ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
55 min

Il Nebiopoli 2023? ‘Un Carnevale da grandi numeri’

Il presidente Alessandro Gazzani tira le somme di quest‘ultima edizione chiassese. ’Il villaggio è diventato troppo stretto’
Locarnese
2 ore

Per la Stranociada un successo… incontenibile

Organizzatori soddisfatti per le 10mila persone sulle due serate, ma qualcuno lamenta ‘caos organizzativo’ alla risottata della domenica
Ticino
4 ore

Interpellanza sul caso del pianista ucraino sostituito

Ay e Ferrari (Pc) chiedono fra l’altro al governo se ‘simili misure dal sapore censorio non giovino alla credibilità della politica culturale del Cantone’
Locarnese
5 ore

Plr e Verdi Liberali di Gordola: ‘Moltiplicatore fisso all’84%’

Il gruppo in Cc si esprime in vista della seduta di martedì sostenendo il rapporto di maggioranza. Municipio e minoranza propongono un aumento
Bellinzonese
5 ore

Valle di Blenio, ultime settimane per distillare a Motto

Il Consorzio Alambicco comunica che l’attività terminerà il 28 febbraio
Bellinzonese
8 ore

Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla

Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Mendrisiotto
8 ore

Castel San Pietro celebra i 100 anni di Elena Solcà

Per sottolineare l’importante traguardo familiari e comunità della casa anziani don Guanella si sono stretti attorno alla festeggiata
Luganese
9 ore

Consegnato alla Fondazione Vanoni l’incasso della riffa

L’iniziativa benefica delle sezioni Plr Centro+Loreto e Molino Nuovo ha permesso di sostenere il progetto ‘Appartamento protetto’ con 900 franchi
02.05.2022 - 18:31
Aggiornamento: 03.05.2022 - 16:55

Il fortino della fame ‘Al Pian di Bur’ di Camorino si trasforma

L’antica fortificazione diventerà un padiglione interattivo per le scolaresche e per chiunque voglia scoprire il valore dell’energia

il-fortino-della-fame-al-pian-di-bur-di-camorino-si-trasforma
Struttura attualmente inutilizzata

Il fortino della fame ‘Al Pian di Bur’ di Camorino, attualmente inutilizzato, "diventerà un padiglione interattivo per le scolaresche e per chiunque voglia scoprire il valore dell’energia e come quest’ultima nasce e viene impiegata", si legge in un comunicato. Nei giorni scorsi il Municipio di Bellinzona ha infatti licenziato il relativo messaggio con il quale chiede al Consiglio comunale di stanziare un credito di 500mila franchi (il Comune contribuirà con 60mila franchi) a favore dell’Azienda Multiservizi Bellinzona per realizzare il progetto denominato ‘Fortino dell’energia’. Se non vi saranno intoppi, i lavori dovrebbero iniziare a metà di quest’anno, con l’obiettivo di poter inaugurare la struttura nell’estate del 2023.

Insegnamento e arricchimento scientifico in mezzo alla natura

Al contrario degli altri quattro fortini della fame che negli anni sono già stati ristrutturati e valorizzati, per quello ‘Al Pian di Bur’ è previsto un recupero differente: "Il rudere sarà ristrutturato, secondo il progetto sviluppato dall’architetto Michele Häusermann di Bellinzona, per far scoprire ai visitatori i vari aspetti legati alla tecnica, all’acqua e in generale al settore dell’energia". Visto che l’antica fortificazione è immersa nel verde, sarà anche possibile svolgere "attività legate alla salvaguardia della natura ed alla scoperta del patrimonio storico della regione". In particolare, grazie a una serie di postazioni didattiche "le classi delle scuole del circondario e del cantone, ma anche turisti e altri interessati, potranno vivere momenti di insegnamento e di arricchimento scientifico in mezzo alla natura". Inoltre al piano terra del fortino "troverà spazio una sala per piccoli seminari, una sorta di aula nel bosco. Al primo piano ci saranno esperimenti di piccole e medie dimensioni da svolgere a gruppi di tre/quattro persone con lo scopo di approfondire insieme i temi appresi".

Gestione affidata al Giardino della Scienza di Ascona

L’aspetto didattico sarà sviluppato in collaborazione con il Technorama Swiss Science Centre di Winterthur. La realizzazione delle strutture per gli esperimenti sarà invece affidata a maestranze locali che potranno costruire le attrezzature necessarie e potranno in seguito occuparsi della loro manutenzione ed eventuali riparazioni o miglioramenti. La gestione vera e propria del fortino dell’energia sarà invece delegata al Giardino della Scienza di Ascona, associazione che si occuperà dell’organizzazione delle attività didattiche durante il periodo di apertura al pubblico previsto da primavera ad autunno, durante il quale saranno organizzate le visite con l’accompagnamento di una o più guide, previo appuntamento.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved