vanno-a-ruba-gli-spazi-del-nuovo-polo-biomedico-bellinzona
Ti-Press
Lo stabile di via Vela 6, fino all’anno scorso sede dell’Irb
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Rivoluzione e trasformazione digitale, incontro al Ciani

Conferenza a più voci il 30 agosto nell’ambito degli Eventi al parco promossi dalla Città di Lugano
Mendrisiotto
4 ore

Vacallo, una colonia da Grecia antica ma non un’Odissea

Successo per l’iniziativa che ha visto la partecipazione di 55 bambini e 20 giovani monitori
Locarnese
4 ore

È morto Aldo Belloli. Fu re Kapiler del Carnevale di Locarno

Prima bidello al Liceo, poi ristoratore: è stato uno degli ideatori del premio ‘Boccalino’ del Festival del film
Locarnese
4 ore

Recuperato il corpo dell’83enne annegato a Vira Gambarogno

Il cadavere è stato ritrovato a una profondità di circa 106 metri e a 550 metri da riva usando fra l’altro un sonar e un robot per il recupero
Mendrisiotto
5 ore

Vacallo, ti presento la nuova edizione della Via Lattea

La manifestazione, alla sua 18esima edizione, che unisce il piacere del camminare a quello dell’ascolto, sarà illustrata il 23 agosto
Bellinzonese
5 ore

A Bellinzona ricco programma per la stagione Mini e Maxi teatro

Dodici gli appuntamenti suddivisi in spettacoli per bambini e adolescenti. Si comincia mercoledì 21 settembre
Ticino
5 ore

Il ritorno a scuola si avvicina, la polizia invita alla prudenza

Lo scorso anno 36 bambini si sono infortunati a seguito di un incidente stradale. A dover fare attenzione anche chi utilizza l’auto vicino alle scuole
Bellinzonese
5 ore

Festa popolare per i 127 anni della Musica di Daro

Venerdì 9 settembre ad Artore il corteo seguito dal concerto, dai saluti ufficiali e da una cena
Bellinzonese
6 ore

Luca Chieregato al Teatro Tan di Biasca

Venerdì 26 agosto lo scrittore, regista e cantastorie presenterà il suo nuovo libro ‘Di che storia hai bisogno?’
Locarnese
6 ore

Teatro Scintille, ‘Mille e una notte’ a Locarno

La rappresentazione è prevista nel giardino del Centro Sant’Antonio
Locarnese
6 ore

Festa patronale a Frasco, in Verzasca

Messa, processione e incanto dei doni
Mendrisiotto
6 ore

Ligornetto, binomio di poesia e musica antica al Museo Vela

Sabato 27, si terrà una serata dedicata al dialogo tra parola e suono dell’arte antica con Luca Pianca alla trioba e con Marcel Dupertuis e i propri poemi
Luganese
7 ore

Un altro furbetto dei crediti Covid in aula: condannato

Sottratti 80mila franchi ai danni dello Stato. ‘Aiuti ottenuti illecitamente’ gonfiando i bilanci di una società che gestiva un ristorante di Lugano
Mendrisiotto
7 ore

Morbio Superiore, sagra sul colle di San Martino

Appuntamento per domenica 28 dalle 11 alle 14.30 con santa messa, pranzo e lode Vespertina organizzati dal gruppo nuova Bragada
Bellinzonese
7 ore

Rodi, ecco la Festa di Lèras

Domenica 21 agosto al campo da calcio pranzo a base di polenta e contorni, musica e tombola
Locarnese
7 ore

Festa di San Bartolomeo a Indemini

La messa sarà celebrata dal vescovo Valerio Lazzeri
laR
 
09.05.2022 - 05:10
Aggiornamento: 15:33

Vanno a ruba gli spazi del nuovo Polo biomedico Bellinzona

Il secondo e terzo piano saranno occupati dalla startup britannica Peptone che fa ricerca nel campo delle proteine

Stanno andando letteralmente a ruba gli spazi liberati lo scorso autunno dall’Istituto di ricerca in biomedicina (Irb) nella sua vecchia sede bellinzonese di via Vela 6, destinata a ospitare il nuovo Polo biomedico Bellinzona. Edificio che dopo il trasferimento dell’Irb accanto al Parco urbano, la Città ha comprato a fine 2021 da un’immobiliare per 6 milioni con l’intenzione d’inserirvi più attività di ricerca. Obiettivo: garantire loro una base logistica per 10-15 anni quale incubatrice di società e istituti e permetterne così lo sviluppo e l’affermazione; il futuro del Polo biomedico Bellinzona dovrebbe successivamente concretizzarsi nel previsto nuovo Quartiere Officina, dove s’intende creare la casa definitiva per l’eccellenza della ricerca. Ora, stando a nostre informazioni, l’inquilino che a partire già da questo maggio occuperà progressivamente il secondo e terzo piano dell’edificio di quattro livelli versando l’affitto al Comune è la Peptone Switzerland Ag. Iscritta a Registro di commercio soltanto un mese fa, ha la sede amministrativa nel palazzo Fidinam in piazza Indipendenza. Peptone (termine che in biochimica indica i prodotti che si formano durante i processi di demolizione naturale delle sostanze proteiche) è una startup britannica che mira a sostenere le aziende farmaceutiche nello svelare i segreti, appunto, delle proteine. In parole povere combina fisica molecolare computazionale e reti neurali per analizzare il comportamento delle proteine, ossia un problema centrale per molta medicina d’avanguardia. Infatti la creazione di vaccini contro il Covid-19, per restare ai tempi più recenti, si è concentrata principalmente sulla comprensione della proteina ‘spike’ sulla superficie del virus. Sempre in termini molto semplificati, gli anticorpi che combattono le malattie sono proteine e l’accumulo eccessivo di certe proteine nelle cellule cerebrali si pensa sia la causa di malattie come l’Alzheimer e il Parkinson.

Al primo piano Scuola oncologia e ricerca sui linfomi

Tornando all’aspetto logistico, anche il primo piano dell’ex sede Irb è già aggiudicato e sarà condiviso a partire da luglio fra la European School of Oncology, attualmente anch’essa in affitto nel palazzo Fidinam in piazza Indipendenza, e l’International Extranodal Lymphoma Study Group (Iosi-Ior) attivo all’ospedale San Giovanni che ne richiede la partenza per bisogno di spazio. A suo tempo altri potenziali inquilini si erano interessati, ma senza esito: sono l’Ente ospedaliero cantonale (un numero crescente di nuovi professori, appena nominati, richiedono spazio di laboratorio), il Centro di competenze farmacologiche e Humabs. Papabile per il quarto piano è una startup che opera provvisoriamente nella sede dell’Istituto oncologico di ricerca in via Pometta. "Le richieste sono in fase di valutazione e non si può escludere che saranno necessari ancora alcuni interventi allo stabile al momento attuale non quantificabili", spiega il Municipio nel proprio messaggio, firmato mercoledì, col quale chiede al Consiglio comunale di stanziare 1,1 milioni, cui si aggiungono altri 185mila franchi già spesi nei mesi passati per "inderogabili interventi di manutenzione" decisi in delega, alcuni di essi "anche per motivi legati alla sicurezza". Ossia controllo dell’impianto elettrico e del sistema antincendio, nonché sistemazioni puntuali di impianto sanitario, pavimenti, tende, rete internet, parapetti, accesso ai piani e pulizia. Il credito richiesto al Cc servirà invece a finanziare l’aggiornamento di diversi impianti: elettrico, antincendio, riscaldamento, raffreddamento e ventilazione, accessi allo stabile, sostituzione ascensore, rattoppi al tetto, finiture interne, adattamenti degli spazi e impianti specialistici. Tutto ciò è ritenuto necessario per consentire un utilizzo sicuro dello stabile in un contesto molto particolare che è quello della ricerca biomedica, rispettando con ciò "le aspettative e le esigenze degli inquilini". Con gli accordi presi che verranno a breve formalizzati contrattualmente, specifica l’Esecutivo, il Polo biomedico Bellinzona "sarà interamente operativo nel 2023 con tutti gli spazi locati e potrà dar lavoro a circa cento ricercatori esperti in biomedicina".

Un concentrato di tecnologia

Lo stabile risale a metà degli anni 60 ed era stato rinnovato intorno agli anni 2000. Lo stato di conservazione è discreto; alcune parti sono giunte a fine vita ed è necessario sostituirle. "Uno stabile di questo genere, convertito per operare nella ricerca, ha molte istallazioni specifiche per servire i laboratori", sottolinea il Municipio nel messaggio. Per poter operare adeguatamente, "tutti i laboratori devono avere un grado di sicurezza elevato con allestimenti specifici per il tipo di ricerca. Lo stabile dispone di condotte particolari per il trasporto di gas, liquidi e appositi elementi per la ricerca biomedica. L’edificio è studiato per l’utilizzo centralizzato dell’anidride carbonica, dell’acqua demineralizzata e il lavaggio oculare; dispone inoltre di appositi spazi per l’azoto liquido e ha rilevanti zone dedicate alle celle frigorifere. Il sistema di riscaldamento e raffreddamento è centralizzato e funziona con termopompe che lavorano in sinergia". A questo punto, come detto, la strategia scelta mira a "prolungare il ciclo di vita per 10-15 anni, per poi valutare l’eventuale futura destinazione dell’immobile". Il tutto senza procedere a un risanamento totale che costerebbe 6 milioni, ma limitandosi a interventi mirati.

Leggi anche:

Stabili di via Vela e Irb/Ior 2: chi entra e chi paga

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona peptone polo biomedico bellinzona proteine startup
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved