atteggiamento-mafioso-pronzini-querelato-dal-municipio
Ti-Press
Matteo Pronzini e Mario Branda
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
6 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
7 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
8 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
8 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
9 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
Ticino
9 ore

Passate le nubi nere della pandemia, Arcobaleno torna a crescere

Nell’anno del 25°, la Comunità tariffale del trasporto pubblico parte sotto i migliori auspici. ‘I prezzi sono convenienti’, ribadiscono più voci
Ticino
9 ore

‘Banca dati polizia: progetto affidato alla Confederazione’

Il governo risponde all’interrogazione di Galusero. Lui: ‘Sono deluso, l’assenza ancora oggi di un database nazionale fa il gioco della criminalità’
27.05.2022 - 17:30
Aggiornamento: 21:17

‘Atteggiamento mafioso’, Pronzini querelato dal Municipio

Bellinzona: il consigliere Mps indagato per diffamazione, calunnia e ingiuria. All’origine un suo intervento in Cc sulla casa anziani di Sementina

Una legislatura iniziata in un clima di tensione, con un pressing politico esercitato da più fronti politici, di sinistra e di destra, sul Municipio nell’ambito di più temi sensibili. Uno di questi in particolare – i 22 decessi per Covid alla Casa anziani di Sementina con tanto di inchiesta penale ora sfociata in tre proposte di pena contestate dai vertici della struttura – a più riprese ha surriscaldato il clima nella sala del Consiglio comunale. Ed è proprio durante uno di questi confronti diretti che dai banchi del Legislativo è partita all’indirizzo dell’Esecutivo un’accusa che quest’ultimo ha poi unanimemente ritenuto di dover sottoporre al giudizio dell’autorità penale tramite una querela presentata contro il consigliere del Movimento per il socialismo Matteo Pronzini. Denuncia sulla base della quale il procuratore pubblico Roberto Ruggieri ha aperto un’inchiesta per le ipotesi di reato di diffamazione, calunnia e ingiuria.

La frase criticata

È la sera del 20 settembre 2021 quando Pronzini prende la parola per circostanziare la risoluzione Mps critica sul ricorso interposto dal Municipio al Tribunale federale contro i servizi mandati in onda dalla ‘Rsi’ relativi a Sementina. Servizi che settimane dopo i primi approfondimenti pubblicati da vari media, hanno aggiunto ulteriori elementi dando voce in particolare ad alcuni familiari. I parenti degli ospiti deceduti, afferma a un certo punto Pronzini, "hanno il diritto di elaborare il loro lutto e non di dover venire a conoscenza che il Municipio usa in modo abusivo i soldi pubblici per azioni temerarie d’intimidazioni di stampo mafioso. Con questo ricorso i sette municipali si assumono la responsabilità politica e morale dei morti; il problema è che la fanno assumere alla cittadinanza". Una frase – come emerge dal verbale della seduta – pronunciata all’interno di un lungo intervento, cui il sindaco replica dopo alcuni minuti: "Abbiamo sentito le disquisizioni del consigliere Pronzini sul tema", attacca Mario Branda: "Come sempre un linguaggio ingiurioso e insultante, come se non fosse possibile discutere anche di questioni politiche, magari anche delicate, con toni che siano minimamente adeguati a quest’aula. È questa la grammatica ed è questa la cultura politica che esprime Pronzini. Non mi sento e non ci sentiamo di condividerla, anche se è più o meno libero di dire ciò che vuole nei limiti che sono dettati dalla legge e dal Codice penale. Accusare qualcuno di comportamenti di stampo mafioso, evidentemente lo capisce anche chi magari non ha studiato Diritto per troppi semestri, va oltre questo limite. Ma tant’è, ognuno utilizza il vocabolario e la grammatica che gli sono più consoni". Pronzini sarà sentito prossimamente dagli inquirenti in veste di imputato. «Ancora una volta – commenta il capogruppo Verdi/Mps/Fa – l’Esecutivo dimostra di agire senza dover rendere conto a nessuno e, proprio come nel caso dei servizi giornalistici su Sementina, di non saper accettare le critiche». No comment invece dal sindaco.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
branda mafioso municipio pronzini sementina
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved