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
8 ore

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
9 ore

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
9 ore

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
9 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
9 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
9 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
10 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
10 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
10 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
10 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
10 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
11 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
11 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
Locarnese
11 ore

Gordemo, arriva (con gusto) il Carnevale in piazza

Libagioni protagoniste ai festeggiamenti, previsti domenica prossima, 5 febbraio, grazie alla Società Ricreativa
01.08.2022 - 22:41

Un brano tira l’altro: ‘Lavoro già all’album del 2023’

Michel Steyaert di Claro racconta la sua maturazione in ambito musicale. La prima fatica ‘20 anni’ presto a disposizione su Spotify

di Iaco Salvioni
un-brano-tira-l-altro-lavoro-gia-all-album-del-2023

Si arricchisce di nuove sfide la carriera musicale di Michel Steyaert. Il giovane di Claro, terminata la pausa presa per assolvere gli obblighi militari, ha ripreso a scrivere e a musicare canzoni e ha recentemente pubblicato il suo primo album. S’intitola ‘20 anni’, ossia la sua età, e i testi parlano della sua vita, di come sia giovane e si diverta a fare ciò che più desidera. Ma anche di come abbia passato dei periodi più difficili: «Infatti il brano ‘Tutto nero’ parla di un momento buio». A poche settimane dall’uscita, il lavoro ‘20 anni’ ha superato le 80mila visualizzazioni. Composto da cinque brani, l’album è per il momento disponibile solo su Youtube, ma nei prossimi giorni sarà pubblicato anche su Spotify. «Abbiamo scelto di non renderlo disponibile anche in Cd – spiega Michel alla ‘Regione’ – a causa dei costi decisamente elevati; inoltre oggigiorno la musica viene ascoltata principalmente sui siti di streaming». Da poche settimane è stata anche rilasciato il nuovo brano estivo ‘Claro’.

La formazione prosegue a Tenero

Michel frequenta il Centro sportivo nazionale della gioventù di Tenero dove ha sede la Scuola cantonale per gli sportivi d’élite. Terminato il tirocinio, questa soluzione gli permette di proseguire la formazione in ambito commerciale e, parallelamente, di continuare a recarsi regolarmente a Torino nello studio dove sviluppa e registra le canzoni. Il fatto di aver firmato un contratto con la casa discografica Rkh gli ha permesso di frequentare la scuola di Tenero. Ciò che rappresenta una soluzione ideale. «Se non potessi seguire le lezioni a distanza offertami dalla Scuola per sportivi d’élite, sarebbe molto più difficile continuare la carriera musicale e ottenere al contempo anche il diploma, considerate le 16 ore a settimana di lezioni con il maestro di musica e le sedute di registrazione in studio a Torino».

‘Team fondamentale, anche il mental coach’

Oltre alle doti personali e artistiche – gli chiediamo – cos’altro necessita un giovane che intende affermarsi nel non facile mondo della musica pop, notoriamente affollato e competitivo? «Sono seguito da una squadra di professionisti che mi aiutano a scrivere e a organizzarmi in molte situazioni. E c’è anche una parte di supporto emotivo», sottolinea il ventenne di Claro. La squadra è composta da un producer cui Michel sottopone i testi dei brani: «Insieme poi componiamo le canzoni». C’è anche un tour manager, che si occupa di organizzare i concerti e gli eventi; nonché un press office che redige e invia i comunicati stampa gestendo la promozione in generale; e infine il mental coach che lo sostiene assicurando un supporto personale e la preparazione psicologica. «Prima di dedicarmi professionalmente alla musica non immaginavo che un giorno avrei potuto o dovuto far capo a un sostegno di questo tipo», dice Michel riferendosi al mental coaching: «Ma si tratta forse di una delle parti più importanti. Da fuori, è difficile immaginare quanto tutto questo possa essere provante a livello psicologico».

Il primo concerto live, altri seguiranno

Oltre alle registrazioni c’è poi il côté della musica live: «Recentemente ho partecipato a un concerto come artista di spalla. Si è trattato di un evento di dimensioni limitate, che si è rivelato un buon inizio per me», sottolinea. Il concerto si è svolto a Torino durante la festa per i dieci anni della casa discografica Rkh: «È stato senza dubbio emozionante, ho avuto la fortuna di trovarmi vicino ad artisti noti. Ora che ho firmato il contratto dovrei partecipare a più concerti, magari qualcuno anche in Ticino… Stiamo già fissando le prime date».

Ispirato dai genitori e dalla zia Judith Emeline

Michel ha iniziato a imbracciare la chitarra giovanissimo, a soli quattro anni: la musica gli è sempre piaciuta, non da ultimo perché già sua madre suonava la chitarra, mentre il padre ha sempre ascoltato molta musica in casa. Quindi all’età di 14 anni «ho iniziato a seguire mia zia nello studio di registrazione». La parente in questione è Judith Emeline, cantante poliedrica di origini giamaicane molto conosciuta in Ticino. «L’ambiente è interessante, si fanno molte conoscenze. Per esempio ricordo quella volta che vidi all’opera Sebalter in studio». Dopo aver terminato l’apprendistato d’impiegato di commercio, Michel aveva deciso di tentare con un primo brano coinvolgendo il chitarrista ticinese Lupo Lupazzi. Buona la prima, come si dice. Così, la canzone successiva l’ha invece scritta e composta da solo. S’intitola ‘Ricordati’ e grazie ad essa il giovane artista ha attirato l’attenzione della casa discografica Rkh: «Ed ora posso confrontarmi con artisti professionisti conosciuti». Il cammino è ormai lanciato: sempre recentemente «ho firmato per un nuovo album la cui uscita è prevista nel 2023. Siamo già al lavoro, buona parte dei brani è pronta e nelle prossime settimane ci ritroveremo per lavorare intensamente», conclude entusiasta Michel Steyaert.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved