nel-bellinzonese-segnali-di-ripresa-per-autopostale
Ti-Press
Il responsabile vendita settore sud di AutoPostale Alex Malinverno
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
37 min

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
4 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
13 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
14 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
15 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
15 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
15 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
15 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
15 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
15 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
16 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
16 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
16 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
Mendrisiotto
16 ore

Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice

Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Locarnese
16 ore

Locarno, il valore economico della competenza linguistica

Alla Biblioteca cantonale martedì prossimo un incontro sull’importanza della lingua
Mendrisiotto
16 ore

Riva e le aree a lago, la pianificazione è un ‘tema prioritario’

Lo spiega il Municipio, sollecitato da un’interpellanza. Verrà organizzata una serata pubblica per presentare la variante pianificatoria
Locarnese
16 ore

Maggia, lunedì l’Assembla della Parrocchia

Ritrovo alle 20, nella sala della Fondazione San Maurizio
Bellinzonese
17 ore

Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola

La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
17 ore

Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar

Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
11.04.2022 - 18:27

Nel Bellinzonese segnali di ripresa per AutoPostale

Dopo due anni di pandemia che hanno interrotto l’aumento di passeggeri registrato dal 2014, le cifre dell’inizio del 2022 tornano sui livelli del 2019

Segnali di ripresa per il trasporto pubblico su gomma nella regione del Bellinzonese, che ha causa della pandemia aveva subito una brusca battuta d’arresto dopo il netto aumento di passeggeri osservato a partire dal 2014. A rendere ottimisti i relatori intervenuti questa mattina sul piazzale della sede di Bellinzona di AutoPostale, sono i dati del 2021 che indicano un crescita del 16,78% rispetto a quelli del 2020 (da 2,022 a 2,362 milioni di utenti). Cifre ancora inferiori rispetto a quelle pre-pandemia (2,672 milioni i passeggeri nel 2019), ma che per gli addetti ai lavori sono da ritenere incoraggianti tenendo soprattutto conto di una crescita confermata anche nei primi mesi del 2022, con il mese di marzo che per quanto riguarda la regione del Bellinzonese (territori comunali di Bellinzona, Cadenazzo, Sant’Antonino e Arbedo-Castione) indica un aumento di circa 5’500 passeggeri rispetto al 2019.

In qualità di presidente della Commissione regionale dei trasporti, Simone Gianini ha parlato dunque di «un ottimismo giustificato», anche alla luce del confronto con la ferrovia, che anche nel 2021 ha perso il 33% di utenti rispetto al 2019, mentre il Trasporto pubblico su gomma del Bellinzonese ha accusato l’anno scorso un deficit di 11,6% rispetto al 2019. Gianini ha poi sottolineato la «rete capillare, puntuale e di qualità», che a partire dal 2014 – quando AutoPostale assunse la gestione del Trasporto pubblico su gomma del Bellinzonese – ha fatto registrato un aumento dell’utenza di circa l’80%, grazie anche ai contributi cantonali, per quanto riguarda il 2021 attestatesi a quota 4,25 milioni sui costi totali non coperti pari a 8,98 milioni (l’importo rimanente viene saldato dai Comuni).

Le cifre

Mettendo a confronto le cifre del 2021 con quelle del 2020, si registra un +4,6 sulla linea 1 Castione - Arbedo - Bellinzona - Giubiasco - Camorino (la più utilizzata con 987mila passeggeri), +43,7% sulla linea 2 Bellinzona - Monte Carasso - Sementina - Giubiasco, +73,2% sulla linea 3 Bellinzona - Giubiasco - Camorino -Sant’Antonino e +21,7% sulla linea 4 Bellinzona Stazione - Artore - Castello di Sasso Corbaro. Cala invece vertiginosamente (-43,9% rispetto al 2020 e -59,12% rispetto al 2019) l’utilizzo della linea 5 Pratocarasso-Bellinzona Stazione-Ravecchia ospedale. Nel 2021 la nuova linea Castione Ffs - Claro Sciabiago ha invece registrato 18’853 utenti. Solo la linea 2 e 4 hanno superato il numero di passeggeri del 2019.

I dati del 2021 – in ripresa seppur ancora inferiori rispetto a quelli pre-pandemia – si giustificano principalmente con l’obbligo del telelavoro revocato il 3 febbraio scorso. Un elemento, ha spiegato il responsabile vendita settore sud di AutoPostale Alex Malinverno, che ha impattato fortemente, dal momento che molti pendolari non hanno utilizzato il trasporto pubblico, e che ha influito anche sui bus notturni, il cui servizio – anche in considerazione delle chiusure a più riprese degli esercizi pubblici – è stato sospeso per un totale di dodici mesi nell’arco di due anni. «Nonostante le numerose difficoltà dovute alla pandemia – ha detto Malinverno ricordando l’obbligo di mascherina revocato solo lo scorso aprile e le varie misure per favorire il distanziamento sociale a bordo dei bus – siamo sempre riusciti a garantire un servizio pubblico di qualità, che ha saputo rispondere ai bisogni dei nostri clienti».

Positiva l’esperienza del bus elettrico

Positiva, è stato sottolineato, si è rilevata la sperimentazione nel marzo del 2021 di un bus elettrico sulla linea urbana 3. «L’esperienza è stata apprezzata sia dagli utenti, sia dai conducenti – ha affermato Malinverno –. Ci è stato quindi chiesto di fare il possibile per introdurne altri in modo rapido». Se a livello svizzero l’obiettivo è di avere 100 veicoli con motori alternativi (elettrici o a idrogeno) entro il 2024 (con azzeramento di mezzi alimentati da combustibili fossili previsto entro il 2040), in Ticino c’è margine per avere almeno sette linee completamente elettrificate.

Zali deluso ma fiducioso

Oggi a Bellinzona il consigliere di Stato Claudio Zali avrebbe voluto commentare una crescita dell’utilizzo del trasporto pubblico rispetto al 2019, e quindi prima dell’inaugurazione della galleria ferroviaria del Monte Ceneri, del potenziamento della rete su gomma e su rotaia e dell’investimento cantonale di circa 1,2 milioni di franchi (previsto dal credito quadro da 461 milioni di franchi per l’offerta di trasporto pubblico per il quadriennio 2020-2023 approvata dal Gran Consiglio) per una campagna di marketing senza precedenti. «Tutto quanto è stato fatto non ha dato i risultati auspicati, e sarei disonesto se da parte mia non trapelasse un po’ di delusione», ha affermato il direttore del Dipartimento del territorio. «La parte negativa la attribuiamo alla pandemia e non alla qualità dell’offerta», ha però aggiunto, rimanendo fiducioso in vista del futuro. «Pandemia a parte, l’Ufficio federale dei trasporti indica che ci vogliono circa tre anni per instaurare un cambiamento duraturo nella mentalità della popolazione. Il Cantone non intende arretrare e manterrà il suo sforzo per il trasporto pubblico», ha concluso il consigliere di Stato, ricorcando come a partire dal 2020 il Cantone abbia messo in campo il 50% di dotazione finanziaria in più. «A livello nazionale siamo il Cantone che spende di più per AutoPostale».

‘Più economico di quanto ci si aspetti’

Nel 2022 l’obiettivo delle campagne d’informazione sarà di mostrare alla popolazione del Bellinzonese che la regione è servita da collegamenti frequenti e capillari. «Ma vogliamo anche rimarcare come il trasporto pubblico sia meno caro di quanto ci si aspetti», ha sottolineato Malinverno. Tra le novità del 2021 c’è il nuovo punto vendita e consulenza presso l’Ufficio postale centrale di Bellinzona. Qui i clienti privati e aziendali hanno ad esempio la possibilità di usufruire gratuitamente di una consulenza personalizzata sulla mobilità pubblica. In conformità della Legge federale sull’eliminazione di svantaggi nei confronti dei disabili (LDis), i nuovi veicoli MAN C12 Mild Hybrid che circolo per il Bellinzonese dispongono di una nuova grafica con un’etichettatura delle porte studiata per gli ipovedenti. Le porte sono contrassegnate con una striscia gialla, larga 100 millimetri, allo scopo di facilitarne l’utilizzo.

Cinque su cento senza biglietto

Da gennaio 2021 AutoPostale è responsabile per il controllo dei biglietti per tutte le imprese di trasporto pubblico. Composto da sette collaboratori assunti presso la sede di Bellinzona, il team ha verificato sugli autopostali del Sopraceneri circa 35’000 passeggeri, registrando un tasso di clienti sprovvisti di titolo di trasporto del 4,6%, in linea con la media cantonale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
autopostale bellinzonese bilancio
Guarda le 3 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved